Mondo, 16 settembre 2021

Il gigante dell'immobiliare Evergrande sull'orlo del fallimento, "rischio di una Lehman Brothers cinese"

Il gigante immobiliare cinese Evergrande ha accumulato più di 300 miliardi di dollari di debiti e si trova ora sull'orlo del fallimento e rischia, secondo diversi analisti, di diventare la Lehmann Brothers cinese, in riferimento all'istituto finanziario il cui fallimento segnò l'inizio della crisi finanziaria del 2008.

Quello di Evergrande è un enorme castello di debiti che minaccia sempre più di crollare, gettando una lunga ombra sull'economia cinese e, per estensione, sull'economia globale. Evergrande, il gigante immobiliare cinese, è stato declassato dall'agenzia di rating Fitch mercoledì 8 settembre a "CC", indicando che un default è diventato lo scenario più probabile.

Le altre due agenzie di rating, Moody's e S&P, si trovano sulla stessa linea e hanno già declassato Evergrande diverse volte dall'inizio dell'estate. Il problema è il debito di 300 miliardi di dollari che il gruppo ha accumulato nel corso degli anni.

Una cifra pazzesca - equivalente al debito pubblico di un paese come il Portogallo - che fa di Evergrande l'istituto immobiliare più indebitato del mondo. Alla fine di agosto, i dirigenti di questo gigante cinese hanno riconosciuto ufficialmente che potrebbero non essere in grado di soddisfare tutti i loro obblighi finanziari.

Questo rischio di default è tanto più preoccupante per Pechino in quanto Evergrande è il simbolo dell'urbanizzazione forzata della società cinese e, più in generale, "del modello di crescita cinese, che dipende fortemente dal debito", commenta Jean-François Dufour, direttore della società di consulenza DCA China-Analysis, interpellato dal sito francese France 24.

Il gruppo, come si legge su wikipedia, è stato fondato nel 1996, in un momento in cui la Cina stava spostando centinaia di milioni di cinesi dalla campagna alla città, il che ha permesso "al settore immobiliare di sperimentare una crescita molto forte", ricorda Frédéric Rollin, consulente di strategia di investimento presso Pictet Asset Management, si legge sempre su France 24 in un articolo di approfondimento sulla questione.

Evergrande è stato il principale beneficiario di questo boom. Il gruppo privato ha perseguito una strategia molto aggressiva che dipende fortemente dalla volontà delle banche di sostenerlo finanziariamente, consistente in un flusso costante di progetti immobiliari, mentre ha assunto manodopera in massa per servire le sue ambizioni, ambizioni che oggi si sono rivelate eccessive.
Ad oggi il gruppo è responsabile di 778 progetti immobiliari in 223 città cinesi e impiega direttamente quasi 200'000 persone, e la sua attività, sostiene il gruppo, avrebbe creato indirettamente oltre 3 milioni di posti di lavoro.

Ma Evergrande non è attiva solo nell'immobiliare. Dall'inizio degli anni 2010 "ha intrapreso una corsa contro il tempo per diversificare le sue attività, molto più di altri gruppi del settore", spiega Jean-François Dufour.

L'immobiliare non era più così popolare in Cina, era considerato altamente speculativo e il governo "aveva reso altri settori una priorità nazionale", aggiunge l'economista francese. Evergrande ha acquisito partecipazioni in servizi di video streaming, assicurazioni sanitarie mutue, produttori di latte e cooperative di allevamento di maiali. Il gruppo ha anche comprato una squadra di calcio - il Guangzhou FC di Guangzhou - e costruito parchi di divertimento. Il suo ultimo investimento su larga scala, a partire dal 2019, è stato investire nella costruzione di auto elettriche senza avere alcuna esperienza in questo campo.

"L'obiettivo di questa strategia era di essere presente in un numero sufficiente di settori prioritari, in modo che il governo fosse più incline a sostenere finanziariamente il gruppo quando il muro del debito diventava difficile da sostenere per Evergrande", spiega Jean-François Dufour.

Purtroppo, il gruppo è stato un po' troppo lento. Ha, per esempio, 15 miliardi di dollari di fatture da saldare entro la fine del 2021, ma lo scorso giugno aveva solo 13 miliardi di dollari a disposizione. E le banche cinesi sono diventate molto meno inclini a continuare a sostenere Evergrande. "Il rifinanziamento del debito delle imprese è diventato più complicato a causa dell'attuale politica monetaria restrittiva del governo", spiega Frédéric Rollin.

Evergrande, si legge sul Financial Times, è "entrato in un circolo vizioso". Le banche non vogliono più prestargli i fondi necessari per finire i suoi progetti, il che significa che il costruttore non ha più case da vendere ed è privo di denaro fresco per rimborsare i creditori e rassicurare le banche.

"In una normale economia di mercato, Evergrande sarebbe fallita molto tempo fa", dice Jean-François Dufour. Ma il capitalismo alla cinese è stato a lungo molto meno attento al debito privato. "La regola era che finché un'azienda dava l'impressione di andare avanti e di avere progetti in corso, le banche le davano credito, perché nel contesto della forte crescita cinese, si pensava che ci sarebbero stati sempre profitti da realizzare", spiega il direttore di DCA China-Analysis.

Questa logica ha fatto sì che "nel 2020, il debito delle imprese cinesi rappresentava il 160% del PIL nazionale, contro l'85% negli Stati Uniti e il 115% delle imprese della zona euro", sottolinea Frédéric Rollin.

Ora che Pechino vuole ripulire le finanze dei grandi gruppi e delle banche, giganti come Evergrande si trovano in situazioni molto delicate. Ma un fallimento di questo gigante immobiliare "avrebbe conseguenze molto profonde per l'economia cinese nel suo insieme", dice Jean-François Dufour.

Egli ritiene che "almeno una banca non sopravviverebbe, il che potrebbe rendere le altre banche ancora più riluttanti a prestare alle imprese indebitate, segnando così la fine del modello di crescita cinese". Nell'attuale contesto di fragile ripresa economica dalla crisi sanitaria, questo è uno scenario che Pechino non può permettersi.

Tanto più che un crollo di Evergrande potrebbe avere ripercussioni anche nel resto del mondo. Evergrande "conta diversi grandi gruppi internazionali - come Allianz o BlackRock - tra i suoi partner, e se Evergrande fallisce, questo potrebbe avere conseguenze sui loro conti e preoccupare gli investitori stranieri che finora pensavano che Pechino avrebbe sostenuto i suoi campioni a tutti i costi", analizza il Financial Times.

"Data l'importanza di questo attore, la probabilità di una ristrutturazione del debito organizzata dallo Stato è alta", dice Frédéric Rollin. In altre parole, Pechino forzerà la mano ai creditori e organizzerà la vendita degli asset che non riguardano l'immobiliare di Evergrande. Ma mettere in ordine 300 miliardi di dollari di debito non accadrà da un giorno all'altro.

Intanto negli scorsi giorni, davanti agli uffici del gruppo presenti in tutto il paese si sono tenute varie proteste di piccoli investitori preoccupati di non poter più rivedere i loro soldi, a testimonianza del clima di panico che sta montando in Cina in queste settimane.


Guarda anche 

Casa di appuntamenti regala 30€… a chi si vaccina

VIENNA (Austria) – Da una parte la voglia di recuperare i clienti della casa di appuntamenti. Dall’altra la necessità di dare una spinta alla campagna ...
14.10.2021
Magazine

"Chi voleva si è fatto vaccinare, gli altri non ne vogliono sapere"

Come risaputo, per la Confederazione il tasso di vaccinazione contro il covid-19 è ancora troppo basso e per questo ha presentato una serie di misure per rilanciar...
11.10.2021
Svizzera

Campagna di vaccinazione del Consiglio federale, pesanti critiche da parte dei Cantoni

Una settimana nazionale di vaccinazione, unità mobili, chiamate, visite a domicilio e un bonus di 50 franchi per convincere amici e parenti a vaccinarsi: queste so...
07.10.2021
Svizzera

Vaccinazione, chiamate e visite a domicilio per convincere gli indecisi

La settimana nazionale di vaccinazione annunciata venerdì scorso da Alain Berset con un budget di 150 milioni di franchi sarà lanciata durante il mese di no...
03.10.2021
Svizzera