Svizzera, 04 ottobre 2022

Rapporto ONU denuncia “razzismo preoccupante” in Svizzera, l'ambasciatore svizzero promette uno studio

Un rapporto ONU presentato lunedì sostiene che in Svizzera vi sarebbe un problema di razzismo “sistemico” e punta il dito contro la polizia e le autorità giudiziarie, colpevoli, a suo dire, di non essere sufficientemente indipendenti e fare “racial profiling”. Stando alla presidente del gruppo di lavoro che ha scritto il rapporto Catherine Namakula, membri del gruppo "sono molto preoccupati" per l'atteggiamento della polizia e del sistema giudiziario. A gennaio il gruppo aveva sostenuto che "la ricchezza moderna della Svizzera è direttamente collegata all'eredità della schiavitù" e aveva preso di mira un presunto “razzismo sistemico” e il “profiling” della polizia.

Tra le raccomandazioni, il Gruppo di lavoro chiede di indagare su tutti i decessi avvenuti in detenzione o nei centri di accoglienza per richiedenti l'asilo. Gli esperti chiedono inoltre meccanismi di denuncia e di indagine indipendenti per le vittime e ritengono che la futura istituzione nazionale per i diritti umani dovrebbe essere in grado di ricevere accuse, ma questa possibilità non è stata prevista dal Parlamento federale.

Un'altra richiesta è stata quella di dotare gli agenti di polizia di telecamere, le cui immagini dovrebbero essere rese pubbliche. Devono essere istituiti ombudsman a livello federale e cantonale ed è necessario approvare una legge contro il profiling razziale, insistono gli esperti. Le autorità politiche, infine, devono riconoscere il "razzismo sistemico" in Svizzera.



Da parte sua, l'ambasciatore svizzero all'ONU Jürg Lauber, se critica il fatto che le conclusioni del rapporto si basano su pochi casi individuali (come la situazione riguardante il detenuto Brian o l'uccisione di una persona di colore a Morges l'anno scorso) concede il fatto che ci sarebbe un problema di razzismo in Svizzera e promette che a breve sarà pubblicato uno studio in merito.

"Il razzismo e la discriminazione razziale, anche nei confronti delle persone di origine africana, sono problemi che devono essere affrontati con urgenza", ha Lauber al Consiglio dei diritti umani. Secondo Lauber la dimensione strutturale del razzismo, denunciata dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle persone di origine africana durante la sua visita in Svizzera a gennaio, “dovrebbe essere ulteriormente approfondita”. Per questo motivo il Servizio per la lotta al razzismo della Confederazione pubblicherà uno studio nelle prossime settimane, ha aggiunto l'ambasciatore.

Guarda anche 

Finti manifestanti pagati per protestare davanti alla sede dell'ONU,"ti diamo 25 franchi per tenere un cartellone"

Circa 20 persone sono state pagate per partecipare a una manifestazione a sostegno dei Mondiali di calcio in Place des Nations a Ginevra, davanti alla sede delle Nazio...
14.12.2022
Svizzera

Telecronista chiama “negro” il calciatore: licenziato

TRENTO (Italia) – Durante la cronaca diretta della partita di Lega Pro, Trento-Vicenza, il commentatore della piattaforma ‘Eleven Sport’ ha chiamato per...
04.12.2022
Sport

Allenatore dà del “negretto” a un giocatore di 16 anni: la sua squadra lascia il campo

VARESE (Italia) – Un 16enne che gioca nel Cas Saccognano, una formazione di Busto Arsizio, in provincia di Varese, sarebbe stato chiamato “negretto” dal...
18.10.2022
Sport

Ignazio Cassis incontra il ministro degli esteri russo a New York

"Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha incontrato il presidente svizzero Ignazio Cassis a margine della 77ª sessione dell'Assemblea generale de...
22.09.2022
Svizzera