Svizzera, 14 marzo 2022

Si licenzia per andare in prigione, ma la sua carcerazione viene rimandata all'ultimo momento

Un trentenne residente nel canton Vaud ha dovuto vivere una vera e propria odissea burocratica negli scorsi giorni. Condannato a una breve pena detentiva per ripetute gravi violazioni della legge sulla circolazione nel 2020, questo padre di famiglia doveva cominciare la sua detenzione il primo marzo scorso. Ma la sua incarcerazione è stata rinviata all'ultimo momento. Il giorno prima, via e-mail, era stato informato che l'ordine di esecuzione, ricevuto lo scorso settembre, era stato annullato.

Inoltre, l'uomo era stato informato solo il 24 febbraio che la sua domanda di arresti domiciliari sotto sorveglianza elettronica era stata definitivamente rifiutata. Convinto allora che non sarebbe sfuggito alla prigione, ha informato il suo datore di lavoro e ha lasciato il suo lavoro. Una decisione di cui oggi si rammarica amaramente. "Non nego la mia colpa per i reati per i quali sono stato condannato. Ma sono stato rilasciato dalla prigione nell'ottobre 2019 e da allora mi sono reintegrato. Ho avuto un secondo figlio e avevo un lavoro. Ora non so cosa pensare. Mi ero preparato psicologicamente a tornare in prigione il primo marzo. Ho lasciato il mio lavoro... Per fortuna avevo deciso di tenere il mio appartamento. Altrimenti mi sarei trovato per strada", dice il trentenne sconsolato, interpellato da "20 minutes". 


Senza commentare questo caso specifico, Marc Bertolazzi, capo della comunicazione del servizio penitenziario vodese, sottolinea che una detenzione è rinviata solo in casi molto eccezionali. Negli ultimi anni ciò è avvenuto più spesso per prevenire il rischio di diffusione del Covid all'interno delle carceri, o perchè ci sono casi di quarantena all'interno di una di esse. "Eventuali imprevisti, incompatibilità o minacce agli altri detenuti o al personale del carcere possono anche comportare il trasferimento di un condannato in un altro carcere. E questo viene fatto a volte all'ultimo momento, a seconda della situazione", spiega.

In questi casi, si fa di tutto perché il nuovo ingresso in detenzione avvenga il più rapidamente possibile, tenendo conto anche del problema del sovraffollamento delle carceri. Alla fine il trentenne non ha dovuto aspettare troppo a lungo per ricevere una nuova data in cui sarebbe iniziata la sua carcerazione. Il 9 marzo ha ricevuto una lettera secondo cui la sua prigionia sarebbe cominciata 28 marzo nel cantone di Friburgo.

Guarda anche 

Avevano bloccato il traffico, ecoattivisti vengono assolti: “È libertà d'espressione”

Condannati in prima istanza, un gruppo di ecoattivisti che aveva bloccato il traffico a Losanna è stato assolto da ogni accusa durante il processo di appello. L...
30.09.2022
Svizzera

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udie...
27.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera

Aveva "rapito" la figlia per poi nascondersi in Svizzera, condannata a 5 anni di carcere in Francia

Una madre francese è stata condannata venerdì a cinque anni di carcere per il rapimento e la mancata presentazione di un bambino e per la denuncia calunnios...
17.09.2022
Mondo