Svizzera, 15 marzo 2022

Il Consiglio federale non intende intervenire sul prezzo della benzina

Durante l'ora delle domande di lunedì, diversi consiglieri nazionali hanno chiesto al Consiglio federale cosa intendesse fare per proteggere i cittadini dal massiccio aumento dei prezzi della benzina delle scorse settimane. Dalle risposte si evince che il Consiglio federale non ha preso in considerazione di intervenire per contrastare l'aumento del prezzo del carburantei.

Il deputato Sydney Kamerzin (Centro/VS) ha chiesto, come hanno fatto due membri dell'UDC, Piero Marchesi e Jean-Luc Addor, se il Consiglio federale prevede di alleggerire le famiglie e l'economia abbassando le tasse sul carburante o altre misure. Il Consiglio federale ha risposto che il 1° marzo l'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE) ha deciso di liberare 60 milioni di barili di petrolio dalle scorte degli stati membri per calmare il mercato e i prezzi e per combattere l'inflazione. La Svizzera partecipa a questa azione comune, ha detto il Consiglio federale. Ma non ha ancora pianificato alcuna misura economica specifica che vada oltre questo nel settore dei combustibili, si legge nella risposta.

Non ci sarebbe nemmeno l'intenzione di abbassare le tasse sugli oli minerali. Il Consiglio federale sottolinea infatti che "la riscossione della tassa sugli oli minerali e le aliquote fiscali sono regolate dalla legge sulla tassazione degli oli minerali. Per attuare una riduzione delle tasse, la legge dovrebbe essere adattata. E questi cambiamenti sono quindi di competenza del parlamento, ci ha detto su nostra richiesta. 


Il consigliere nazionale Christian Dandrès (PS/VS) ha a sua volta chiesto se il profitto delle tasse sul carburante - che secondo lui aumenterà a causa dell'aumento dei prezzi - potrebbe essere ridistribuito ai consumatori. Berna ha semplicemente risposto che la tassa sugli oli minerali è definita in franchi al litro e non come percentuale del prezzo. "Non ci saranno quindi entrate supplementari dall'aumento del prezzo dell'imposta sugli oli minerali", ha spiegato il Consiglio federale.

Tuttavia, il Consiglio federale è stato un po' più disponibile in una recente risposta a un'interpellanza urgente dell'UDC sulla questione della fornitura di carburante. Ha sottolineato che la Svizzera dipende solo marginalmente dalle forniture di petrolio dalla Russia e può quindi rivolgersi ad altri paesi fornitori. Ha anche sottolineato che, a causa delle incertezze derivanti dalla situazione attuale, i prezzi rimangono molto volatili.

Guarda anche 

"Sconti sulla benzina, partitocrazia di nuovo schierata contro i cittadini e l’economia"

La Lega dei Ticinesi, tramite un comunicato stampa, ha preso atto "con sconcerto ma senza sorpresa" della bocciatura degli sconti alla benzina decisa ieri dal C...
17.06.2022
Svizzera

"La Gran Bretagna comincia a trasferire gli asilanti in Ruanda. E la Svizzera?"

Il governo svizzero sta prendendo in considerazione di riprendere il "modello inglese" di rinviare in un paese terzo i richiedenti l'asilo giunti sul suo te...
14.06.2022
Svizzera

Dal Parlamento nessuna misura contro il rincaro della benzina

Il Consiglio degli Stati ha respinto ieri a larga maggioranza quattro mozioni dell'UDC contro i prezzi alti della benzina. Il partito aveva chiesto una sessione parla...
14.06.2022
Svizzera

"Sconti sulla benzina anche in Germania, basta con l’immobilismo del Consiglio federale!"

Dopo l'annuncio che anche la Germania offrirà degli sconti sulla benzina, il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza chiede che anche la S...
01.06.2022
Svizzera