Svizzera, 06 marzo 2022

70enne svizzera sposa un 35enne straniero, ma il tribunale non ci crede

Amore vero o matrimonio di comodo? Il tribunale amministrativo del canton Argovia si è recentemente dovuto chinare sul caso di un matrimonio tra una cittadina svizzera 70enne e un kosovaro che ha esattamente la metà dei suoi anni. Il matrimonio aveva avuto luogo in Kosovo nell'estate del 2018, riporta la "Aargauer Zeitung". Una volta sposati però, i due non vivono insieme. Lei ritorna immediatamente in Svizzera, e chiede subito il ricongiungimento familiare. Le autorità argoviesi si insospettiscono e rifiutano di concedere il permesso con la motivazione che il matrimonio era una messinscena. Ma la sposa non si è arrende e presenta un ricorso al tribunale amministrativo.


Come sempre nel diritto, si applica la presunzione di innocenza e l'onere della prova è a carico delle autorità. Entrambi i coniugi vengono allora interrogati e viene analizzato il verbale dell'udienza. Se i funzionari cantonali riescono a trovare abbastanza indizi e convincere il giudice, il permesso di soggiorno viene rifiutato.


Il processo ha luogo nell'autunno 2021. Prima di questo, gli inquirenti salvano la cronologia delle chat dei due coniugi, che aiuta i giudici a prendere la loro decisione. Il tribunale conclude che ci sono forti indizi che il kosovaro non è del tutto serio riguardo al suo matrimonio e che ha altre intenzioni, ossia eludere le disposizioni di ammissione della legge sugli stranieri. 




I verbali mostrano che la coppia si era incontrata su Facebook. Spontaneamente, l'uomo aveva scritto alla donna svizzera e non ha lasciato la presa fino a quando lei ha finalmente risposto. I contatti si sono alternati tra comunicazioni molto regolari che si erano stranamente interrotte più volte per un lungo periodo.


Dal matrimonio nel 2018, l'uomo ha visitato sua moglie solo due volte in Svizzera e, nonostante il visto valido per 90 giorni, le visite sono durate solo pochi giorni. E in quei pochi giorni l'uomo li ha passati quasi tutto il suo tempo nella sua stanza. Le registrazioni della discussione mostrano che la donna ha chiesto ripetutamente al giovane kosovaro di uscire e fare qualcosa. "Tesoro, qual è il problema?", rispondeva ai tentativi della moglie di avvicinarsi a lui.


Per la corte, la conclusione è chiara: tale comportamento dimostra che l'uomo non è realmente interessato a condividere la sua vita con sua moglie e ha quindi respinto il ricorso della donna. Ma lei è sempre convinta che il 35enne si era sposato per amore e non per convenienza. "Se mio marito era interessato solo al permesso, avrebbe potuto cercare un'altra donna molto tempo fa" ha commentato durante l'udienza. Per lei, il caso non è ancora finito e quindi annunciato la sua intenzione di portare il caso al Tribunale federale.


Guarda anche 

Prete giocava al gioco d'azzardo con i soldi dei fedeli, dovrà andare in carcere

Un prete cattolico di 52 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui 6 mesi da scontare, dal tribunale penale di Lucerna per aver finanziato la sua dipe...
29.06.2022
Svizzera

Dopo cinque ritiri di patente, un poliziotto dovrà pagare 2'500 franchi per aver guidato ubriaco

Un agente di polizia a è già stata ritirata la patente cinque volte in quindici anni per eccesso di velocità, guida in stato di ebbrezza e un inci...
28.06.2022
Svizzera

Allevatore condannato per la quarta volta per maltrattamenti "solo" con una multa, animalisti arrabbiati

La quarta condanna ad un allevatore che era accusato di maltrattare i suoi animali ha fatto arrabbiare gli animalisti, che ritengono sia scandaloso che l'uomo possa a...
22.06.2022
Svizzera

L'imam che auspicava la distruzione delle altre religioni sarà espulso, ma niente carcere

Il predicatore islamico che in un sermone auspicava la distruzione dei seguaci delle altre religioni è stato condannato a una pena detentiva sospesa e all'espu...
22.06.2022
Svizzera