Svizzera, 06 ottobre 2021

"No ai media di stato", si andrà a votare sul pacchetto di aiuti ai media

Si andrà quasi sicuramente a votare sul pacchetto di aiuti ai media. Il comitato referendario ha infatti depositato mercoledì ben 113'085 firme a Berna, più del doppio delle 50'000 necessarie.

"Il comitato ha raccolto più del doppio del numero di firme necessarie per il referendum. Questo dimostra che molti svizzeri rifiutano il finanziamento statale dei media privati", ha detto Peter Weigelt, presidente del comitato "No ai media di stato". Le sovvenzioni dirette ai media sarebbero un "peccato politico e incostituzionale".

I sussidi decisi dal parlamento dovrebbero ammontare a quasi 3 miliardi di franchi in sette anni. Il comitato referendario si oppone a questo "inutile e pericoloso spreco di denaro dei contribuenti". I referendisti sostengono che i gruppi mediatici ricchi e gli
editori ben piazzati sono i principali beneficiari. "I media finanziati dallo Stato impediscono il dibattito pubblico e distruggono la libertà di espressione. Questo è veleno per la democrazia", ha detto Weigelt.
Il voto è previsto per il 13 febbraio.

Il pacchetto media propone, tra le altre cose, di estendere il sostegno indiretto alla stampa sostenendo la distribuzione mattutina dei giornali in futuro. Un budget di 120 milioni è stato stanziato per questo.
Il pacchetto include anche un pacchetto di sostegno di 30 milioni di franchi all'anno per i media online per promuovere la transizione digitale. I contributi saranno versati fino a un massimo del 60% del fatturato generato dall'azienda. Vengono anche sostenute le agenzie di stampa, le scuole di giornalismo e il Consiglio svizzero della stampa.

Guarda anche 

"Siamo stati troppo ottimisti", alla fine non è riuscito il referendum contro l'obbligo di carta d'identità per le piattaforme video

Giovedì scorso, il partito pirata aveva annunciato di aver raccolto il numero di firme necessario per sottoporre al voto la nuova legge sulla protezione dei minori...
23.01.2023
Svizzera

Carta d'identità per accedere alle piattaforme video, si andrà a votare

Gli oppositori alla nuova Legge federale sulla protezione dei minori nell'industria cinematografica e dei videogiochi, adottata dal Parlamento a settembre, sono riusc...
19.01.2023
Svizzera

Si andrà a votare sulla Legge sulla protezione del clima

Il referendum dell'UDC contro la nuova legge sulla protezione del clima è riuscito e dovrà quindi essere sottoposta ai votanti. "Abbiamo già...
10.01.2023
Svizzera

Obbligo carta d'identità per accedere a YouTube e Pornhub più vicino, il referendum a rischio

Il referendum contro l'obbligo di identificazione per le piattaforme video previsto dalla nuova legge sulla tutela dei giovani rischia di non avere successo: finor...
28.12.2022
Svizzera