Opinioni, 10 marzo 2023

La triade vincente per il Ticino che meritiamo

Dobbiamo dire la verità. Il Ticino prospero e brillante, che conoscevamo, sta sempre più scomparendo sotto i nostri occhi giorno dopo giorno.
Il nostro Cantone oggi assume progressivamente le sembianze di una palude immobile.
La ricchezza e la prosperità maturate tra gli anni ’60 e gli anni ’80 non ci permettono più di vivere di rendita e non sono neppure più in grado di generare benessere per i propri cittadini... figuriamoci delle prospettive offerte alle nuove generazioni.

 
Un’esagerazione? No. Sono dati di fatto, manifestamente palesi se osservati da chi non ha paura di vedere e dire come stanno realmente le cose:
- giovani e nuove generazioni che sempre più decidono di lasciare il Ticino per studiare oltre Gottardo
oppure oltre confine, per poi rimanerci. Oppure giovani che al termine delle medie vengono orientati verso indirizzi professionali in base alle valutazioni scolastiche senza che siano comprese a fondo le loro aspirazioni, ein assenza di una reale consapevolezza delle necessità delle aziende del settore.
- aziende (PMI) che faticano a tirare avanti e non riescono ad espandersi e a varcare i confini a causa di restrizioni e blacklist su basi assurde e un trattamento differenziato rispetto ai grandi colossi che, al
contrario, sono liberi di commercializzare e muoversi liberamente nei mercati esteri.
- la politica, in cui ciascun partito è intento a difendere le proprie posizioni di principio, che tenta di arginare  i problemi mettendo cerotti, anziché assumersi la piena responsabilità della propria funzione, e lavorare  dalle basi, assumendosi le proprie responsabilità e il ruolo di mediatore affinché tutti gli attori possano trarre beneficio dai suoi interventi.

Ecco dove sta la chiave e dove intendo concentrare le mie energie politiche: nella creazione di un
collegamento diretto e di un dialogo tra questi tre elementi.
Nella relazione attiva e collaborativa tra essi, che crei opportunità reali di futuro per i ragazzi, attraverso  una politica che si attivi attraverso misure concrete per mettere nella condizione i servizi di orientamento  attuali di conoscere le effettive esigenze delle imprese e incentivare queste ultime a trattenere gli apprendisti e la forza lavoro residente.
 
Il #dialogo e la #collaborazione sono sempre la chiave, e io mi pongo quale elemento di congiunzione
politica affinché questo possa accadere.

Giovanni Boccardo
Candidato 25
Lista 13

Guarda anche 

“Berna si inginocchia davanti a Bruxelles”

Il Consiglio federale ha deciso questa settimana di sospendere sino al prossimo autunno le decisioni riguardo al pacchetto di accordi che la Svizzera sta negoziando co...
01.07.2024
Opinioni

Norman Gobbi: “I nostri figli hanno bisogno di noi”

In Svizzera nel 2023 le condanne a seguito di un’infrazione del codice penale contro autrici e autori minorenni sono aumentate dell’11% rispetto all’...
24.06.2024
Opinioni

Identità di genere: formazione dei docenti o propaganda?

Nell’ambito della rassegna “Generando-Visioni di genere” (un nome che è tutto un programma) col partenariato di vari enti governativi tra i quali...
31.05.2024
Opinioni

Da Minusio un sì alla riforma fiscale

Per Minusio, e per i tanti altri comuni ticinesi confrontati con un elevato numero di residenze secondarie sul proprio territorio, la riforma fiscale è di particol...
29.05.2024
Opinioni

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto