Magazine, 26 giugno 2023

Tracce di Chernobyl sulla superficie del ghiacciaio: “Ci siamo mangiati 30 anni”

Sull’Adamello compaiono sempre più tracce della nube tossica del disastro nucleare dell’86: lo scioglimento delle nevi continua in maniera inesorabile

MILANO (Italia) – Le tracce della nube tossica dell’incidente di Chernobyl stanno affiorando sempre di più nella gigantesca carota di ghiaccio che è stata prelevata dall’Adamello. Gli scienziati le hanno trovate lì, nella parte più alta del ghiacciaio, in uno degli strati più vicini alla superficie. “Ci siamo mangiati 30 anni di ghiacciaio”, ha spiegato Valter Maggi, capo dei ricercatori che stanno analizzando la qualità dell’enorme ghiacciaio alpino. Lui e i suoi ricercatori hanno trivellato e portato a galla un blocco gelato di 225 metri per studiarlo nel regno a -50 °C sotto l’università milanese della Bicocca. 

 
 
I ghiacciai, è risaputo, mantengono vivi i segreti del clima e della storia dell’uomo, grazie alla neve che congela le informazioni presenti nell’atmosfera. Lì è conservata un’enciclopedia del clima che viene a galla man mano che la neve si scioglie. “Il ghiacciaio è un libro senza numeri di pagina, ogni tanto ne spunta uno”, ha continuato Maggi. All’interno della carota prelevata, ad esempio, sono state trovate tracce di eruzioni vulcaniche, di incendi, di inquinamento e, a una profondità di 66 metri, tracce che sono chiaramente riconducibili alla Prima guerra mondiale.
 
 
Tra tutte queste informazioni, c’è quella che davvero preoccupa gli scienziati in merito allo scioglimento dei ghiacciai. “Chi cammina sull’Adamello lo fa su un ghiaccio degli anni Ottanta”. Nella parta più alta del maxi campione di ghiaccio, infatti, gli scienziati hanno trovato il Cesio, “un isotropo radioattivo, tipico segnale che identifica l’azione dell’uomo, perché si forma all’interno dei reattori nucleari o delle esplosioni termonucleari”. Segni inequivocabili, insomma, del disastro di Chernobyl, che essendo vicinissimi alla superficie mettono tutti in guardia: il ghiacciaio sta perdendo massa e volume, fondendosi con una velocità tale che “se andiamo avanti così, presto cammineremo su un ghiaccio degli anni ‘60”.

Guarda anche 

Una Commissione critica la sentenza della CEDU, "non ha conseguenze per la Svizzera"

Il Consiglio federale deve spiegare agli altri Stati che la Svizzera sta già facendo abbastanza in materia climatica, ritiene una commissione del Consiglio degli S...
22.05.2024
Svizzera

La Corte europea per i diritti dell'uomo condanna la Svizzera per "inazione climatica"

Martedì la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato per la prima volta uno Stato, la Svizzera, per violazione della Convenzione sui diritti del...
09.04.2024
Svizzera

Strategia climatica di Berna: Carne più cara e meno sussidi agli agricoltori

La Confederazione intende avviare una vasta “trasformazione del sistema alimentare” per attuare la sua strategia climatica. L'obiettivo è che le pe...
21.08.2023
Svizzera

LOCli: una legge ideologica e pericolosa

Se ogni nuova legge venisse sottoposta ad un esame sul rapporto costi-benefici, la legge sul clima (LOCli, detta anche “legge divoratrice di elettricità&rdqu...
11.06.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto