Ticino, 21 aprile 2021

Ha spacciato per anni a Lugano: niente carcere né espulsione

Non andrà in carcere né sarà espulso dalla Svizzera il 45enne nigeriano comparso stamattina in aula a Lugano con l’accusa di aver spacciato cocaina per anni.

L’uomo – come riporta La Regione sul suo sito internet – è stato graziato poiché si è ravveduto, ha chiesto perdono e non ha più commesso altri reati.

La corte presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti l’ha così condannato solamente a 20 mesi sospesi, rinunciando nel contempo all’espulsione
dalla Svizzera.

Il nigeriano è stato riconosciuto colpevole di aver spacciato almeno 400 grammi di cocaina a Lugano, tra il 2016 e il 2019, quando venne arrestato. Però, ha sottolineato il suo difensore, l’avvocato Yasar Ravi, dal momento dell’arresto ha subito collaborato con gli inquirenti. Inoltre parrebbe essere uscito dal “giro sbagliato” trasferendosi in Svizzera interna, dove ha trovato lavoro nell’edilizia.

Per questi motivi la corte ha deciso di essere clemente e di concedergli una seconda chance.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport