Svizzera, 08 settembre 2023

A Ginevra corsi di “identità di genere” ai bambini di 7 e 8 anni

All'inizio dell'anno scolastico, una circolare ha suscitato scalpore tra i genitori degli alunni del quarto e del quinto anno delle scuole elementari di Ginevra. Come riferisce la “Tribune de Genève”. Il Cantone infatti ha voluto organizzare un corso di “educazione sessuale ed emotiva” per “rafforzare le competenze dei bambini in termini di identità, intimità, espressione delle emozioni e ricerca di aiuto”.

Intitolato “Con cautela, con fiducia”, il programma è al suo secondo anno ed è condotto da due insegnanti specializzati in salute e benessere. Il suo obiettivo dichiarato è quello di essere “un programma di promozione della salute che contribuisca alla prevenzione degli abusi sessuali”. Nella sua lettera, le autorità scolastiche invitano i genitori ginevrini a dieci incontri informativi a loro scelta in diverse scuole del cantone.

La novità non è però stata apprezzata dal “Collectif parents Suisse” (“Collettivo svizzero dei genitori), un organizzazione che riunisce diverse centinaia di membri a Ginevra, secondo il “TdG”, e circa 2000 simpatizzanti nella Svizzera romanda. Una lettera di rifiuto standard è disponibile da lunedì sul loro sito web con cui, dopo aver modificato il nome, l'età e la classe del proprio figlio si può richiedere che egli non debba presenziare alle lezioni.

La principale critica mossa contro il corso è l'età degli studenti coinvolti e il presunto attivismo politico dell'approccio. “Gli operatori sanitari hanno chiesto ai bambini di 7-8 anni se si sentivano a proprio agio con il loro corpo femminile o maschile e se si sentivano attratti dalle ragazze o dai ragazzi. A quell’età non si fanno domande”, disapprova la presidente del collettivo Vanessa van der Lelij, sulle colonne del quotidiano ginevrino.

Nella sua lettera ai genitori, l’associazione ritiene che l’autorità scolastica mira a introdurre nei bambini “dottrine sul genere, che sono ideologiche”. Un esempio di “propaganda” considera la madre di due adolescenti impegnate nelle sue risse. Secondo lei i bambini “si confidano di più in privato” che davanti a infermieri e psicologi scolastici.

Nato durante la crisi del Covid, il Collettivo Svizzero dei Genitori mira a “creare collegamenti, in tutta la Svizzera, tra genitori preoccupati per il benessere e la salute dei propri figli”. Per loro, questa vicenda di Ginevra si aggiunge alle letture di Drag-Queens nelle biblioteche a bambini e ai vari opuscoli di educazione sessuale distribuiti di recente dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in cui l'associazione aveva manifestato la propria opposzione.

Da parte sua, il Cantone segnala che gli istituti scolastici non hanno ancora ricevuto alcuna lettera di “rifiuto di frequentare il corso”. Il servizio cantonale invia su questo argomento una lettera annuale ai genitori della scuola primaria e un'e-mail ogni due anni.

Dei 20mila genitori informati, “solo una decina hanno chiesto spiegazioni”, secondo il dipartimento. Egli “sottolinea che il programma di educazione alla salute sessuale ed emotiva è adattato all'età degli alunni, intorno ai 7-8 anni, quando si sta costruendo il pudore”, si legge sulla “Tribune de Gèneve”.

Non sappiamo ancora quando si terranno esattamente questi corsi, con grande sgomento del presidente del gruppo: “Il mistero che circonda le date in cui si terranno i corsi ci irrita e la lettera non lo specifica”.

Guarda anche 

La polizia sgombera i manifestanti pro-Palestina dai politecnici di Zurigo e Losanna

Dopo cinque giorni, l'occupazione dell'Università di Losanna da parte di manifestanti filo-palestinesi è stata emulata martedì da studenti de...
08.05.2024
Svizzera

Poliziotti francesi multano un ginevrino in Svizzera a causa di un errore di Google Maps

Di fronte alla dogana di Monniaz (Jussy), una siepe condivide la strada omonima. Da un lato c’è la Svizzera, dall'altro la Francia. Giovedì scorso...
29.02.2024
Svizzera

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

Spende 150'000 franchi del padre malato che le aveva affidato la carta bancaria

Una 40enne residente nel canton Ginevra è stata recentemente condannata per aver speso 150'000 franchi del padre, all'insaputa di quest'ultimo che le a...
08.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto