Svizzera, 08 marzo 2022

Per Cristoph Blocher riprendere le sanzioni alla Russia è stato un "atto di guerra"

"Coloro che partecipano alle sanzioni economiche sono dei belligeranti", ha detto Christoph Blocher in un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung (NZZ). Secondo l'esponente dell'UDC, avendo aderito al campo delle sanzioni economiche contro la Russia, la Confederazione è "attualmente in guerra". Lunedì, Mosca ha pubblicato una lista di paesi "ostili" alla Russia, che include la Svizzera. 

Nell'intervista Blocher sostiene che la Svizzera non avrebbe dovuto riprendere le sanzioni alla Russia per continuare ad offrire i suoi buoni uffici. Questa opportunità sarebbe ora persa e lui è critico nei confronti dei consiglieri federali Ignazio Cassis e Viola Amherd, che parlano di un "cambio d'epoca", quando stanno solo nascondendo le loro debolezze. "Questa volta è stato deciso di unirsi alla guerra. Possiamo solo sperare che ciò non provochi troppi danni", ha aggiunto. 


Il tribuno zurighese ha poi espresso preoccupazioni simili all'"HandelsZeitung": "Le sanzioni economiche sono un'arma di guerra. Se la Svizzera si impadronisce di quest'arma di guerra, parteciperà alla guerra. È vero che la Svizzera rappresenta i valori occidentali: 'Ma non dobbiamo fare il maestro del mondo'", dice Blocher secondo cui "le azioni di parte della Svizzera neutrale non impediscono questa guerra, ma la prolungano". Qui critica anche il governo svizzero: "Mantenere la neutralità richiede molta forza interiore. Il Consiglio federale ne è privo" ha detto.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

Gazprom chiude due gasdotti "per manutenzione", inquietudine in Europa

La Germania e diversi paesi europei sono nell'incertezza riguardo alla fornitura di gas dalla Russia dopo che Gazprom ha chiuso due gasdotti che riforniscono il nord ...
11.07.2022
Mondo

"Con le sanzioni alla Russia, la nostra sicurezza è gravemente minacciata"

Per il Consigliere nazionale zurighese Roger Köppel e editore del settimanale Weltwoche le sanzioni dell'occidente, a cui anche la Svizzera ha aderito, rappresen...
11.07.2022
Svizzera