Sport, 19 novembre 2021

Le chiacchiere stanno a 0: torna il derby

Questa sera alla Cornèr Arena saranno di nuovo di scena Lugano e Ambrì, in una sfida altamente delicata specie per i bianconeri

LUGANO – Dopo il netto 6-0 dello scorso anno, parliamo ovviamente soltanto di sfide ufficiali, il nuovo campionato – parlando di derby Lugano-Ambrì – si era aperto con altre due affermazioni dei bianconeri, capaci di imporsi sia alla Gottardo Arena che in casa propria. Poi però, nell’ultimo incrocio disputato in Leventina, erano stati i ragazzi di Cereda a imporsi, rimontando la rete di Arcobello, decidendo il tutto prima con McMillan, poi con Heim, autore della rete decisiva.
 
 
Da quel 17 ottobre di acqua sotto i ponti ne è passata, e neanche poca. Il Lugano, pur avendo recuperato diversi infortunati, non ne ha azzeccata praticamente più una, iniziando a sbandare pericolosamente, inanellando una serie infinita di sconfitte – inframmezzate da qualche vittoria, come quella di Rapperswil e contro l’Ajoie – che lo hanno portato addirittura in 10a posizione in classifica. 26 punti in 24 partite: davvero troppo poco per far dormire sogni tranquilli anche a McSorley che difficilmente riesce a ottenere qualcosa anche dai suoi uomini migliori. In casa bianconera si spera che la pausa abbia riportato linfa nelle gambe e serenità nella testa, così come idee in quanto a gioco; dalle parti della Cornèr Arena, inoltre, si intravvedono anche altri recuperi importanti alle porte, come quello di Carr e di Schlegel (non ce ne vogliano i vari Fadani, Fatton e Irving). Il derby, forse, è la prova ideale per poter valutare quanto fatto e ottenuto in questa settimana abbondante di stop.
 
 
In casa Ambrì, invece, scongiurata e superata la crisi relativa ai derby, grazie all’ultimo successo ottenuto in casa, si guarda con fiducia a questa sera. È vero, nelle ultime 5 partite i biancoblù hanno vinto soltanto 2 volte e sempre contro l’Ajoie (ottenendo 5 punti), ma è altrettanto vero che la classifica premia i ragazzi di Cereda, con 32 punti in 23 partite, che permettono ai leventinesi di issarsi momentaneamente in 7a posizione. Certo, Pestoni e compagni possono e devono crescere ancora, devono trovare ancora l’amalgama e devono ottenere anche loro di più dagli stranieri, ma il lavoro dell’head coach si vede, l’idea di gioco si intravvede e di conseguenza i biancoblù questa sera proveranno sicuramente a partire forte, per dare ancora più vigore alla loro voglia di sbancare la pista luganese e per mettere ancora più alle corde un avversario ferito e, è giusto dirlo, in crisi.
 
 
Sarà quindi un derby, magari non spettacolare e pirotecnico, ma importante e delicato che potrebbe dirci molto sul futuro a breve, ma anche a lungo termine delle due compagini del nostro Cantone.

Guarda anche 

Il Lugano va, con Bottani in poppa

LUGANO – Evidentemente il KO di Berna è stato solo un episodio. Per carità, perdere in casa dell’YB ci sta, ma è anche vero che la sconfi...
06.12.2021
Sport

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Il leggendario Nummelin riscalda ancora i cuori

LUGANO - Quando Nummy entra in sala stampa viene accolto da un applauso. Qualche vecchio cronista coglie l'occasione per un selfie; altri lo prendono s...
06.12.2021
Sport

Fora-Bertaggia: quando le bandiere non esistono più

LUGANO – Quella che si è chiusa, è e resterà una settimana che i tifosi di Ambrì e Lugano non dimenticheranno tanto facilmente. Non solo...
05.12.2021
Sport