Svizzera, 30 agosto 2021

La SECO disattiva la sua hotline Covid

La hotline della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) sarà disattivata il 1° settembre 2021. Grazie a questo servizio temporaneo imprese e cittadini hanno potuto ottenere informazioni di natura economica sulla pandemia per telefono e via e-mail. Dal mese di marzo a oggi i collaboratori della SECO hanno risposto a più di 45 000 telefonate. Con l'inizio della fase di normalizzazione e una netta diminuzione delle chiamate, la SECO ha deciso di ripristinare le sue normali strutture. Se necessario, la hotline COVID-19 potrà essere riattivata rapidamente.

Su incarico del ministro dell'economia Guy Parmelin, il 19 marzo 2020 la SECO aveva aperto una hotline via e-mail/telefono per rispondere all'enorme fabbisogno di informazioni che la pandemia aveva suscitato nel mondo economico e tra la popolazione. Negli ultimi 18 mesi il Consiglio federale ha varato innumerevoli misure di aiuto economico; la hotline ha permesso alla SECO di comunicare le decisioni (indennità per lavoro ridotto, indennità per casi di rigore, prestiti COVID alle imprese, ecc.) e di fornire tutti i dettagli del caso. In questo modo, la SECO ha inoltre cercato di soddisfare al meglio le esigenze dell'economia e della popolazione.

Nel frattempo, il numero di telefonate e di e-mail giornaliere è calato a tal punto da permettere alla SECO di rispondere alle domande servendosi delle strutture e dei processi abituali. Per questo motivo sia la hotline telefonica che quella via e-mail saranno disattivate il 31 agosto 2021 alle ore 17:00. Se, contrariamente alle aspettative, dovesse ripresentarsi la necessità di informare a largo raggio, la SECO potrà riattivare il servizio in tempi brevi.

La hotline è stata gestita con risorse interne. Nel mese di marzo 2020, circa 220 collaboratori della SECO sono stati formati nel giro di pochi giorni per spiegare al telefono e via e-mail le misure adottate dal Consiglio federale. Nella prima fase sono stati organizzati tre turni dalle 7:00 alle 20:00; più recentemente, i turni giornalieri erano due, dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00. Da marzo 2020, i collaboratori della SECO hanno risposto a circa 28 500 e-mail e a oltre 45 000 telefonate. In molti casi, le persone sono state anche indirizzate a un'altra autorità competente.

Guarda anche 

Vallese, anziano picchiato a morte da un gruppo di giovani

Un vallesano di 70 anni è morto in ospedale il 9 settembre dopo una disputa avvenuta due giorni prima a Sion. Cinque persone tra i 21 e i 27 anni sono state arrest...
23.09.2021
Svizzera

Fine dei test gratuiti dal primo ottobre, compromesso in vista?

I test Covid gratuiti saranno estesi oltre il primo ottobre? È ciò che si chiedono in molti, poiché c'è una forte pressione da parte dell&...
22.09.2021
Svizzera

"2'500 franchi per tutti", lanciata una nuova iniziativa per un reddito di base incondizionato

Cinque anni dopo il chiaro "no" nelle urne, un comitato apartitico ha lanciato martedì una seconda iniziativa popolare per introdurre in Svizzera un redd...
22.09.2021
Svizzera

"Aumentare le tasse sul CO2 non contraddice la volontà popolare?"

Venerdì Simonetta Sommaruga ha presentato i contorni della nuova legge sul CO2, legge che sostituirà quella respinta in votazione popolare lo scorso 13 giug...
21.09.2021
Svizzera