Magazine, 18 giugno 2023

“Ho girato mezzo mondo e poi ho scoperto la radio”

A colloquio con il simpatico Danny Morandi, animatore e presentatore

LUGANO - Dirompente, iperattivo, simpatico, umano: non sappiamo se a Danny Morandi, nostro ospite a colazione, vadano a genio questi aggettivi. Per noi, che ne conosciamo le gesta, calzano a pennello. Personaggio di spicco del team di Radio 3i, intrattenitore e presentatore radiofonico, è diventato un vero e proprio idolo degli ascoltatori dell’emittente di Melide. Nato a Bülach, nel canton Zurigo (il suo vero nome è Daniele Conigliaro: sembra non ci siano legami di parentela con Marcos Conigliaro, attaccante argentino del Lugano degli Anni Settanta) ha frequentato la scuola di commercio ma la sua carriera in questo settore non dura molto. Infatti nel 2000 decide che è ora di girare il mondo e diventa animatore turistico in vari paesi del globo. Dai Caraibi, all’Europa, al Continente Nero, dove vive una bellissima esperienza a Zanzibar. A Radio 3i dal 2009, conduce dal lunedì al venerdì (dalle 15 alle 18) la trasmissione Tandem con Michael Casanova. 


Danny, perché la radio?
Per passione, non ci sono altre spiegazioni


Ma prima faceva un altro mestiere…
Vero, lavoravo nei villaggi turistici di mezzo mondo come animatore: Spagna, Zanzibar, Honduras, Cuba e via dicendo… 


Per quanti anni?
In tutto nove


Poi l’approdo a Radio3i
No, ho cominciato a RTO Verbania, dove ho imparato il mestiere, e quindi sono passato a Radio Fiume Ticino 


E poi a Melide…
Esatto: la mia casa. Ci sto bene, un bel gruppo


Ora è al fianco di Michael Casanova…
Diventato nel frattempo Miguel Casanueva… Con lui mi trovo ad occhi chiusi.


I colleghi con i quali lega di più?
Tanti ma citerei due nomi in particolare: Valerio Ventura e la mitica Lolly Camen. È stata lei a segnalare il mio nome alla radio 


Sembra che il pubblico vada pazzo per lei… 
Se è vero, lo ringrazio di cuore


Cominciamo il giochetto: calcio o hockey?
Calcio


A proposito: che ne dice della finalissima di Coppa Svizzera? 
Il Lugano ha perso ma è uscito a testa alta. Bravi tutti, da Croci Torti ai giocatori!


Ambrì Piotta o Lugano
Sono bianconero!


Idolo dello sport
Roberto Baggio


Idolo della radio?
Rosario Fiorello


Idolo della vita?
Mio padre


Un amico?
Ne cito due: Diego e Igor


Il libro preferito?
Terzo grado di James Patterson


Il film?
Il gladiatore, di Ridley Scott


Attrice?
Edwige Fenech


Attore?
Pierfrancesco Favino


Cantante donna?
Elodie


Cantante uomo
Biagio Antonacci


La donna più bella?
Mia mamma


A cena con…
Michelle Hunziker


La famiglia?
L’unica cosa che conta.

Come si definirebbe? 
Un uomo di mondo

MDD

Guarda anche 

“Ho militato nel Wiedikon, la squadra in cui iniziò Kuhn”

LUGANO - I giornalisti non “professionisti”, ossia coloro che nel tempo libero hanno collaborato o collaborano con le varie testate pur pratica...
19.02.2024
Sport

“Sogno un mondo migliore, con più tolleranza e rispetto”

LUGANO - Roberto Mazzetti (1955) è uno dei tanti giocatori che hanno vestito la maglia dell’Ambrì Piotta e del Lugano. Non una grandissima c...
11.02.2024
Sport

“L’ACB di patron Calleri? Sogno purtroppo svanito”

LUGANO - Riccardo Di Benedetto (classe 1985) da due anni è il preparatore dei portieri del Lugano e supervisore dei colleghi che operano nell’Aca...
04.02.2024
Sport

“Ho fatto anche il giornalista. Che tempi e quanti ricordi!”

LUGANO - Luca Righetti (1970) è legale interno e responsabile media dell’HC Lugano. Dal 1999, anno in cui i bianconeri iniziarono la loro brillante...
29.01.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto