Ticino, 21 aprile 2021

Ha spacciato per anni a Lugano: niente carcere né espulsione

Non andrà in carcere né sarà espulso dalla Svizzera il 45enne nigeriano comparso stamattina in aula a Lugano con l’accusa di aver spacciato cocaina per anni.

L’uomo – come riporta La Regione sul suo sito internet – è stato graziato poiché si è ravveduto, ha chiesto perdono e non ha più commesso altri reati.

La corte presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti l’ha così condannato solamente a 20 mesi sospesi, rinunciando nel contempo all’espulsione
dalla Svizzera.

Il nigeriano è stato riconosciuto colpevole di aver spacciato almeno 400 grammi di cocaina a Lugano, tra il 2016 e il 2019, quando venne arrestato. Però, ha sottolineato il suo difensore, l’avvocato Yasar Ravi, dal momento dell’arresto ha subito collaborato con gli inquirenti. Inoltre parrebbe essere uscito dal “giro sbagliato” trasferendosi in Svizzera interna, dove ha trovato lavoro nell’edilizia.

Per questi motivi la corte ha deciso di essere clemente e di concedergli una seconda chance.

Guarda anche 

Lugano, ecco McSorley!

LUGANO – Nella cornice di Villa Sassa, questa mattina, il Lugano ha alzato i veli su quello che sarà il suo prossimo futuro o, nello specifico, su chi sar&ag...
06.05.2021
Sport

Lugano, l’inizio di “una nuova era”. Cosa dovremo aspettarci?

LUGANO – “La decisione più difficile presa fin qui da GM”. “Pelletier ha fatto un ottimo lavoro”. “Siamo alla fine di un ciclo,...
06.05.2021
Sport

Ritira il secondo pilastro, il Cantone le chiede di restituire 8 anni di assistenza

Dopo aver lavorato per lungo tempo nel settore bancario, una decina di anni fa era finita in assistenza e da allora non era più riuscita a uscirne. Per la donna...
05.05.2021
Ticino

Riceve 35'000 franchi al mese dall'ex marito ma gli saccheggia la casa di vacanza

È una vicenda piuttosto curiosa quella descritta in una sentenza in cui una donna francese viene condannata per aver "svaligiato" la casa di vacanza dell...
05.05.2021
Svizzera