Svizzera, 06 novembre 2023

Il Consiglio federale vuole abbassare il canone radiotelevisivo di 35 franchi

Il Consiglio federale intende ridurre il canone radiotelevisvo a 300 franchi annui, una riduzione di 35 franchi rispetto al costo attuale. È quanto riportano le edizioni domenicali di “Le Matin” e “NZZ”, secondo cui il consigliere federale Albert Rösti, responsabile in particolare delle telecomunicazioni, proporrà di abbassare la tariffa da 335 a 300 franchi all'anno. La proposta di Rösti sarebbe una risposto all'iniziativa popolare “200 franchi bastano”, lanciata dal suo stesso partito e sulla quale il Parlamento delibererà presto. L'iniziativa vuole ridurre il budget della SSR e chiede che le economie domestiche paghino solo 200 franchi all'anno e che le aziende siano esentate dal pagamento.



Secondo la NZZ il Consiglio federale raccomanderà di respingerlo e secondo il suo piano non dovrebbe esserci alcun controprogetto. Su quest'ultimo punto il Parlamento avrà però l'ultima parola.

Invece, l’esecutivo probabilmente vorrà riaggiustare questo importo e abbassare il canone, ancora prima che l'iniziativa sia sottoposta al voto popolare. Può farlo attraverso un'ordinanza modificata che non necessita dell'approvazione parlamentare. Inoltre, secondo quanto riferito, il Consiglio federale intende esentare parte dell'imprese dal pagamento della tassa. Dovrebbero ancora pagarlo solo le grandi aziende. Oggi circa un’impresa su quattro è soggetta all’imposta; in futuro questa cifra potrebbe attestarsi tra il 15 e il 20%. Queste due misure significherebbero per la SSR una riduzione delle entrate fino a 200 milioni di franchi all'anno e una riduzione del budget di quasi il 10%, calcolano i quotidiani domenicali.


Guarda anche 

Il Consiglio federale conferma la riduzione del canone a 300 franchi

Saranno 300 o 200 franchi: nei prossimi anni il canone radiotelevisivo riscosso da Serafe diminuirà. Al termine di una procedura di consultazione, mercoledì...
20.06.2024
Svizzera

Il postino in futuro arriverà meno spesso e meno lontano

Nel linguaggio aziendale si parla di “maggiore flessibilità nella distribuzione”. Tradotto ciò significa che in futuro il postino verrà m...
15.06.2024
Svizzera

A Berna si discute di un dietrofront sulle centrali nucleari

Il divieto di costruire nuove centrali nucleari potrebbe presto cadere. È perlomeno l'auspicio del ministro dell'Energia dell'UDC Albert Rösti che...
12.06.2024
Svizzera

Il budget dell'esercito continua a far litigare il Consiglio federale

Il budget da accordare all'esercito continua a far discutere, sia nel Consiglio federale che in Parlamento. Sinistra e Centro si erano accordati su una somma di 15 mi...
04.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto