Svizzera, 04 ottobre 2022

Rapporto ONU denuncia “razzismo preoccupante” in Svizzera, l'ambasciatore svizzero promette uno studio

Un rapporto ONU presentato lunedì sostiene che in Svizzera vi sarebbe un problema di razzismo “sistemico” e punta il dito contro la polizia e le autorità giudiziarie, colpevoli, a suo dire, di non essere sufficientemente indipendenti e fare “racial profiling”. Stando alla presidente del gruppo di lavoro che ha scritto il rapporto Catherine Namakula, membri del gruppo "sono molto preoccupati" per l'atteggiamento della polizia e del sistema giudiziario. A gennaio il gruppo aveva sostenuto che "la ricchezza moderna della Svizzera è direttamente collegata all'eredità della schiavitù" e aveva preso di mira un presunto “razzismo sistemico” e il “profiling” della polizia.

Tra le raccomandazioni, il Gruppo di lavoro chiede di indagare su tutti i decessi avvenuti in detenzione o nei centri di accoglienza per richiedenti l'asilo. Gli esperti chiedono inoltre meccanismi di denuncia e di indagine indipendenti per le vittime e ritengono che la futura istituzione nazionale per i diritti umani dovrebbe essere in grado di ricevere accuse, ma questa possibilità non è stata prevista dal Parlamento federale.

Un'altra richiesta è stata quella di dotare gli agenti di polizia di telecamere, le cui immagini dovrebbero essere rese pubbliche. Devono essere istituiti ombudsman a livello federale e cantonale ed è necessario approvare una legge contro il profiling razziale, insistono gli esperti. Le autorità politiche, infine, devono riconoscere il "razzismo sistemico" in Svizzera.



Da parte sua, l'ambasciatore svizzero all'ONU Jürg Lauber, se critica il fatto che le conclusioni del rapporto si basano su pochi casi individuali (come la situazione riguardante il detenuto Brian o l'uccisione di una persona di colore a Morges l'anno scorso) concede il fatto che ci sarebbe un problema di razzismo in Svizzera e promette che a breve sarà pubblicato uno studio in merito.

"Il razzismo e la discriminazione razziale, anche nei confronti delle persone di origine africana, sono problemi che devono essere affrontati con urgenza", ha Lauber al Consiglio dei diritti umani. Secondo Lauber la dimensione strutturale del razzismo, denunciata dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle persone di origine africana durante la sua visita in Svizzera a gennaio, “dovrebbe essere ulteriormente approfondita”. Per questo motivo il Servizio per la lotta al razzismo della Confederazione pubblicherà uno studio nelle prossime settimane, ha aggiunto l'ambasciatore.

Guarda anche 

Una Commissione del Consiglio degli Stati si oppone al Patto sulla migrazione dell'ONU

La Svizzera non deve ratificare il Patto globale sulla migrazione delle Nazioni Unite. La Commissione per la politica estera del Consiglio degli Stati ha ripreso l'es...
22.06.2024
Svizzera

Due sorelle islamiste a processo per aver pianificato un'attentato contro l'ONU

Due sorelle cinquantenni residenti nel canton Vaud saranno processate il ​​7 maggio dal Tribunale penale federale a Bellinzona. Le due sono accusate di aver pianifica...
01.05.2024
Svizzera

“La Commissione federale contro il razzismo fa propaganda woke e immigrazionista, va abolita”

La Commissione federale contro il razzismo (CFR) va abolita in quanto “strumento per la promozione di politiche immigrazioniste, islamo-gauchiste e woke finanziato ...
15.03.2024
Svizzera

"I costi della sanità esplodono anche a causa dei bonus?"

I bonus versati nel settore della sanità sono al centro di un'interpellanza di un gruppo di deputati Lega dei Ticinesi (Daniele Piccaluga, Bignasca Boris Bigna...
27.01.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto