Opinioni, 08 giugno 2021

Tutti contro Lugano

Quando c’è da riconoscere a Lugano il suo ruolo trainante a livello cantonale, concedendogli quanto gli è dovuto, al di là e al di qua del Ceneri moltissimi fanno spallucce. Se appena osi proporre un aumento del contributo statale al nuovo Polo sportivo, che è di chiaro interesse sovraregionale, urti sensibilità di ogni tipo. Lo stesso discorso vale quando “chiami alla cassa” i Comuni che beneficiano alla grande dei servizi messi a disposizione dalla città e pagati dai suoi abitanti.

C’è un’unica eccezione in questa coalizione versus Lugano: la vicenda dei molinari. All’improvviso ecco spuntare da Chiasso a Biasca, passando ovviamente per Bellinzona, gente che spiega al Municipio -anche con una certa arroganza-  cosa dovrebbe fare e come risolvere il problema. Sarebbe troppo facile rispondere a lor signori di guardare in casa propria, o stabilire che una minima percentuale dei frequentatori dell’ex macello è domiciliata a Lugano o ancora che se il problema è cantonale allora dovrebbe essere il Consiglio di Stato ad affrontarlo (e non solo a parole…).

Ma il discorso sulla cosiddetta questione giovanile va oltre e coinvolge i mass media
che danno ampissimo spazio agli autogestiti, anticipando persino -a mo’ di megafono- luogo e orari delle riunioni (salvo poi essere insultati e cacciati). Un marziano che arrivasse in questi giorni in Ticino riterrebbe che il problema più importante da risolvere sia quello del gruppetto anarchico che esige rispetto pur non ubbidendo ad alcuna norma o disposizione dell’autorità. 

Le altre migliaia di giovani che vivono e faticano sui banchi di scuola o alla ricerca di un posto di lavoro non esistono. Ragazzi che non danno problemi e fanno sovente vita associativa: dalla pratica sportiva, agli scout, dal volontariato di vario tipo ad attività di tipo artistico e musicale. Sono invisibili agli occhi dei giornali e delle tv. La normalità in questa società è un difetto. Per esistere devi fare casino, per contare devi raccogliere firme, per far parlare di te sei obbligato a scendere in piazza e a scrivere su muri e vetrine. 

E’ questa la società che vogliamo? La domanda va rivolta alla maggioranza silenziosa compresi i notabili liberali che fanno i “progressisti” quando non ci sono di mezzo i loro personali interessi. 

Andrea Sanvido consigliere comunale Lega 

Guarda anche 

Legge sul CO2: una minaccia sociale

La nuova legge sul CO2 minaccia un aumento della burocrazia e dei costi supplementari. La politica sta pertanto esagerando. Al centro della politica sul clima non c&...
08.06.2021
Opinioni

L'autogestione è ingestibile: sosteniamo il sindaco

Lo smantellamento dell’ex Macello di Lugano, durante la notte di sabato sera, non ha placato gli animi degli autogestiti. Tant’è che ieri, lunedì...
01.06.2021
Opinioni

Fermate quella manifestazione illegale

Lo sgombero di quello che ormai tutti conoscono come Ex-Macello, ma che in verità è un covo di autogestiti, è stato ufficializzato lo scorso 18 marzo...
28.05.2021
Opinioni

Semplificare porta all’inferno

Quello che le donne non dicono è il titolo di una canzone di Fiorella Mannoia che mi è tornata alla mente negli scorsi giorni. Mi è stato raccon...
26.05.2021
Opinioni