Mondo, 27 maggio 2021

L'ex direttore della SSR si mette a salvare migranti

Roger de Weck, direttore generale della SSR tra il 2011 e il 2017, è entrato a far parte del comitato di SOS Méditerranée Suisse, la sezione elvetica di una ONG che si occupa di raccogliere migranti in mare.

“SOS Méditerranée difende una grande causa – ha detto de Weck poco dopo la sua nomina -. Una causa esistenziale per migliaia di naufraghi ed essenziale per i diritti umani. Per me è un onore entrare a farne parte”.

Del comitato fa già parte, tra gli altri, anche l’ex procuratore generale ed ex consigliere agli Stati ticinese Dick Marty.

Intervistato da Le Matin,
de Weck ha sin da subito auspicato un maggior coinvolgimento della Svizzera nelle operazioni di salvataggio nel Mediterraneo. “A fine aprile il nostro battello Ocean Viking – ha spiegato l’ex direttore della SSR – ha soccorso 236 persone che erano in pericolo di morte sui loro gommoni, tra cui 119 minori non accompagnati. Il crescente numero di minori non può lasciare indifferente”.


In concreto, de Weck sostiene che “la Svizzera, con la sua tradizione umanitaria, potrebbe operare di concerto con i Paesi vicini per mettere in moto un meccanismo di sbarco dei migranti che sia prevedibile e coordinato”.

Guarda anche 

La Svizzera verserà 20 milioni di franchi all'Italia per gestire i migranti

La collaborazione tra Svizzera e Italia non è delle migliori, in particolare se si pensa che Roma si rifiuta di rispettare gli accordi di Dublino per il trasferime...
19.05.2024
Svizzera

“Si anticipi la costruzione del nuovo asilo di Lugano”

La realizzazione di un nuovo asilo nido a Lugano deve avvenire al più presto. Ne sono convinti un gruppo di consiglieri comunali della Lega dei Ticinesi (Andrea Sa...
14.05.2024
Ticino

L'inasprimento dell'asilo di Beat Jans in gran parte irrealizzato

Appena entrato in funzione come direttore del dipartimento di Giustizia e Polizia il Consigliere federale socialista Beat Jans aveva annunciato una stretta in materia di ...
12.05.2024
Svizzera

Il Consiglio federale vuole far inscrivere i rifugiati ucraini alla disoccupazione

Il Consiglio federale si è posto l'obbiettivo di raggiungere un tasso occupazione del 40% per i beneficiari dello statuto S entro la fine dell'anno. Un obb...
09.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto