Svizzera, 20 novembre 2022

Svizzeri sempre fregati

*Dalla prima pagina del Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri

ll governicchio federale, ed in prima linea la ministra di giustizia PLR Karin Keller Sutter (Ka-Ka-eS), ha deciso di rinnovare ad oltranza lo statuto S per i profughi ucraini. Ancora una volta la Confederella si accoda servile alle decisioni della fallita UE. Con la classe politica (?) che ci ritroviamo, non poteva essere diversamente. 


Lo statuto S è una fregatura per gli svizzeri. Infatti è farcito di privilegi ingiustificabili, finanziati dal contribuente. Si sarebbe potuto chiudere un occhio in caso di permanenza di breve durata. Ma è ormai evidente che non è il caso degli ucraini. Anzi, siamo pronti a scommettere che lo statuto S sarà prorogato per cinque anni, con una scusa o con l’altra. Però la liblab Ka-Ka-eS ancora pretende di fare fessi gli svizzerotti con la storiella del “permesso orientato al rimpatrio”? I rifugiati ucraini sono stati accolti con grande spirito di solidarietà all’inizio dell’invasione russa. Ma adesso, dopo tanti mesi, alla solidarietà subentra progressivamente il fastidio.

Soprattutto perché i profughi ucraini ricevono aiuti sociali “sulla parola”, e nümm a pagum. Basta che dicano di averne bisogno, e lo Stato versa i nostri soldi. Urta, in particolare, che tra i beneficiari di prestazioni statali ci siano anche i proprietari di automobili di lusso. Adesso (dopo averne mangiate dieci fette!) la Conferenza dei direttori cantonali della socialità intende porre fine al “privilegio dell’auto”. I titolari dei bolidi dovranno venderli e mantenersi con il ricavato. Ma accadrà davvero?

L’Ente pubblico ha la possibilità di verificare chi è il proprietario di una vettura immatricolata in Ucraina? Ne dubitiamo! Cosa accade se il rifugiato in Maserati dichiara che il macchinone non è suo? Vuoi vedere che il contribuente elvetico verrà di nuovo turlupinato?

*Edizione del 20.11.2022

Guarda anche 

Sesso, droga e indicazioni di “fuga” ai detenuti: arrestati due agenti di sicurezza

Due agenti di sicurezza impiegati presso la prigione di Waaghof (Basilea) sono stati arrestati per “abuso d’ufficio”. Nella fattispecie, i due avrebb...
29.11.2022
Svizzera

Le Casse malati spendono sempre di più per la pubblicità

L'anno prossimo i premi dell'assicurazione sanitaria di base aumenteranno in media del 6,6% e gli assicurati hanno tempo fino alla fine di novembre, ossia merc...
29.11.2022
Svizzera

La Svizzera confrontata con una penuria di medicamenti

Da settimane, la fornitura di alcuni farmaci in Svizzera è compromessa. Pur esortando a non farsi prendere dal panico, i farmacisti sono seriamente preoccupati ...
29.11.2022
Svizzera

Gli iraniani residenti in Svizzera sottostanno al diritto famigliare dell'Iran

In Svizzera, i cittadini iraniani sono soggetti al diritto di famiglia della Repubblica islamica. Come riporta la "NZZ am Sonntag", i giudici svizzeri devono...
28.11.2022
Svizzera