Svizzera, 31 gennaio 2023

In cinque rischiano l'espulsione per una brutale aggressione a un passante

Durante una notte in cui avevano alzato il gomito per le vie del centro di Zurigo, cinque giovani avevano aggredito un uomo di 34 anni sulla Langstrasse. Per il malcapitato si era reso necessario il ricovero in ospedale.

I cinque, due cittadini etiopi e tre eritrei, da ieri si trovano sotto processo e dovranno rispondere delle loro azioni. La vittima era un uomo svizzero di 34 anni che stava tornando a casa da una festa di compleanno. Il malcapitato era a sua volta molto ubriaco e non ricorda nulla della notte dell'aggressione. Il motivo dell'attacco non è indicato nell'atto di accusa, non è noto.

L'avvocato di uno degli accusati ha dichiarato nella sua arringa che si è trattato di un malinteso. I cinque accusati avevano "bazzicato" nel complesso della panetteria, dove si trovavano anche due donne eritree. Sulla strada per Langstrasse, una delle giovani donne ubriache era "andata in crisi di pianto" e si era seduta sul marciapiede. A questo punto, la vittima è arrivata e ha detto che gli uomini stavano molestando la donna e che voleva aiutarla.

I cinque lo hanno attaccato. Dopo una breve disputa verbale, il 34enne ha estratto un coltello e, camminando all'indietro, ha cercato di respingere gli aggressori con le parole "calmatevi". Ma hanno raccolto otto bottiglie di vetro da terra e gliele hanno tirate addosso. Uno degli aggressori ha colpito il 34enne al volto con una bottiglia da breve distanza, facendolo cadere a terra. Un altro eritreo si è poi avvicinato all'uomo e gli ha tirato una bottiglia in testa. Poi tutti e cinque gli accusati hanno preso a calci la vittima finché non ha perso i sensi.



Al processo tenutosi lunedì davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo, tre dei cinque imputati si sono rifiutati di testimoniare, uno ha confessato parzialmente e il quinto non si è nemmeno presentato. Tre sono senza lavoro e tutti e 5 vivono di assistenza sociale. Avevano tra i 21 e i 23 anni al momento del crimine.

Secondo il procuratore, gli uomini hanno agito in squadra e hanno dato alla vittima un vero e proprio pestaggio. "Hanno usato una violenza enorme per un motivo banale". Avrebbero preso a calci la testa e la parte superiore del corpo della vittima fino a farle perdere i sensi. Hanno smesso solo quando un passante ha gridato a gran voce di fermarsi. Il crimine è stato filmato da un testimone con un telefono cellulare. Il pubblico ministero ha chiesto una condanna a 24 mesi di carcere con la condizionale per due degli accusati di tentate lesioni personali gravi. I due uomini, che hanno deliberatamente colpito la vittima alla testa con una bottiglia, saranno condannati a 36 mesi, di cui la metà da scontare.

Per un etiope, oggi 23enne, che ha già sei condanne precedenti, il procuratore chiede una pena detentiva incondizionata di 30 mesi. "Ora deve sopportarne le conseguenze". Tutti loro dovrebbero essere espulsi dal Paese rispettivamente per cinque e sei anni. "Si tratta di un reato da catalogo di tentate lesioni personali gravi e non c'è nessun caso di rigore", ha detto il procuratore.

Il processo continuerà mercoledì con l'interrogatorio del quinto imputato, assente ingiustificato, se si riuscirà a trovarlo. Il suo avvocato non è riuscito a raggiungerlo telefonicamente all'inizio del processo. In caso contrario, verrà fissata una nuova data e, se non si presenterà, il processo si terrà in contumacia.

Guarda anche 

Con la tessera del padre facevano finta di essere invalidi per parcheggiare gratis

Probabilmente pensavano di aver trovato il trucco perfetto per risparmiare sui costi di parcheggio e assicurarsi di poter trovare facilmente parcheggi liberi e ben posizi...
22.02.2024
Svizzera

Una fila di 150 metri per visitare degli appartamenti in affitto

1'488 candidature e una fila di visitatori lunga 150 metri. L'annuncio di 24 appartamenti in affitto nelle vicinanze di Zurigo, e l'incredibile numero di inte...
09.02.2024
Svizzera

Rischia 320 franchi di multa per aver gettato una scatola di cartone in un cestino

Un cittadino americano che abita nel canton Zurigo rischia di dover pagare caro l'aver gettato una scatola di cartone in un cestino sulla strada. Come riporta il sito...
07.02.2024
Svizzera

Dani Alves e il processo per stupro: rischia 12 anni

BARCELLONA (Spagna) – È iniziato il processo per stupro nei confronti di Dani Alves, accusato di violenza sessuale ai danni di una giovane 23enne nel bagno d...
06.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto