Sport, 01 ottobre 2021

Una prima in assoluto alla Gottardo Arena: va in scena il derby

Questa sera Ambrì e Lugano si sfideranno per la prima volta in stagione, per la prima volta sotto le volte della nuova pista

AMBRÌ – Affrontando il Friborgo, l’Ambrì ha esordito poco meno di 3 settimane fa sul ghiaccio della sua nuova casa, la Gottardo Arena. Una pista avveniristica che praticamente non ha nulla a che fare con la vecchia, ma proprio per questo unica e indimenticabile, Valascia… fatta eccezione per i colori e per il calore del pubblico leventinese. Questa sera la nuova Gottardo Arena “festeggerà” un altro esordio: quello dei derby. Infatti, in Valle, alle 19:45 Ambrì e Lugano si sfideranno dando vita al primo derby stagionale.
 
Le due squadre ci arrivano con i bianconeri in vantaggio di 3 punti sui cugini, ma con una partita giocata in più, e col Lugano reduce dal capitombolo di martedì a Friborgo, mentre l’Ambrì – sempre sulla pista di casa – arriva carico dopo il roboante e netto successo colto contro la capolista Bienne. Entrambe le formazioni hanno mostrato diversi volti fin qui in avvio di stagione: la truppa di McSorley ha dovuto affrontare diversi infortuni – quelli di Carr, nel frattempo rientrato, e di Josephs su tutti – che ne hanno condizionato il rendimento fin qui, incappando in qualche sconfitta, a volte immeritata, di troppo.
 
I ragazzi di Cereda, invece, dopo un grande avvio di campionato con 3 vittorie nelle prime 3 partite, sono incappati in una lunga serie di 4 partite storte, cupe e nere che non hanno portato punti, prima di tornare a gioire martedì contro i Seelanders. L’head coach leventinese, però, può gioire perché martedì oltre al bottino pieno è giunta anche la prima rete di quel Zwerger che faticava a sbloccarsi e a dimostrare tutto il suo valore.
 
Dall’altra parte i sottocenerini stanno affrontando un periodo di crescita e di adattamento al gioco richiesto dal nuovo allenatore e stanno scoprendo tutti i loro limiti ma anche i propri punti di forza. Tra questi, mettendo un attimo da parte i valori dei vari Fazzini, Arcobello, Müller e Alatalo, c’è quello di poter contare su due portieri di assoluto valore. Se su Schlegel nessuno aveva dubbi in merito, Fatton invece è stata una sorpresa positiva per tutti.
 
Ci sarà da divertirsi, insomma, e allora… che vinca il migliore.

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport

Il sindaco lancia la finale: “Mister Croci Torti è un mito”

LUGANO - “Non sono un tifoso fanatico ma quando mi capita vado a Cornaredo e mi vedo la partita assieme ai vecchi supporter bianconeri, quelli che non mollano ...
15.05.2022
Sport