Sport, 19 agosto 2021

FCL-Mansueto: Renzetti ha fatto bingo

La presentazione della nuova società ha sgomberato praticamente ogni dubbio sulla bontà della scelta di affidare il club alla cordata americana

LUGANO – Questa volta ci siamo. Questa volta è tutto vero. Questa volta Angelo Renzetti si farà davvero da parte – come ha cercato di fare da anni – e l’FC Lugano passa nelle mani di Joe Mansueto. Dopo il dramma sportivo-economico vissuto col duo De Souza-Valbusa, ecco che la società, i giocatori e i tifosi possono tirare un sospiro di sollievo: l’FCL si è salvato, in calcio d’angolo, ma si è salvato e viste le prospettive possiamo anche dire che il futuro si prospetta roseo e ricco di risultati sportivi ed economici.
 
 
Renzetti dal canto suo resterà a capo del CdA almeno fino al rinnovo della licenza ma, e questo è ciò che ci auguriamo, nonostante la “cessione è la vittoria più importante di questi 11 anni di presidenza”, la speranza che Angelo non si allontani troppo dai bianconeri e da Cornaredo. Vero, dovrà e vorrà gustarsi la pensione, ma Lugano ha e avrà sempre bisogno di un personaggio, di un uomo del suo carisma.
 
 
Mansueto, che ieri durante la conferenza stampa era collegato via Zoom, è stato abbastanza chiaro. Così come sono chiare le sue idee e le sue ambizioni: vuole un progetto a lungo termine, vuole vincere campionato e coppa, non
intende lasciare i Chicago Fire e vuole “sfruttare” nel migliore dei modi il fatto di essere proprietario di due club. E questi ultimi due aspetti non sono da sottovalutare: per una persona così ambiziosa, il fatto di poter acquistare un calciatore emergente di talento e “piazzarlo” a Lugano, piuttosto che a Chicago, visto il fatto di giocare in Europa, in un campionato nel quale qualificarsi alle Coppe europee non è così complicato…. Beh potrebbe fare le fortune dei bianconeri.
 
 
Certo, fondamentale sarà risolvere al più presto il punto relativo al polo sportivo. Un piano B non esiste e se il tutto non andasse in porto, allora anche la nuova società si potrebbe trovare in difficoltà.
 
 
Con la sicurezza rappresentata da Mansueto e dagli altri membri del CdA (Martin Blaser, che sarà il CEO, e Georg Heitz) possiamo dire chiaramente che tutto sembra pronto per poter salutare e brindare a questo nuovo capitolo dalle parti di Cornaredo, in attesa di ricevere l’approvazione definitiva del passaggio di consegne da parte della Swiss Football League e poter abbracciare, per un sincero “arrivederci”, Angelo Renzetti che in questi 11 anni ha fatto e dato tutto, se non troppo, per la causa bianconera.

Guarda anche 

Il Lugano cala il pokerissimo: i pre playoff sono ormai in cassaforte

LUGANO – Ancora una volta, la quinta in stagione, il derby si tinge di bianconero. E lo fa a pieno merito, nonostante il Lugano abbia dovuto rinunciare all&rsquo...
28.01.2022
Sport

Lugano-Ambrì, un derby da brivido tra infortuni e arbitraggi da paura

LUGANO – Ci risiamo. Rieccoci. Per la sesta volta in stagione, questa sera, Lugano e Ambrì si ritroveranno una di fronte all’altra, questa volta all...
27.01.2022
Sport

Ciao Vlahovic: la Fiorentina ricopre d’oro il Basilea

BASILEA – La “bomba” di mercato lanciata in questi giorni da diverse testate italiane, e confermata nella serata di ieri dal ds della Fiorentina, Prad&e...
25.01.2022
Sport

“Il titolo? Niente stress, YB squadra da battere”

ZURIGO - Lo Zurigo non vince il campionato dal 2009. Sono passati 13 anni e nel frattempo la squadra biancoazzurra ha vissuto una traumatica relegazione in Challenge...
25.01.2022
Sport