Sport, 13 marzo 2022

Janne Juvonen alza il muro: la speranza è ancora viva!

I biancoblu vincono anche a Friborgo, Berna a -2. Tutto si decide domani

FRIBORGO - La speranza è ancora viva. Più che mai! Con la quinta vittoria consecutiva, non succedeva dal 2019, i biancoblù ora sono a soli due punti dal Berna (che ieri sera non ha giocato) e tutto si deciderà perciò domani sera nell'ultima partita della regular season. L' Ambrì riceverà il Rapperswil, ormai sicuro da tempo di giocare i pre-playoff, mentre gli Orsi ospiteranno il Losanna, la cui posizione è tutta da definire. La squadra bernese, va detto, è ancora padrona del proprio destino ma Fora e soci adesso sono davvero incollati sulla sua scia. Sarà, insomma, un finale al cardiopalma, come da tempo non accadeva.


E l' Ambrì proverà a giocarsi il tutto per tutto, consapevole di essere vicino ad una mezza impresa. Del resto, quanto mostrato ieri sera dai biancoblù alla patinoire burgunda, è una sorta di manuale della applicazione, della dedizione e della sofferenza. Per larghi tratti del confronto, i leventinesi hanno dovuto stringere i denti per difendersi dalle folate di un Friborgo ferito dal gol incassato in superiorità numerica dopo 15 minuti (autore Pestoni). 



Friborgo che ha spinto più che altro perchè spinto dalla foga piuttosto che da una manovra lineare ed efficace. Ma quando l'onda ha cominciato a diventare alta, come si dice in gergo, allora ci ha pensato il portiere Janne Juvonen, autentica saracinesca e grande protagonista della serata. Il finlandese ha parato di tutto, innervosendo gli avversari: è stato decisivo in modo particolare nelle situazione di box play. Una delle quali (provocata da una penalità di 5 minuti e di partita sul conto di Mc Millan) ha fatto arrabbiare Cereda, visto che la decisione degli arbitri è parsa severa. Poi però nel finale è arrivato a porta vuota il raddoppio. Ancora di Pestoni. La corsa, evviva, continua.


Dal canto suo il Lugano è stato sconfitto per la quarta volta in stagione dallo Zurigo ma stavolta ai supplementari. I bianconeri hanno disputato una buona partita (conducevano per 2-0 e per 4-3) ma hanno mancata di lucidità nei momenti decisivi. Da valutare gli infortuni di Walker e Thürkauf. Entrambi hanno terminato anzitempo la partita.

Guarda anche 

Si chiama Match of Week: si gioca la domenica sera

LUGANO - Il massimo campionato di hockey scatta il prossimo 14 settembre (e la regular season chiude il 4 marzo 2023): si parte con Lakers-Zurigo, una sorta di antip...
28.06.2022
Sport

“In casa Bellinzona tutto appare piuttosto nebuloso”

È fuori dal calcio che conta dal 2008, da quando portò il Bellinzona nella massima serie assieme a Marco Degennaro e Vladimir Petkovic e sfiorò la...
26.06.2022
Sport

Alfio Molina: “Se sono bravi, ben vengano”

LUGANO - L’ex portiere del Lugano, il leggendario Alfio Molina, è curioso di vedere all’opera Mikko Koskinen il nuovo estremo difensore ...
21.06.2022
Sport

Portieri stranieri garanzia di affidabilità e successo

LUGANO - Come noto, dalla prossima stagione in Svizzera si potranno schierare sei giocatori stranieri contemporaneamente. Una novità che ha fatto discutere ma...
21.06.2022
Sport