Sport, 20 novembre 2023

Geo Mantegazza, numero 1: visionario e rivoluzionario

Nei giorni scorsi l’ex patron dell’HC Lugano ha compiuto 95 anni: auguri!

LUGANO - Abbiamo due ricordi molti personali dell’ex presidente Geo Mantegazza: li conserviamo gelosamente dentro il nostro cuore, perché sono una dimostrazione lampante dello spessore umano del personaggio in questione. Il primo risale al 1978, nei primi giorni del triumvirato che avrebbe dovuto salvare il Lugano dal fallimento: il buon Geo era appena tornato da Locarno, dove aveva incontrato un manipolo di tifosi che volevano fondare un fan club. Ci trovammo per caso alla pizzeria Commercio, nei pressi dell’allora posteggio UBS. “Se non sbaglio lei è il figlio di un mio ex compagno del ginnasio. Sieda qui accanto a me e mangiamoci una bella pizza assieme…”.Gli chiesi se avrebbe salvato l’HCL dagli abissi e lui mi rispose che ce l’avrebbe messa tutta. Quando ci lasciammo si raccomandò di salutare mio padre.


Di tempo ne è poi passato e i nostri incontri si sono intensificati per ragioni professionali. Quasi sempre alla Resega. Un cenno col capo, un saluto e qualche volta due parole. La vita e gli anni corrono via, e dopo la fine della sua presidenza, ci perdemmo di vista. Sin quando nel 2002, a fine maggio, ci incontrammo quasi per caso vicino a Piazza Riforma. Lui sempre in forma, carismatico, empatico: scambiammo due parole e mi chiese dell’ ex collega di scuola, mio padre. Io, commosso, tardai un attimo a rispondergli, perché mio papà era morto due giorni prima e Geo non lo sapeva. Quando glieli dissi mi abbraccìo e si scusò. “Fai le condoglianze anche a tua mamma”. 


A tanti anni di distanza mi emoziono ancora se ripenso a quelle parole. Ma torniamo al presente: il presidente nei giorni scorsi ha compiuto 95 anni, un traguardo bellissimo. “Penso che lo sport ticinese gli debba molto. Visionario, rivoluzionario (assieme a John Slettvoll) ha cambiato il nostro hockey” ha detto tempo fa l’ex DS Fausto Senni. E, aggiungiamo noi, ha vinto le invidie e le gelosie di chi non ha capito (o voluto capire) la grandezza del suo impegno e della sua passione, nata cammin facendo.

LE FRASI CELEBRI

Qui sotto pubblichiamo alcune frasi celebri pronunciate dal presidentissimo Geo Mantegazza:

L’inizio
“Quando ho preso in mano il Lugano, mi sono reso conto che si poteva dare e fare di più. Il club era messo
male e si trattava di salvare la baracca. Ho dato un colpo di mano e poi mi sono entusiasmato.
Ce l’abbiamo messa tutta. E dopo un paio di anni trascorsi per capire come funzionavano le cose e vedere le potenzialità di questo sport, mi sono buttato senza esitare nel lanciare l’era del semiprofessionismo”.


La spinta
“È stata un’epoca di cambiamento e di entusiasmo incredibile. Un passo alla volta, abbiamo conquistato un poker di titoli di campione svizzero. La nostra spinta ha stuzzicato molti altri a seguirci per quello che ritengo essere stato un positivo spirito di competizione. È grazie a questa spinta che il livello dell’hockey nazionale ha fatto un salto di qualità del quale ancora oggi beneficiamo”.


I preferiti
“Kent Johansson per gli stranieri e Jörg Eberle per gli svizzeri. Uomini e sportivi tutti d’un pezzo, grandi professionisti e signori in ogni frangente nel periodo della loro vita nel quale ho avuto modo di essere il loro presidente. Jörg sono andato di persona a cercarlo a casa sua quando giocava a Herisau”.


Squadra unica
“Mi piace l’antagonismo che stimola. È indubbiamente qualcosa di bello che piace ai tifosi. Non dimentichiamo che le due squadre mobilitano migliaia di persone. Con l’esplosione dei costi nell’hockey e le difficoltà per dotarci di una pista e di una struttura negli Anni Ottanta provai a fare la squadra unica… Pensavo anche a un grande polo sportivo unico al Monte Ceneri. Ma l’idea ebbe breve durata. Oggi non è più pensabile, ognuno ha la sua autonomia”.


La tessera HCAP
“Mai dato soldi all’HCAP, nulla di vero. Mi ero limitato per un periodo a pagare una tessera da sostenitore alla Valascia. Qualche migliaio di franchi. Poi non ho più ricevuto sollecitazioni per il versamento”.


Vicky
“Da quando c’è Vicky, io sono un tifoso speciale che vive con passione e che ha la sua tessera. Ma lascio fare tutto a lei. Io non metto più il naso. Se qualcuno pensa che io sia dietro di lei come consigliere o suggeritore, si sbaglia di grosso”.

M.A.

Guarda anche 

“Il mio Lugano? Diverso da quello di Croci Torti”

LUGANO - Dario Rota, dopo aver festeggiato la salvezza del Lugano Under 21, ha già lo sguardo rivolto a Berna, dove domenica si giocherà la finale di C...
28.05.2024
Sport

Lugano, un saluto amaro. Ma ora testa alla Coppa

LUGANO - Il Lugano non “lancia” al meglio la finalissima di Coppa Svizzera in programma domenica prossima a Berna. Non solo perde con...
26.05.2024
Sport

Lugano, sei in Champions! Grazie all’YB…

ZURIGO – Può una sconfitta essere accolta con una festa? Di solito no, ma in questo caso… possiamo fare uno strappo alla regola. Ebbene sì: ier...
21.05.2024
Sport

“Già ai miei tempi allo stadio ci andavano pochi tifosi”

LUGANO - Willy Gorter (classe 1963) vive in Spagna da alcuni anni: una sorta di buen retiro dopo il periodo vissuto sulle rive del Lago di Lugano (versante ital...
21.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto