Svizzera, 17 aprile 2021

Imam espulso dalla Svizzera si ripresenta a Chiasso come richiedente l’asilo

Il suo permesso di soggiorno in Svizzera gli era stato revocato nel 2015, decisione confermata definitivamente dai giudici nel 2017. Tornato in Egitto, l'Imam si sarebbe però messo in cattiva luce agli occhi del governo.
 
Avrebbe in particolare gestito una pagina Facebook che “incitava la popolazione all’insurrezione” contro il governo di al-Sisi, nonché lavorato come Imam in una moschea diretta dai Fratelli Musulmani, facendosi inoltre ritrarre in compagnia di diversi membri della suddetta organizzazione.
 
È adducendo questi presunti motivi di persecuzione che nell’estate scorsa l’Imam egiziano è tornato in Svizzera. Il 5 luglio ha bussato alla porta del centro di registrazione di Chiasso e ha presentato una domanda d’asilo, dicendosi in pericolo nel suo Paese.
 
In novembre però la SEM ha respinto la domanda dell’Imam egiziano. Gli è stato fatto notare che, essendo già stato in possesso di un permesso di soggiorno in Svizzera, la decisione in merito all’eventuale rilascio di un nuovo permesso di dimora spettava alle autorità cantonali che nel 2015 avevano deciso di espellerlo.
 
L’Imam ha quindi chiesto alle autorità cantonali il rilascio di un nuovo permesso di dimora. Nel contempo ha pure ricorso contro la decisione della SEM, chiedendo il riconoscimento dello statuto di rifugiato.
 
Evadendo il ricorso, i giudici del TAF hanno sottolineato che l’uomo non risulta essere ricercato dalle autorità egiziane. Si sono inoltre detti stupiti del fatto che egli abbia atteso il 2020 per chiedere asilo in Svizzera, nonostante le asserite persecuzioni risalissero al 2017. Segno che forse le persecuzioni non erano reali come da lui decantato.
 
“Alla luce di quanto ammesso dal ricorrente stesso – scrivono i giudici nella sentenza di recente pubblicazione – egli parrebbe aver presentato una domanda d’asilo con l’intento di aggirare la legislazione in materia di diritto degli stranieri”.
 
Il suo ricorso è quindi stato respinto. Sulla stessa linea, anche le autorità cantonali hanno respinto la sua richiesta di un nuovo permesso di dimora. Dopo aver pagato le spese giudiziarie, l'Imam egiziano dovrà quindi lasciare la Svizzera una seconda volta.

Guarda anche 

Aveva investito un ciclista durante un sorpasso, condannato a tre anni e 8 mesi di carcere

Un automobilista residente nel canton Giura responsabile di un incidente nel giugno 2019 è stato condannato a tre anni e otto mesi di prigione per tentato omicidio...
22.10.2021
Svizzera

Aveva chiesto soldi per interrompere una gravidanza che non c'era, condannata e espulsa

La donna camerunense di 40 anni, amante di un dirigente di un'azienda, che si era fatta versare quasi 235'000 franchi per porre fine a una sua presunta gravidanza...
21.10.2021
Svizzera

Poliziotta si dava malata per fare l'assicuratrice, dovrà pagare 50'000 franchi

L'ex agente della polizia cantonale di Basilea Città che si dava malata per fare l'assicuratrice (vedi articoli correlati) è stata condannata a paga...
21.10.2021
Svizzera

Il Tribunale federale annulla l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale di Credit Suisse

Il Tribunale federale ha annullato l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell'...
14.10.2021
Svizzera