Svizzera, 03 novembre 2021

Confederazione e Cantoni danno il via alla Settimana nazionale di vaccinazione

La vaccinazione rimane il mezzo più efficace per porre fine alla pandemia in Svizzera. Per promuoverla, Confederazione e Cantoni stanno conducendo un’offensiva tesa a informare il maggior numero possibile di persone sui vantaggi della vaccinazione. Dall’8 al 14 novembre è prevista una Settimana nazionale di vaccinazione all’insegna del motto «Superiamo insieme la pandemia». Nelle prossime settimane saranno inoltre operative unità mobili di vaccinazione supplementari che offriranno un accesso a bassa soglia alla vaccinazione in tutta la Svizzera. Infine consulenti forniranno informazioni sulla vaccinazione a tutte le persone che lo desiderano.

L’offensiva di vaccinazione, che gode di un ampio sostegno, entra nel vivo e viene presentata alla popolazione. Confederazione, Cantoni e numerose associazioni e organizzazioni stanno lavorando a pieno regime per metterla in atto. L’offensiva prevede tre elementi: una Settimana nazionale di vaccinazione, unità mobili di consulenza e vaccinazione supplementari e offerte informative personalizzate.

«Superiamo insieme la pandemia»: settimana di vaccinazione dall’8 al 14 novembre

L’obiettivo della settimana, che si svolge all’insegna del motto «Superiamo insieme la pandemia», è di informare il maggior numero possibile di persone sulla vaccinazione e di sottolinearne i vantaggi per l’intera società. Tutti i Cantoni e numerose federazioni, associazioni e organizzazioni proporranno manifestazioni a livello locale con servizi di consulenza e offerte vaccinali a bassa soglia, ad esempio una «notte della vaccinazione» o una diretta streaming con esperte ed esperti. È prevista, in particolare, una comunicazione chiara, plurilingue e basata su dati attendibili sulla vaccinazione e saranno tematizzati, fra l’altro, l’efficacia, la sicurezza e gli effetti collaterali dei vaccini, i rischi per la salute di un’infezione da coronavirus e le possibilità di vaccinazione.

Dal 7 novembre, la Settimana nazionale di vaccinazione potrà inoltre contare su un nutrito gruppo di testimoni d’eccezione: oltre 80 personalità del mondo dello sport, della cultura, dell’economia e della politica compariranno infatti a sostegno dell’iniziativa in una serie di inserzioni. Sul sito Internet settimanavaccinazione.ch sono disponibili informazioni sulla campagna, sulla vaccinazione anti-COVID-19 e link alle manifestazioni previste nei Cantoni.

Durante la settimana di vaccinazione è prevista anche un tour con una vasta offerta di informazioni e una serie di concerti – il «Back on Tour» – che farà tappa a Thun (08.11.), Losanna (09.11.), Sion (10.11.), San Gallo (12.11.) e Lucerna (13.11.) e che vedrà la partecipazione di artisti del calibro di Stefanie Heinzmann, Danitsa, Stress, Dabu, Kunz e, in qualità di ospiti d’eccezione, Baschi, Anna Rossinelli e Sophie Hunger. Il tour sarà aperto ufficialmente dal presidente della Confederazione Guy Parmelin l’8 novembre sulla Piazza federale di Berna. Durante i concerti si potrà usufruire dei servizi di consulenza vaccinale e farsi vaccinare direttamente sul posto. Il numero di spettatori è limitato a 500 persone, i concerti si terranno all’aperto e non sarà necessario il certificato COVID. I biglietti sono ottenibili gratuitamente, da subito, sul sito della Settimana nazionale di vaccinazione.

Unità mobili di consulenza e vaccinazione supplementari

Durante la settimana di vaccinazione e in quelle successive saranno operative nei Cantoni numerose unità mobili di consulenza e vaccinazione, tra cui dei bus di vaccinazione. In questo modo le persone non ancora vaccinate potranno farsi consigliare e sottoporsi eventualmente a una vaccinazione. Gli indecisi potranno beneficiare di una consulenza individuale.

