Mondo, 12 giugno 2021

Centinaia di pesci morti sul lato italiano del Ceresio: "È avvelenamento"

Centinaia di pesci morti sono stati rinvenuti lo scorso fine settimana a Porto Ceresio, sulla riva italiana del Lago di Lugano.  Vaironi, trote salmerine, agoni e scardole, trovati senza vita dall’ambientalista Carlo Ippoliti nel rio Bolletta, un piccolo affluente del lago.

L’ipotesi più probabile, spiega La Prealpina, è che si sia trattato di un avvelenamento chimico. Il Comitato partecipazione comune di Porto Ceresio intende sporgere denuncia contro ignoti per inquinamento ambientale.

“Si presume  - sostiene il comitato - che tale morìa di diverse specie ittiche abbia vanificato, in un solo pomeriggio, anni di tentativi avviati per il ripopolamento di pesci autoctoni nei torrenti della Valceresio”.

L’inquinamento ha raggiunto anche il Lago di Lugano, come dimostra il fatto che alla foce del piccolo fiume sono state rinvenute diverse carpe morte.

Guarda anche 

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport

Da Roma a Lucerna: in 5 mesi in cui siamo diventati migliori dell’Italia

LUCERNA – 16 giugno 2021: Italia-Svizzera 3-0. In quella serata estiva di Roma, la Nazionale subì una vera e propria lezione di calcio. Presa a pallate, a de...
16.11.2021
Sport

Svizzera da urlo: si va al Mondiale! Italia ai playoff

LUCERNA – Non c’è stato neanche bisogno di fare calcoli: la Svizzera dilagando per 4-0 sulla Bulgaria andrà al Mondiale in Qatar, nel dicembre 2...
15.11.2021
Sport

Roma, 14enne picchiata dalla famiglia perchè non indossa il burqa

Aggredita dalla famiglia perchè si rifiuta di indossare il burqa. Una 14enne originaria del Bangladesh residente a Ostia, nei pressi di Roma, è stata ripetu...
15.11.2021
Mondo