Svizzera, 22 dicembre 2023

In Parlamento fallisce (per ora) il ritorno del nucleare

La costruzione di impianti solari ed eolici deve essere accelerata e le possibilità di ricorso limitate. Il Consiglio nazionale ha accettato giovedì con 137 voti favorevoli e 56 contrari la revisione della legge sull'energia. Roger Nordmann (PS/VD) ha citato come esempio il parco eolico di recente costruzione a Sainte-Croix (VD). “Ci sono voluti 25 anni dall’idea iniziale alla consegna del primo kilowattora. Questa è metà della mia vita. Non possiamo più continuare così”.

Ma durante il dibattito si è parlato soprattutto di nucleare. Il PLR voleva che le autorizzazioni per le centrali elettriche fossero nuovamente possibili, nonostante il voto popolare contro l'atomo nel 2017. "Ci sembra opportuno che questo tema venga affrontato", ha affermato Matthias Samuel Jauslin (PLR/AG).

Anche gli eletti dell'UDC si sono pronunciati a favore dell'atomo, l'unica energia in grado, secondo loro, di soddisfare il fabbisogno elettrico della Svizzera, soprattutto in inverno. “L’uscita dal nucleare si è rivelata disastrosa per la sicurezza dell’approvvigionamento. Abbiamo bisogno di più elettricità e in fretta”, ha sintetizzato Michael Graber (UDC/VS).

Gli ambientalisti si sono opposti fermamente. "Se corriamo il rischio di aprire la porta al nucleare, il referendum è sicuro", ha avvertito Delphine Klopfenstein Broggini (Verdi/GE). Martin Bäumle (Verdi liberali/ZH) ritiene che le proposte di riapertura della questione siano una sorta di “cavallo di Troia” e non abbiano nulla a che vedere con il progetto del giorno.



"Se i sostenitori del nucleare sono così disperati da dover apportare emendamenti che non hanno nulla a che fare con l'oggetto di questa legge, forse è un segno che non è giunto il momento di rilanciare questa legge poco popolare", ha aggiunto Roger Nordmann (PS/VD).

Anche il ministro dell'Energia, l'UDC Albert Rösti, si è espresso contro il suo partito. “Abbiamo bisogno di tutte le tecnologie e fonti energetiche”, ha ammesso. Ma nei prossimi decenni la produzione di energia sarà possibile solo attraverso lo sviluppo dell'energia solare ed eolica, ha spiegato. Tuttavia, ha promesso un dibattito sull'atomo.

Alla fine la proposta del PLR è stata respinta con 101 voti favorevoli e 90 contrari. La palla ora passa al Consiglio degli Stati.

Guarda anche 

Macron vuole che la Svizzera finanzi le nuove centrali nucleari francesi

La Francia prevede la costruzione di sei nuove centrali nucleari entro il 2050. Questi i piani del presidente francese Emmanuel Macron. “Per la prima volta dopo dec...
10.04.2024
Svizzera

Il Consiglio nazionale vota per l'apertura domenicale dei piccoli negozi

I negozi situati nei comuni più piccoli potrebbero in futuro essere aperti anche la domenica. È perlomeno ciò che vuole il Consiglio nazionale, che m...
13.03.2024
Svizzera

Dal Consiglio degli Stati un avviso favorevole al ritorno al nucleare

Il Consiglio degli Stati ha accolto un postulato del presidente del PLR Thierry Burkart volto a prolungare la vita delle centrali esistenti e a studiare la possibilit&agr...
07.03.2024
Svizzera

Una Commissione vuole sopprimere le rendite AVS per i figli

Le rendite per figli nell'AVS potrebbero scomparire. Questo è almeno l'auspicio della Commissione per la sicurezza sociale e la sanità pubblica del ...
21.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto