Sport, 26 agosto 2021

Tamponi e test per le partite: chi sarà a pagare di più?

Fino a fine settembre il tampone sarà gratuito per tutti, ma da ottobre le cose cambieranno e le società, ovviamente, non potranno sostenere anche questo costo

LUGANO – Nella giornata di ieri il Consiglio federale ha presentato quella misura che un po’ tutti ci aspettavamo visto il crescere dei casi di infezione da covid-19 anche nel nostro Paese: molto presto, verosimilmente, gli interni degli esercizi pubblici diventeranno accessibili solo a guariti, vaccinati o testati. Tra questi “esercizi pubblici” sono comprese le piste e gli impianti per le manifestazioni sportive. Per accedervi, dunque, bisognerà essere in possesso di un certificato covid svizzero valido o di un certificato codice QR compatibile con “EU Digital Covid certificate” riconosciuto in Svizzera.
 
 
Il Governo, in pratica, sta spingendo parecchio per aumentare quella percentuale decisamente bassa, il 56% della popolazione, che si è sottoposta alla vaccinazione, decidendo di non sostenere più il costo del tampone per gli asintomatici. In poche parole: da ottobre il tampone si pagherà.
 
 
Al momento le società sportive si stanno adoperando, e non poco, per andare incontro ai tifosi indecisi o non accondiscendenti al vaccino, mettendo a disposizione la possibilità di sottoporsi a un test rapido nei pressi degli impianti per poter accedere ai vari match. Un esempio concreto è
rappresentato dall’HCL che, così come in occasione dell’amichevole di settimana scorsa, anche per le sfide di Champions Hockey League di venerdì e domenica, in collaborazione col Centro Medical Village di Manno, ha allestito un centro di tamponi presso il P&R Resega.
 
 
Ma, come dicevamo, da ottobre si cambia: il tampone non sarà più gratuito e le società, che devono tenere d’occhio anche il loro bilancio, pur essendo vettori di responsabilità nei confronti della collettività, non possono e non vogliono accollarsi anche questa spesa per quei tifosi che ancora non si sono vaccinati.
 
 
Risulta chiaro che, dovendo mettere mano al portafoglio per sostenere il costo del tampone – da capire quanto costerà al singolo cittadino non vaccinato – alcuni tifosi potrebbero decidere di non presenziare alle partite, lasciando così dei posti vuoti alla pista e facendo mancare il loro apporto, anche economico, alle società sportive. La soluzione low cost? Fare il vaccino e ottenere l’ambito codice QR che permetterebbe a tutti di tornare a godersi una partita di hockey/calcio/basket dal vivo… com’era “una volta”… o quasi…

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Niente vaccino, niente US Open. Djokovic: “Non so ancora se ci sarò”

BELGRADO (Serbia) – Tra meno di un mese inizierà l’US Open e, forte della vittoria a Wimbledon e con lo smacco della sconfitta subita in finale l&rsquo...
02.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport