Svizzera, 22 luglio 2021

Martullo-Blocher chiede di costruire una nuova centrale nucleare, "altrimenti ci mancherà elettricità in inverno"

La Svizzera non può fare a meno dell'energia nucleare. È quanto sostiene la consigliera nazionale UDC Magdalena Martullo-Blocher, che ritiene che la Svizzera non solo dovrebbe mantenere le centrali attuali, ma anche costruirne una supplementare. Chiede persino la costruzione di una nuova centrale elettrica, ha detto giovedì in un'intervista al Blick.

Secondo Martullo-Blocher, che si esprimeva in un'intervista sul Blick, "oggi l'elettricità in Svizzera è prodotta quasi esclusivamente da centrali idroelettriche e nucleari. Con l'abbandono del nucleare, ci mancherà un terzo dell'elettricità". Da dove verrà l'energia mancante, si chiede, citando l'aumentato bisogno di elettricità che si prevede derivi dal previsto aumento delle auto elettriche e dalla digitalizzazione. E secondo lei l'energia solare non è un'alternativa. "I pannelli solari producono elettricità solo in estate. Cosa succederà allora in inverno?".

Per Martullo-Blocher, il Consiglio federale è consapevole del problema perché prevede di importare fino al 40% dell'elettricità dall'Europa in inverno. Questo è "irrealistico", secondo Magdalena Martullo-Blocher. Sostiene che anche l'UE ha problemi di approvvigionamento, soprattutto perché vuole allontanarsi dal carbone. "È totalmente irrealistico pensare che l'UE continuerà a fornire la Svizzera in inverno, quando tutti hanno comunque bisogno di più elettricità. Dobbiamo organizzarci".

Di conseguenza, il capo del gruppo EMS Chemie e figlia di Christoph Blocher chiede che il ministro dell'energia, Simonetta Sommaruga, si prenda "le sue responsabilità" per evitare qualsiasi penuria. "Non possiamo permetterci di fermare il nucleare e perdere un terzo della nostra produzione di elettricità", ha detto. Perciò propone non solo la costruzione di una nuova centrale, ma anche l'estensione della vita di quelle esistenti di almeno 10 anni.

Prolungare la vita delle vecchie centrali ha un costo. "Ma rispetto alle interruzioni di corrente che paralizzerebbero tutta la Svizzera, non è molto", dice. Per quanto riguarda la volontà del popolo di abbandonare il nucleare, Magdalena Martullo-Blocher ribatte: "Abbiamo anche la responsabilità di mantenere la promessa sancita dalla legge sull'energia di garantire alla popolazione una fornitura completa di elettricità".

Guarda anche 

Vandalizzata la Ems-Chemie di Martullo-Blocher

Ignoti hanno imbrattato di vernice rossa l'ingresso degli uffici della Ems-Chemie a Männedorf (ZH) nella notte tra martedì e mercoledì. La compagni...
13.06.2019
Svizzera

AGGIORNAMENTO - Black-out a Lugano. Questa volta è colpa di AIL

Dopo il black-out di alcune settimane fa dovuto a degli errori nella manutenzione della rete Swiss Grid oggi a causare il salto della corrente sono i dipendenti di AIL. N...
10.08.2018
Ticino

Martullo-Blocher chiede misure punitive all'UE

La consigliera nazionale dell'UDC Magdalena Martullo-Blocher sostiene che la Svizzera dovrebbe minacciare sanzioni contro l'Unione europea (UE). Secondo lei,...
12.07.2018
Svizzera