Sport, 05 ottobre 2021

I numeri (e non solo) parlano: il Crus meglio di Abel

Non avrà il patentino ma Mattia Croci-Torti sta facendo decisamente meglio del suo predecessore

LUGANO – Quando un mese fa ci svegliammo di buon ora e ricevemmo il comunicato stampa dell’esonero di Abel Braga, a dirla tutta, anche noi restammo a bocca aperta. Un po’ come tutti i tifosi del Lugano. La domanda che ci sorgeva spontanea era: “Ma perché il Lugano allontana, curriculum alla mano, il miglior allenatore del campionato? Quello più blasonato e vincente? Quell’allenatore che stava comunque dando un’impronta importante alla squadra?”. A queste domande, l’unica risposta che ci giunse fu che la nuova proprietà voleva in panchina un tecnico che potesse sposare in tutto e per tutto il credo societario.
 
 
Per settimane, mentre Mattia Croci-Torti sedeva in panchina “ad interim”, sono stati diversi i nomi avvicinati al club bianconero: Frei, Wicky – ora esonerato a Chicago – Gross e chi più ne ha più ne metta. E, a esser sinceri, quando è stato comunicato che proprio il Crus sarebbe rimasto al suo posto, ma da allenatore ufficiale… benché fossimo felici per un figlio del Ticino, che conosce benissimo l’ambiente luganese e del calcio sia ticinese che elvetico, qualche dubbio ci era venuto. E invece…
 
 
E invece questo Lugano col Crus in panca davvero vola. Non ha mai perso, ha superato il turno di Coppa Svizzera, e ha conquistato 8 punti in 4 partite, 2 in più di quanti ne aveva incamerati Abel Braga. E non solo… Mattia, che non ha ancora il patentino e forse l’esperienza da allenatore, ha entusiasmo, competenza e legge come pochi altri non solo le partite, ma gli avversari.
 
 
Ha fatto e sta facendo delle scelte importanti – come quella di Lungoyi in tribuna per scarso impegno o il ritorno alla presenza fissa di Maric quando sta bene – anche durante la partita stessa: a Lucerna la vittoria porta la sua firma in tutto e per tutto, perché il cambio di modulo contro Celestini è stata farina del suo sacco e quella modifica tattica ha sovvertito le sorti del match.
 
 
Crus sembra essere entrato nella sua parte e aver iniziato un processo per diventare un allenatore vero. Ma chi lo conosce da piccolo, come il sottoscritto, può confermare che Mattia è sempre stato così anche in campo, anche all’oratorio del paese quando le partite si sapeva a che ora iniziavano ma non a che ora finivano. Ma lui era sempre lì, non solo a divertirsi, ma anche ad aiutare i compagni in campo, a spiegare i movimenti, le coperture… come un vero allenatore.
 
 
Certo, magari è anche fortunato, ma è sicuramente scaltro. Contro il Losanna lo scatto decisivo per portare a casa i 3 punti è arrivato con l’ingresso di Amoura deciso a 20’ dalla fine. Risultato? L’attaccante che volevano tante squadre, su cui gli scout di mezza Europa avevano messo gli occhi, si è conquistato il rigore e ha siglato il raddoppio, dopo quanto sciupato settimana scorsa a Lucerna. Questo è il vero merito del Crus, aver dato fiducia, aver sostenuto e parlato con un ragazzo di indubbio valore che va trattato esattamente così, ma anche della nuova dirigenza che alla fine, forse sottotraccia, ha centrato un colpo in prospettiva davvero importante. E ora… sotto con lo stadio!

Guarda anche 

Tifoso dell'Italia condannato per aver festeggiato "troppo" la vittoria nella semifinale degli europei

La vittoria dell'Italia contro la Spagna nella semifinale degli Europei di calcio il 6 luglio scorso ha portato ad una condanna penale a Martigny, nel canton Vallese....
16.10.2021
Svizzera

Un ex Lugano positivo al covid

SALERNO (Italia) – Il suo addio al Lugano, in direzione Empoli, non era stato esattamente idilliaco. C’erano stati alcuni battibecchi tra il giocatore, il suo...
17.10.2021
Sport

Calcio in faccia sul campo di 4a Lega: kosovaro condannato a 30 mesi di carcere, ma non espulso

GINEVRA – Vi avevamo raccontato nel 2018 di quanto avvenuto su un campo di calcio del Canton Ginevra, in occasione della sfida tra Versoix e FC Kosova: una vera e p...
15.10.2021
Sport

Le Ladies… graffiano sul caso fallimento

LUGANO - Dopo l’HCL, che ha preso le distanze e ha chiarito quanto l’Hockey Club Lugano e le Ladies Lugano siano due società e due club indipendenti, &...
14.10.2021
Sport