Svizzera, 17 febbraio 2022

Imam in attesa di processo per radicalizzazione continua a predicare

Un processo attende l'imam libico Abu Ramadan, che predica in una moschea di Bienne. Ramadan era stato oggetto di una denuncia fatta cinque anni fa in cui si accusava il predicatore libico di fare commenti odiosi contro ebrei, cristiani e sciiti. La citazione in arabo che ha causato lo scandalo era: "Oh Allah, ti chiedo di distruggere i nemici della nostra religione, di distruggere gli ebrei, i cristiani, gli indù, i russi e gli sciiti. Dio, ti prego, distruggili tutti e riporta l'Islam alla sua antica gloria".

L'imam aveva allora affermato che le sue citazioni in arabo sono state tradotte male: "Non ho mai detto questo. Il traduttore è un bugiardo", ha detto. Accusato di incitamento all'odio razziale, Abu Ramadan continua a frequentare la moschea situata in una ex fabbrica della città bernese.

"Non abbiamo problemi, siamo persone rispettabili, non vendiamo droga", ha detto il figlio dell'imam, che ha incontrato dei giornalisti di "LeMatin" mentre andava alla moschea la settimana scorsa con suo padre. I due uomini hanno detto che volevano andare a pregare "normalmente, molto tranquillamente". 


"Ci sono due clan: quelli che sostengono ancora Abu Ramadan e gli altri che lo boicottano", ha detto un musulmano al settimanale "Biel Bienne". È arrogante e persino aggressivo a volte", ha detto un frequentatore della chiesa. "Questo imam è al servizio della comunità, sempre pronto a risolvere una controversia", ha detto una donna musulmana che è responsabile della de-radicalizzazione dei giovani.

I dirigenti della moschea Ar'Rahman hanno detto che non gli era più permesso di tenere sermoni lì. Il predicatore, il cui vero nome è Salah ben Salmen, è accusato di aver ricevuto 600'000 franchi di assistenza sociale durante tredici anni a Nidau, senza aver mai fatto alcuno sforzo di integrazione. "Non possiamo negare l'assistenza sociale a un rifugiato, anche se condanniamo le sue parole", ha detto un funzionario.

Questo rifugiato politico libico è tornato più volte illegalmente nel suo paese. Durante l'indagine, non ha collaborato con le autorità penali: si è rifiutato di rispondere alle domande sul suo reddito. Se condannato, rischia di perdere il suo permesso C e di essere espulso.

Ramadan era arrivato in Svizzera nel 1998 e ha ottenuto lo status di rifugiato tre anni dopo. Ha un permesso C ed è a beneficio dell'assistenza sociale. Nel 2017, la Segreteria di Stato per le migrazioni aveva deciso di "revocare l'asilo e ritirare lo status di rifugiato" del "cosiddetto imam". Il motivo: "Ha visitato più volte il suo paese d'origine e si dice che sia in possesso di un passaporto libico".

Guarda anche 

Dal Parlamento un primo passo verso un divieto del velo islamico nelle scuole

In Svizzera potrebbe presto essere vietato di indossare il velo islamico nelle scuole. Il Consiglio nazionale ha infatti approvato un postulato in questo senso con 104 vo...
12.06.2024
Svizzera

I giovani UDC pubblicano un'immagine che raffigura un terrorista vicino al vincitore di Eurovision, media e sinistra si scandalizzano

Che cosa hanno in comune l'attentatore di Mannheim e il vincitore di Eurovision Nemo? Entrambi sarebbero una minaccia per la libertà, stando alla sezione giova...
06.06.2024
Svizzera

Germania, uomo accoltella diverse persone a Mannheim: ferito attivista anti Islam

Un uomo ha accoltellato sei persone venerdì a Mannheim, in Germania, attaccando un raduno di un movimento anti-islamico vicino all'estrema destra, un atto desc...
01.06.2024
Mondo

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto