Svizzera, 03 ottobre 2022

Dei politici vogliono vietare le promozioni sulla carne

"Non è possibile che un chilo di carne macinata sia più economico di un chilo di mucca!” Con questa frase il presidente dell'Unione Svizzera dei Contadini e consigliere nazionale del Centro Markus Ritter vuole rendere attenti sul fatto che in molti casi i rivenditori vendono la carne a un prezzo inferiore a quello pagato dagli agricoltori per ogni chilo di peso morto. "Questi sconti esorbitanti inviano un segnale sbagliato", sostiene Ritter, secondo cui “non è giusto” svendere letteralmente un alimento prezioso come la carne.

A prendersela con le “azioni” di Coop, Migros e compagnia c'è anche l'agricoltore biologico e consigliere nazionale dei Verdi Kilian Baumann, il quale in una mozione parlamentare ha chiesto al Consiglio federale di prendere in considerazione un divieto di pubblicità in questo settore. "Il dumping dei prezzi della carne, spesso proveniente dall'estero, va a scapito degli allevatori locali", spiega. Le offerte speciali fanno sì che la carne svizzera sia lasciata al freddo.

Baumann sta prendendo in considerazione l'autolimitazione volontaria. I rivenditori dovrebbero accettare di rinunciare a tali azioni. Secondo l'agricoltore, se l'approccio da lui sostenuto non dovesse avere successo, si potrebbe prendere in considerazione anche un divieto di pubblicità della carne. Il Consiglio federale presenterà ora le varie opzioni in un rapporto.



Il consigliere dei Verdi può contare sul sostegno di esponenti politici femminili del Centro e del PLR. Ad esempio, la consigliera nazionale Priska Wismer-Felder del Centro sostiene che "le azioni a basso prezzo per la carne importata distruggono il mercato della carne locale". Ritiene quindi che sia giusto prendere in considerazione l'autolimitazione dei rivenditori.

Sebbene anche l'Unione Svizzera dei Contadini sia critica nei confronti di queste offerte, il suo presidente, Ritter respinge l'iniziativa come "un palese intervento nell'economia di mercato". Tuttavia, non vuole rimanere inattivo. Anche l'Unione svizzera dei contadini è preoccupata per la stagnazione della quota di carne biologica ed etichettata nel corso degli anni e vuole istituire una tavola rotonda sull'argomento, come ha recentemente riportato il "Tages-Anzeiger".

Secondo il presidente dell'Unione Svizzera, i rappresentanti dell'intera catena del valore dovrebbero trovare una soluzione settoriale comune: dagli agricoltori ai rivenditori, fino ai trasformatori di carne. "Ci sembra più mirato di un divieto legale di pubblicità", afferma Ritter.


Guarda anche 

Forse un divieto d'entrata in Svizzera per i condannati per mafia

Mercoledì, il Consiglio nazionale ha approvato con 127 voti contro 46 una mozione presentata da Marco Romano che chiede alla Confederazione di adottare le misure n...
08.06.2023
Svizzera

Condannato per essere andato a carnevale con delle armi giocattolo

Era forse troppo convincente il costume di carnevale di un sangallese, che dopo essere stato fermato dalla polizia perchè aveva con sé due pistole giocattol...
01.06.2023
Svizzera

Paradiso, è qui la festa!

PARADISO – Bastava un punto, un piccolo punticino e il Paradiso, nel pomeriggio di ieri, quel preziosissimo punto lo ha conquistato in casa, davanti al pubblico ami...
15.05.2023
Sport

Il gran giorno del Paradiso

PARADISO - Il Paradiso è pronto ad entrare nella storia. Il club della periferia luganese oggi può staccare l’agognata promozione. Alle 16 affron...
14.05.2023
Sport