Svizzera, 07 luglio 2024

Si fingono una squadra di pallavolo professionista per poter entrare in Svizzera

Succede regolarmente che degli atleti professionisti scompaiano nel nulla durante una competizione internazionale. Lo scorso dicembre, due giocatori di pallamano camerunensi sono scomparsi poco prima del Mondiale 2023, e altri quattro hanno fatto lo stesso nel 2021. Anche dieci giocatori della squadra under 19 del Burundi sono salpati durante una Coppa del Mondo, nell'agosto 2023. Insomma, gli esempi non mancano. D'altra parte, è molto più raro che un intero gruppo si faccia passare per una selezione nazionale per poter entrare clandestinamente in un Paese.

Eppure è proprio quello che è successo a Zurigo lo scorso gennaio e viene riportato di recente dalla “NZZ”. Mentre in Egitto si giocava la Coppa d'Africa di pallamano, un gruppo di 19 camerunesi è atterrato all'aeroporto. Il vice segretario generale della Federazione di pallamano del Camerun (FCH) li accompagnava e ha fatto credere che fosse la selezione nazionale di pallamano, usando documenti in parte veri e in parte falsificati. Il gruppo sosteneva di essere diretto al Cairo per partecipare alla Coppa d'Africa.

Tuttavia poche ore dopo, due di questi “giocatori” hanno attirato l'attenzione di una pattuglia di polizia mentre si trovavano alla stazione di Zurigo. La storia della Coppa d'Africa non sembrava credibile alla polizia, soprattutto perché la competizione era già iniziata e il Camerun aveva già giocato la sua prima partita. Interrogati, i due uomini hanno subito fornito il nome del loro trafficante.



Nove giorni dopo, il vicesegretario generale della FCH è stato arrestato all'aeroporto mentre stava per imbarcarsi. Nel suo bagaglio sono stati trovati i passaporti dei 19 presunti giocatori. Processato a Zurigo, mercoledì è stato condannato a due anni di reclusione con sospensione della pena ed è stato espulso dalla Svizzera per sei anni. In attesa della sua espulsione, è stato messo in detenzione. I due camerunensi arrestati sono stati invece multati e rilasciati e da allora sono scomparsi. Le autorità presumono che, come gli altri 17, siano andati in Francia, che è sempre stata la loro vera destinazione.

Durante il processo, il trafficante, 45 anni, ha spiegato di aver agito per aiutare suo fratello, che faceva parte dei 19. Soffriva di epilessia e avrebbe voluto andare in Francia per farsi curare. Inoltre, lo sponsor dell'operazione sarebbe nientemeno che il vicepresidente della FCH. In totale i due funzionari avrebbero intascato circa 10mila euro, ovvero 2'500 euro per il segretario e 7'500 euro per il vicepresidente.


Guarda anche 

Litiga con un ciclista al semaforo e poi lo investe di proposito

Un automobilista ha investito deliberatamente un ciclista che era a terra a Winterthur, nel canton Zurigo, dopo aver avuto con lui un'accesa discussione. Quest'ul...
10.07.2024
Svizzera

Espulso dalla Svizzera per aver abusato della figlia di 10 anni e di una sua coetanea

Un cittadino serbo residente nel canton Zurigo è stato condannato per aver abusato sessualmente della figlia di 10 anni e di una sua amica coetanea, nello stesso l...
29.06.2024
Svizzera

L'esplosione di un impianto fotovoltaico distrugge una casa e ferisce gravemente una donna

Giovedì intorno alle 11 è avvenuta un'esplosione nella cantina di un edificio nel comune di Kappel am Albis, nel cantone di Zurigo. Sotto la pressione d...
29.06.2024
Svizzera

L'arrivo di Taylor Swift a Zurigo fa esplodere i prezzi degli hotel, fino a 3'000 franchi la nottata

Chi il prossimo 9 e 10 luglio vorrà soggiornare a Zurigo dovrà armarsi di pazienza e avere un portafogli ben fornito. In quelle date infatti la cantante Tay...
26.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto