Svizzera, 17 febbraio 2022

Imam in attesa di processo per radicalizzazione continua a predicare

Un processo attende l'imam libico Abu Ramadan, che predica in una moschea di Bienne. Ramadan era stato oggetto di una denuncia fatta cinque anni fa in cui si accusava il predicatore libico di fare commenti odiosi contro ebrei, cristiani e sciiti. La citazione in arabo che ha causato lo scandalo era: "Oh Allah, ti chiedo di distruggere i nemici della nostra religione, di distruggere gli ebrei, i cristiani, gli indù, i russi e gli sciiti. Dio, ti prego, distruggili tutti e riporta l'Islam alla sua antica gloria".

L'imam aveva allora affermato che le sue citazioni in arabo sono state tradotte male: "Non ho mai detto questo. Il traduttore è un bugiardo", ha detto. Accusato di incitamento all'odio razziale, Abu Ramadan continua a frequentare la moschea situata in una ex fabbrica della città bernese.

"Non abbiamo problemi, siamo persone rispettabili, non vendiamo droga", ha detto il figlio dell'imam, che ha incontrato dei giornalisti di "LeMatin" mentre andava alla moschea la settimana scorsa con suo padre. I due uomini hanno detto che volevano andare a pregare "normalmente, molto tranquillamente". 


"Ci sono due clan: quelli che sostengono ancora Abu Ramadan e gli altri che lo boicottano", ha detto un musulmano al settimanale "Biel Bienne". È arrogante e persino aggressivo a volte", ha detto un frequentatore della chiesa. "Questo imam è al servizio della comunità, sempre pronto a risolvere una controversia", ha detto una donna musulmana che è responsabile della de-radicalizzazione dei giovani.

I dirigenti della moschea Ar'Rahman hanno detto che non gli era più permesso di tenere sermoni lì. Il predicatore, il cui vero nome è Salah ben Salmen, è accusato di aver ricevuto 600'000 franchi di assistenza sociale durante tredici anni a Nidau, senza aver mai fatto alcuno sforzo di integrazione. "Non possiamo negare l'assistenza sociale a un rifugiato, anche se condanniamo le sue parole", ha detto un funzionario.

Questo rifugiato politico libico è tornato più volte illegalmente nel suo paese. Durante l'indagine, non ha collaborato con le autorità penali: si è rifiutato di rispondere alle domande sul suo reddito. Se condannato, rischia di perdere il suo permesso C e di essere espulso.

Ramadan era arrivato in Svizzera nel 1998 e ha ottenuto lo status di rifugiato tre anni dopo. Ha un permesso C ed è a beneficio dell'assistenza sociale. Nel 2017, la Segreteria di Stato per le migrazioni aveva deciso di "revocare l'asilo e ritirare lo status di rifugiato" del "cosiddetto imam". Il motivo: "Ha visitato più volte il suo paese d'origine e si dice che sia in possesso di un passaporto libico".

Guarda anche 

Dei Consiglieri nazionali vogliono vietare il velo islamico nelle scuole svizzere

La consigliera nazionale Marianne Binder (Centro/AG) vuole vietare il velo nelle scuole, una misura sostenuta da altri parlamentari. Vedono il velo come una discrimina...
27.12.2022
Svizzera

Gli iraniani residenti in Svizzera sottostanno al diritto famigliare dell'Iran

In Svizzera, i cittadini iraniani sono soggetti al diritto di famiglia della Repubblica islamica. Come riporta la "NZZ am Sonntag", i giudici svizzeri devono...
28.11.2022
Svizzera

Lo strabismo delle femministe rossoverdi

In Svizzera le donne hanno scioperato per protestare contro le discriminazioni di ogni genere che subiscono nel mondo del lavoro, e per chiedere parità di diritti ...
11.10.2022
Opinioni

"L'Islam, fabbrica di squilibrati?"

Ricorre oggi il 21° tragico anniversario dell’attentato terroristico alle Torri gemelle di New York, che causò 2'752 morti e 251 feriti. Da allora ne...
11.09.2022
Opinioni