Magazine, 15 aprile 2022

Insegnante ai bambini delle elementari: “Scrivete quali compagni vorreste morti”. Insorgono i genitori

La docente di Roma è stata sospesa. "I nostri figli non volevano più andare in classe ed erano spaventati”, hanno commentato alcune famiglie

ROMA (Italia) – “Diceva ai ragazzi di scrivere negli anelli dell’Inferno di Dante i nomi dei compagni che volevano vedere morti, sulla lavagna tracciava simboli massonici, chiedeva agli allievi di ripetere frasi di continuo, senza interruzione, mentre erano in classe”. Tiziana Cagnazzo, presidente del Consiglio d’istituto della scuola Carlo Levi di Roma, ha così fotografato l’incubo vissuto dagli studenti di alcune classi, terrorizzati dalla maestra.
 
 
Contro l’insegnante sono insorte le famiglie dei bambini: in 60 hanno firmato un esposto denunciando il tutto alla dirigente scolastica. La maestra in seguito è stata sospesa per sei mese. La donna avrebbe anche “aggredito verbalmente un bambino disabile di 8 anni e gli insegnanti venuti a difenderlo, tanto che la famiglia aveva sporto denuncia”. 

 
 
Molti bambini non volevano più andare a scuola, facevano fatica a dormire la notte e qualcuno aveva ripreso a fare la pipì a letto. Il caso della spiegazione dell’Inferno dantesco, con la richiesta di scrivere i nomi dei compagni che volevano morti, fa riferimento a una seconda elementare. “I genitori sui quaderni hanno trovato contenuti poco chiari, che spaziavano dall’Inferno di Dante a numeri, simboli e formule magiche. Aveva un linguaggio scurrile, fumava nei corridoi e in aula metteva musica da discoteca ad altissimo volume”, ha spiegato la preside, facendo riferimento anche ad alcuni racconti dei genitori. Una mamma ha dovuto tenere a casa la figlia, quando la maestra in questione faceva lezione, perché aveva paura, piangeva e non voleva entrare in classe.
 
 
Sembra che una volta la donna si fosse messa a cavalcioni sulla finestra, urlando “Guarda come dondolo”, terrorizzando i ragazzini. I genitori avevano già tentato di confrontarsi con la docente per cercare di chiarire quanto stava avvenendo, “ma non riuscivamo a capire le sue parole, i toni sono diventati accesi, tanto da dover chiamare le forze dell’ordine”, ha continuato a spiegare la preside a “Il Messaggero”. È così emerso che la maestra soffriva di problemi di salute.

Guarda anche 

"Per il DECS è permesso fare propaganda politica nelle nostre scuole?"

Una lettera del plenum dei docenti della scuola media di Tesserete è al centro di un'interrogazione del deputato leghista Massimiliano Robbiani. In essa, i ...
30.09.2022
Ticino

Allievi vodesi "pedinati" sul tragitto casa-scuola con un microchip

Gli allievi di alcuni comuni vodesi nel tragitto casa-scuola dovranno indossare un badge elettronico che verificherà la loro presenza a bordo del bus scolastico...
24.08.2022
Svizzera

Tedesco: materia da anticipare?

LUGANO - Alle nostre latitudini, l’insegnamento del tedesco a scuola è senz’altro un tema importante, visto che sempre più giovani ticinesi...
26.07.2022
Ticino

“Suo figlio non è abbastanza bravo”: calciatori cacciati via mail a 7 anni

MILANO (Italia) – “Purtroppo non rientri nei quadri tecnici della società”, scritto via mail a un bambino classe 2015. “Gentile papà...
17.07.2022
Sport