I consulenti saranno a disposizione per aiutare le persone a trovare un centro di vaccinazione o a contattare un medico o un traduttore. Non è ancora chiaro quante unità mobili supplementari e quanti consulenti saranno impiegati nelle prossime settimane, dato che non tutti i Cantoni hanno ancora presentato i loro piani.

Investimento massimo di 96 milioni di franchi

I costi a carico della Confederazione per l’offensiva di vaccinazione non supereranno i 96 milioni di franchi. A confronto, i test gratuiti per i certificati COVID verrebbero a costare all’incirca 50 milioni di franchi alla settimana. Un’alta copertura vaccinale avrebbe inoltre benefici indiscussi per il sistema sanitario e l’economia: in media si potrebbero evitare un ricovero in ospedale ogni 50 vaccinazioni e uno in terapia intensiva ogni 150. Senza contare che, scongiurando le chiusure, si possono risparmiare ulteriori costi, in particolar modo nella ristorazione, nel settore alberghiero, nei centri fitness e nell’industria dell’intrattenimento.

Basso tasso di vaccinazione

Con il 73 per cento delle persone a partire dai 12 anni che hanno completato di ciclo vaccinale, la Svizzera presenta un tasso di vaccinazione basso rispetto ad altri Paesi europei. Per la Confederazione e i Cantoni, la vaccinazione resta il mezzo migliore e più rapido per uscire dalla pandemia di COVID-19. Soltanto un tasso di vaccinazione significativamente più alto permette di garantire alla popolazione un’immunizzazione sufficiente e una protezione contro un decorso grave della malattia e di evitare un sovraccarico del sistema sanitario. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, per la variante Delta e senza includere le persone guarite, dovrebbero essere vaccinati il 93 per cento circa della popolazione nella fascia d’età sopra i 65 anni e l’80 per cento in quella tra i 18 i 65 anni.

Situazione epidemiologica fragile

La situazione epidemiologica rimane fragile. Attualmente Il tasso di vaccinazione è troppo basso e la velocità con cui procede la campagna vaccinale troppo lenta per prevenire una nuova forte ondata di infezione durante i mesi freddi. Dopo una diminuzione dei casi nelle ultime settimane, la tendenza si è di nuovo invertita. Questa evoluzione era prevedibile in considerazione del calo delle temperature, della fine delle vacanze autunnali, della copertura immunitaria ancora insufficiente e della variante Delta, molto più contagiosa. Al momento non è possibile prevedere in modo attendibile in che misura e con che velocità aumenteranno i ricoveri nelle prossime settimane. Il numero crescente di casi si ripercuoterà probabilmente con effetto ritardato sui ricoveri ospedalieri e sulle capacità nelle unità di terapia intensiva.

Guarda anche 

Previsioni economiche: la ripresa si fa attendere

Nell’inverno 2021/2022 le difficoltà di approvvigionamento e l’inasprimento delle misure anti-COVID pesano sull’economia a livello internazionale...
09.12.2021
Svizzera

Settimana della vaccinazione, il bus della Confederazione circolava illegalmente

Da più parti considerata un fallimento, la "settimana di vaccinazione" promossa dalla Confederazione potrebbe anche avere conseguenze giudiziarie. In cau...
08.12.2021
Svizzera

Cassis nuovo presidente della Confederazione

La teoria è diventata realtà. Ignazio Cassis è il nuovo presidente della Confederazione per il 2022. L'ufficialità è arrivata nel c...
08.12.2021
Svizzera

Un'azienda di Zugo accusata di spionaggio internazionale

Un'azienda con sede a Zugo attiva nel settore dell'informatica e che lavora con giganti della tecnologia tra cui Google e Twitter, è accusata di vendere se...
08.12.2021
Svizzera