Ticino, 27 gennaio 2022

Il collegamento veloce A2-A13 sarà realtà. Zali: "Grande soddisfazione"

Il collegamento veloce A2 – A13 tra Bellinzona e Locarno e il potenziamento dell’autostrada tra Lugano Sud e Mendrisio (PoLuMe) saranno realtà. Lo ha deciso il Consiglio federale che premia così l’importante lavoro condotto dal Dipartimento del territorio, in primis in stretta collaborazione con l’Ufficio federale delle strade (USTRA) e con tutti gli enti interessati. Ma c’è di più: per entrambi i progetti il Ticino guadagna circa dieci anni.

Infatti, la realizzazione del potenziamento dell’autostrada tra Lugano Sud e Mendrisio è stata anticipata di un decennio (dal 2040 al 2030), mentre che il collegamento veloce tra Bellinzona e Locarno rientra nei 3 grandi progetti selezionati tra i 16 ricevuti dai Cantoni che il Consiglio federale ha esaminato e incluso nella prossima fase del Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali; ciò che rappresenta un autentico punto di svolta nell’ambito dei grandi progetti stradali.

Claudio Zali: ”Grande soddisfazione”

“Siamo molto soddisfatti” – commenta in proposito il Direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, evidenziando come soprattutto “la notizia riguardante il collegamento veloce Bellinzona – Locarno” non fosse “per nulla scontata e ci premia per il lavoro condotto negli scorsi anni portando a Berna, soprattutto grazie all’ottima collaborazione con USTRA, un progetto sviluppato a spese del Cantone e condiviso dal territorio”. {banner}

Fondamentale la collaborazione con USTRA

L’aver ricostruito, da parte del DT, dei buoni rapporti con i vertici dell’Ufficio federale delle strade, scaturiti in un’ottima collaborazione, ha permesso di poter compiere importanti passi avanti, e non solo su questi progetti, ma anche in relazione ad altre grandi opere quali, per esempio, il risanamento della galleria del San Gottardo e il semisvincolo di Bellinzona.

Il collegamento veloce A2-A13

L’iter concernente il dossier relativo al collegamento veloce A2 - A13, condiviso con tutti i portatori d’interesse ed elaborato dal DT in stretta collaborazione con l’Ufficio federale delle strade (USTRA), conferma le tempistiche annunciate. L’anticipo della progettazione ha consentito dunque di accelerare le tempistiche del processo di realizzazione, nonché di creare le premesse che hanno portato alla decisione del Consiglio federale.

Il potenziamento Lugano Sud – Mendrisio (PoLuMe)

C’è grande soddisfazione anche per la decisione del Consiglio federale di anticipare al 2030 il progetto PoLuMe, finora previsto per l’Orizzonte 2040, poiché “riferito a un grande agglomerato urbano” e in quanto “contribuisce a rimuovere importanti criticità”. Inoltre, secondo Berna “lo stato di pianificazione raggiunto giustifica il passaggio all’Orizzonte realizzativo 2030”. A tale proposito si ricorda che la relativa progettazione – come auspicato dal DT – tiene in considerazione non solo gli aspetti urbanistici e ambientali, ma anche e soprattutto l’inserimento dell’opera nel paesaggio. Raccomandazioni, queste, che il Consiglio federale ha apprezzato e accolto!

Guarda anche 

Il Ticino dice sì al pareggio dei conti. "Ha vinto il buonsenso"

Il popolo ticinese ha votato favorevolmente il 'decreto Morisoli', ossia il pareggio dei bilanci dello Stato entro il 2025. Sostenuto da Lega, UDC, e PLR, il p...
16.05.2022
Ticino

Gobbi: “Solidali ma vigili contro i possibili abusi”

Nella conferenza stampa di marzo, quando venne presentato il Piano cantonale d’accoglienza riguardante i profughi ucraini, il Consigliere di Stato ...
16.05.2022
Ticino

Lo sport più praticato in Svizzera? L'escursionismo!

I risultati dello studio Sport Schweiz 2020 non danno adito a fraintendimenti: l’escursionismo è lo sport più praticato in Svizzera. Ma l...
12.05.2022
Ticino

Chiasso, in dogana con 50 scatole di Kamagra nascoste nell'automobile

Giovedì scorso, durante un controllo al valico autostradale di Chiasso, i collaboratori dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (...
12.05.2022
Ticino