Mondo, 15 novembre 2021

Roma, 14enne picchiata dalla famiglia perchè non indossa il burqa

Aggredita dalla famiglia perchè si rifiuta di indossare il burqa. Una 14enne originaria del Bangladesh residente a Ostia, nei pressi di Roma, è stata ripetutamente picchiata dal fratello 17enne e dalla madre perchè non seguiva abbastanza rigidamente i dettami islamici, fra cui indossare il burqa. Una serie di violenze psicologiche e fisiche che sarebbero andate avanti per mesi con la minaccia che, se non avesse seguito la linea imposta dalla famiglia, sarebbe stata rimandata in Bangladesh.

Come riportano i media italiani, la giovane ha poi finalmente trovato il coraggio di sporgere denuncia ai carabinieri che ora stanno indagando sui maltrattamenti in famiglia che la giovane vittima avrebbe subito. Secondo quanto raccontato, la ragazza avrebbe subito da tempo una serie di minacce e offese. Imposizioni mai digerite e che, secondo quanto trapelato finora, sarebbero degenerate nello scorso fine settimana quando, sabato, la 14enne sarebbe stata picchiata dal fratello.

Stanca e spaventata, forse senza via d'uscita, l'adolescente si è fatta coraggio presentandosi a una stazione dei carabinieri di Ostia. Secondo quanto ha raccontato alle forze dell'ordine, l'oppressione domestica andava avanti da mesi.

La ragazza ha riferito di essere stata graffiata in faccia, presa a calci e schiaffi dal fratello 17enne. Una violenta aggressione con il giovane studente di Ostia, che avrebbe anche sbattuto la testa contro un mobile a causa di una spinta. Dopo la lite, riuscendo a scappare, domenica ha raggiunto il posto di polizia raccontando quanto vissuto: "Vogliono mandarmi in Bangladesh. Io non voglio", ha detto ai carabineri che hanno raccolto la sua testimonianza.

Accompagnata all'ospedale, è stata visitata dai medici secondo cui ha riportato lesioni guaribili in 15 giorni. I carabinieri, che ora stanno indagando per ricostruire l'esatto contesto familiare e approfondire la denuncia della 14enne, hanno portato la giovane in una struttura protetta.

Nel frattempo, la madre e il fratello della 14enne sono stati denunciati per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Anche la posizione di altri parenti è al vaglio degli inquirenti. Trattandosi di una vicenda molto delicata, che coinvolge anche due minori, i carabinieri stanno cercando di ricostruire tutti i dettagli.

Guarda anche 

Choc a Roma: straniero nudo e ubriaco minaccia i passanti e si tuffa nella fontana

ROMA (Italia) – Uno straniero, completamente nudo se non per un cappello rosso e un paio di scarpe da ginnastica, ha scatenato il panico ieri mattina a Roma, nei pr...
09.12.2021
Magazine

La Svizzera rimpatria i figli di una jihadista partita in Siria

La Svizzera ha rimpatriato due ragazze di 15 e 9 anni dal campo di Roj, nel nord-est della Siria. La loro madre le aveva portate con sè cinque anni fa per unirsi a...
07.12.2021
Svizzera

Sostegno allo Stato islamico, l'"Emiro di Winterthur" se la cava con una pena ridotta

La corte d'appello del Tribunale penale federale di Bellinzona ha condannato il sostenitore dello Stato islamico, soprannominato "l'emiro di Winterthur"...
06.12.2021
Svizzera

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport