Svizzera, 14 luglio 2021

L'Austria mette al bando i Fratelli Musulmani

L’Austria è il primo Paese europeo ad aver bandito la Fratellanza Musulmana, una delle più importanti associazioni dell’islam politico a livello internazionale.  L’8 luglio il parlamento austriaco ha approvato la legge antiterrorismo promossa dalla coalizione di governo fra popolari e verdi, guidata da Sebastian Kurz.

I Fratelli Musulmani erano già nel mirino del governo austriaco dopo l'attacco a Vienna in cui erano state uccise quattro persone e ferite 23 il 2 novembre 2020. L'organizzazione islamica ora è stato inserita nella lista nera alla fine della settimana scorsa, l'8 luglio, come un'organizzazione legata al "crimine a sfondo religioso". I suoi slogan e la sua letteratura sono stati vietati e il possesso o diffusione di materiale di propaganda è ora punibile con una multa di 4'000 euro e un mese di carcere.

La nuova legge antiterrorismo adottata l'8 luglio dà alle autorità prerogative più ampie nel campo della sorveglianza e del controllo degli ambienti estremisti. Ma la sua misura più importante è l'inclusione dei Fratelli Musulmani nella lista dei "gruppi estremisti legati al crimine a sfondo religioso". Il nome della Fratellanza si unisce così a quelli dell'Isis, Al-Qaeda, Hamas, Hezbollah, il PKK curdo, i Lupi grigi turchi messi al bando anche in Francia e Germania, e il movimento fascista croato degli Ustasha.

Secondo il ministro dell'Interno, Karl Nehammer, questa strategia austriaca di "messa al bando dei simboli" si sta dimostrando più efficace della semplice messa al bando di gruppi o associazioni, che si ricostituiscono immediatamente sotto nuovi nomi. Stando a Nehammer, più di 27'000 infrazioni sono state registrate da quando una prima legge era stata introdotta all'indomani degli attacchi di novembre 2020.

Guarda anche 

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera

Un "sex tape" girato al museo musulmano finisce in tribunale

Un singolare caso di estorsione, ricatto e violazione della proprietà privata riguardante il Museo delle Civiltà Islamiche di Neuchâtel è st...
12.04.2022
Svizzera

Confermato il ritiro del passaporto svizzero a un estremista islamico residente in Ticino

Il Tribunale federale ha confermato il ritiro del passaporto svizzero a uomo con la doppia cittadinanza svizzera e turca per aver fatto propaganda al gruppo islamico al-N...
09.04.2022
Ticino

Ecco i vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2022”

I vincitori della quinta edizione del premio nazionale e internazionale “Swiss Stop Islamization Award”, ideato e organizzato dal movimento politico &ldquo...
22.03.2022
Svizzera