Svizzera, 29 aprile 2022

Il matrimonio combinato è subito violento, dieci anni dopo il marito viene condannato

Il matrimonio combinato di una donna kosovara con un compatriota si è presto trasformato in un inferno di violenza domestica, seguito da una lunga vicenda giudiziaria culminata infine nella condanna del marito.

Giunta in Svizzera nel 2012 per sposare un concittadino che risiedeva nel canton Vaud, il matrimonio è presto degenerato in violenze e brutali percosse. Come riporta "20 minutes", non si parla solo di calci e pugni, ma anche di stupri e coercizione sessuale. In un episodio particolarmente violento l'ex marito ha conficcato una forchetta nel braccio della moglie perchè aveva svegliato i figli di lui (avuti in una relazione precedente con un'altra donna). In un'altra occasione l'ha quasi strangolata usando una cintura. Per scoraggiare la donna dal denunciare i maltrattamenti alle autorità, il marito la minacciava di prendersela anche con la famiglia di lei.

Ma dopo aver subito per anni, alla fine la donna, sulla quarantina all'epoca dei fatti, trovò il coraggio di segnalare quanto accaduto. Poiché la violenza subita non era basata
su prove tangibili e si è svolta a porte chiuse nell'appartamento della coppia, che ha poi divorziato nel 2018, un procuratore aveva inizialmente deciso di chiudere il caso.

Ma l'avvocato della vittima l'ha guidata attraverso il labirinto del procedimento legale, che è iniziato con un ricorso al Tribunale cantonale nel 2020. Quest'ultimo ha ordinato la riapertura del caso. Diversi magistrati si sono succeduti durante l'inchiesta prima che il sostituto procuratore rinviasse in tribunale il marito allora 46enne. Ma alcuni dei casi di violenza domestica erano ormai caduti in prescrizione. Rimanevano da processare solo i casi più gravi.

Di fronte ad un imputato arrabbiato, che negava ogni addebito, il tribunale correzionale di Losanna ha finito per credere alla vittima. Ha condannato il padre di famiglia a 30 mesi di prigione, di cui 6 mesi da scontare. Dovrà anche pagare 15'000 franchi alla sua ex moglie e assumersi le spese del procedimento. È stato giudicato colpevole di lesioni corporali qualificate, coercizione e stupro.

Guarda anche 

Prete giocava al gioco d'azzardo con i soldi dei fedeli, dovrà andare in carcere

Un prete cattolico di 52 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui 6 mesi da scontare, dal tribunale penale di Lucerna per aver finanziato la sua dipe...
29.06.2022
Svizzera

Dopo cinque ritiri di patente, un poliziotto dovrà pagare 2'500 franchi per aver guidato ubriaco

Un agente di polizia a è già stata ritirata la patente cinque volte in quindici anni per eccesso di velocità, guida in stato di ebbrezza e un inci...
28.06.2022
Svizzera

Dopo cinque ritiri di patente, un poliziotto rischia il lavoro davanti ai giudici

Sei sanzioni amministrative e cinque ritiri di patente: la carriera di un poliziotto vodese è a rischio dopo l'ennesima infrazione stradale che gli è...
25.06.2022
Svizzera

Allevatore condannato per la quarta volta per maltrattamenti "solo" con una multa, animalisti arrabbiati

La quarta condanna ad un allevatore che era accusato di maltrattare i suoi animali ha fatto arrabbiare gli animalisti, che ritengono sia scandaloso che l'uomo possa a...
22.06.2022
Svizzera