Sport, 16 gennaio 2023

Lugano, un’illusione durata 44 ore…

Questo il tempo intercorso tra la pazzesca vittoria di Ginevra e l’ennesimo KO interno, abulico contro il Davos. E l’Ambrì scappa…

LUGANO – Ce l’eravamo chiesti un po’ tutti. La vittoria rocambolesca di Ginevra era stato il punto di svolta o l’ennesima rondine della travagliata stagione del Lugano? La risposta è giunta implacabile ieri pomeriggio alla Cornèr Arena dove il Davos ha allegramente passeggiato imponendo ai bianconeri il terzo KO interno consecutivo nel 2023… insomma questa squadra proprio non riesce a trovare il suo equilibrio, la sua quadratura, i suoi ritmi e la sua mentalità vincente. Mancanza di umiltà? Possibile… resta il fatto che ora il Lugano vede i pre playoff sempre più lontani.
 
 
Al netto dello 0-1 abbastanza controverso (con gli arbitri che prima lo convalidano, poi lo annullano tramite il coach challenge, per poi riconfermarlo a distanza di pochi secondi lasciando basati anche gli addetti al tabellone), i ragazzi di Gianinazzi hanno fatto davvero poco per restare e rientrare nel match. Sia offensivamente, fatta eccezione per qualche occasione come il palo colto da Carr, sia difensivamente dove ha subito due reti (quella di Ambühl e il 3-0 di Stransky) in cui il terzo uomo, che poi ha beffato Koskinen, è arrivato davanti alla porta completamente indisturbato. 

 
 
Errori imperdonabili e senza la minima logica hockeystica che rischiano davvero di compromettere ogni minima speranza di qualificazione ai pre playoff, anche perché ora l’Ambrì – capace di imporsi contro il Losanna in rimonta per 4-1 tra le mura amiche e in grado di riprendersi in maniera importante dalle fatiche della Spengler –ora si trova a +4 con una partita in più disputata. Insomma, a distanza di sicurezza seppur minima… Un applauso va fatto alla truppa di Cereda che, dopo un avvio di 2023 complicato, sembrerebbe davvero aver ritrovato la bussola e sospinto dall’entusiasmo interno e del pubblico può involarsi verso una post season di spessore.
 
 
Come detto già in passato, una stagione storta e complicata può sempre capitare e anche squadre più blasonate – come lo Zugo ad esempio – non stanno certo brillando, ma quello che sta combinando il Lugano, che solo ogni tanto rialza la testa come sospinto dall’orgoglio, è un qualcosa che va al di là dell’annata sbagliata.

Guarda anche 

“A Olten grande entusiasmo. La NL? Non è un obbligo”

OLTEN - È stata una stagione sinora difficile e sofferta quella di Giacomo Dal Pian, ex attaccante del Lugano e dell’Ambrì Piotta, che ...
06.02.2023
Sport

Lukas Klok suona la carica. Infranto il tabù-Kloten

LUGANO - Arrivato quasi in sordina alla corte di coach Gianinazzi, il ceko Lukas Klok si sta rivelando una pedina fondamentale nella rincorsa del Lugano ai preplayof...
05.02.2023
Sport

“Non ho legami con l’Africa, ma ci porterò i miei figli”

AMBRÌ - L’ex biancoblù Michael Ngoy è nato a Losanna 40 anni fa: mamma svizzera e papà congolese. Persona estremamente si...
05.02.2023
Sport

Dannato powerplay: i Lakers stoppano un Lugano caparbio

RAPPERSWIL – Dopo quattro vittorie filate, il Lugano è tornato a riassaporare l’amaro gusto della sconfitta al termine di un match in cui non ha giocat...
30.01.2023
Sport