Svizzera, 13 gennaio 2022

Anche la Svizzera senza rappresentanti ai giochi olimpici di Pechino?

Quando mancano poco più di due settimane alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici di Pechino, il Consiglio federale non ha ancora deciso come essere rappresentato ufficialmente. Se di norma è il presidente della Confederazione a rappresentare la Svizzera a questo tipo di eventi, quest'anno Ignazio Cassis, l'attuale presidente, non sarebbe affatto motivato ad andare in Cina, secondo quanto riferisce il Tages-Anzeiger mercoledì.

L'argomento è stato trattato della prima sessione dei sette saggi di mercoledì. E il portavoce del governo André Simonazzi ha detto alla stampa a Berna che non è stato ancora deciso nulla. "Il Consiglio federale è del parere che sia opportuno essere rappresentato alle cerimonie olimpiche da un membro del Consiglio federale", ha spiegato. Tuttavia, il Consiglio federale deciderà definitivamente sulla sua delegazione a breve termine a causa dello sviluppo della pandemia in Svizzera e nel mondo e della necessità della sua presenza in Svizzera in questo contesto. Ciò significa che Berna si riserva la possibilità
di non andare a Pechino all'ultimo minuto a causa della situazione epidemiologica in Svizzera.

La Svizzera potrebbe quindi far parte dei paesi che non avranno rappresentanti alle Olimpiadi, dopo che gli Stati Uniti hanno chiesto il boicottaggio dei Giochi a causa delle violazioni dei diritti umani di Pechino. Finora Regno Unito, il Canada e l'Australia hanno annunciato di voler seguire l'esempio (e l'invito) americano. E in Svizzera, anche i Verdi lo chiedono. Ma il Consiglio federale, interrogato in dicembre da un deputato sulla sua partecipazione ai Giochi, ha risposto che la Svizzera non avrebbe boicottato i Giochi e che avrebbe "commentato la sua rappresentazione ufficiale in una data successiva".

Secondo il Tages-Anzeiger, Ignazio Cassis sarebbe tutt'altro che desideroso di andare in Cina in primo luogo, perché si teme che la partecipazione del presidente della Confederazione manderebbe un segnale troppo amichevole a Pechino. In secondo luogo, perché le restrizioni sanitarie dovute al Covid sono così severe che in Cina si può fare poco o niente.

Guarda anche 

"Cassis e Amherd sono figure deboli che sono state travolte dalla crisi come palle di neve"

Criticare ad alta voce il vostro datore di lavoro su un treno pieno di pendolari potrebbe non essere la migliore idea, in particolare se siete un ufficiale dell'eserc...
05.05.2022
Svizzera

Boris Johnson riceve Cassis a Londra: "Fuori dall'UE possiamo creare la Britzerland"

In visita a Londra giovedì, il presidente svizzero Ignazio Cassis e il suo omologo Boris Johnson hanno rafforzato la loro collaborazione come paesi europei al di f...
29.04.2022
Svizzera

La NATO chiede il permesso di sorvolare la Svizzera, Cassis "ruba" la parola a Sommaruga

L'interpretazione della neutralità svizzera divide anche il Consiglio federale. L'edizione di sabato della "Schweiz am Wochenende" riferisce d...
03.04.2022
Svizzera

Cassis annuncia che la Svizzera verserà 60 milioni di franchi all'Afghanistan

La Svizzera verserà 30 milioni di franchi entro la fine dell'anno all'Afghanistan e i paesi della regione e verserà lo stesso importo l'anno pro...
02.04.2022
Svizzera