Svizzera, 14 aprile 2021

"Gli allentamenti non bastano, bisogna riaprire subito!"

Secondo la Lega dei Ticinesi gli allentamenti comunicati oggi pomeriggio dal Consiglio federale sono "totalmente insoddisfatta" e la Confederazione dovrebbe invece procedere molto più speditamente con gli allentamenti.

In un comunicato il movimento di Via Monte Boglia critica il Consiglio federale che "pretende di protrarre ad oltranza il lockdown, avendo scandalosamente fallito nell’approvvigionamento di vaccini". Vaccinazione che invece procede molto più lentamente che in altri paesi. "La ricca Svizzera, che dovrebbe essere in cima alla classifica dei Paesi con più abitanti vaccinati, si trova invece miseramente sul fondo. Il Consigliere federale Berset (PS) ed i vertici dell’UFSP si dovranno assumere la responsabilità di questo disastro, che ha un prezzo altissimo sia in termini di vite umane che di costi economici ed occupazionali", prosegue il testo.

Secondo la Lega le restrizioni attuali "non sono più sostenibili" come non sono nemmeno sostenute dalla popolazione. "Gli assembramenti - senza distanze né mascherine - sono ormai all’ordine del giorno. E sempre più spesso degenerano in disordini, anche violenti. Il disagio sociale tra i cittadini raggiunge livelli mai visti. Le patologie psichiche e psichiatriche esplodono".

Per il movimento di via Monte Boglia "urge un cambiamento di paradigma: le attività economiche (ristoranti, palestre, teatri, ecc.) che dispongono di piani di protezione, nei quali hanno investito parecchie risorse, vanno subito riaperte. Si acceleri finalmente la campagna di vaccinazione, si proteggano le fasce a rischio e si proceda con i test a tappeto".

Per la Lega dei Ticinesi l'unica soluzione è "testare, vaccinare e riaprire. Non c’è altra via per evitare alla Svizzera lo sfacelo sanitario, sociale, economico, occupazionale ed umano".

Di seguito il testo integrale del comunicato della Lega dei Ticinesi:

Riaprire subito!

La Lega dei Ticinesi esprime la propria totale insoddisfazione per le decisioni odierne del Consiglio federale. Il CF pretende di protrarre ad oltranza il lockdown, avendo scandalosamente fallito nell’approvvigionamento di vaccini.

La ricca Svizzera, che dovrebbe essere in cima alla classifica dei Paesi con più abitanti vaccinati, si trova invece miseramente sul fondo.

Il Consigliere federale Berset (PS) ed i vertici dell’UFSP si dovranno assumere la responsabilità di questo disastro, che ha un prezzo altissimo sia in termini di vite umane che di costi economici ed occupazionali.

Il lockdown non è più sostenibile e nemmeno è sostenuto dalla popolazione. Gli assembramenti - senza distanze né mascherine - sono ormai all’ordine del giorno. E sempre più spesso degenerano in disordini, anche violenti. Il disagio sociale tra i cittadini raggiunge livelli mai visti. Le patologie psichiche e psichiatriche esplodono.

La strategia (?) del lockdown infinito non funziona più, oltre a stridere con la totale mancanza di misure ai confini, in particolare a quelli con la Lombardia.

Urge un cambiamento di paradigma: le attività economiche (ristoranti, palestre, teatri, ecc.) che dispongono di piani di protezione, nei quali hanno investito parecchie risorse, vanno subito riaperte.

Si acceleri finalmente la campagna di vaccinazione, si proteggano le fasce a rischio e si proceda con i test a tappeto.

Testare, vaccinare e riaprire: non c’è altra via per evitare alla Svizzera lo sfacelo sanitario, sociale, economico, occupazionale ed umano.

Non si può accertare che il Consiglio federale, sordo ai richiami della società civile e succube dei propri burocrati, conduca il Paese nel baratro!

L’annunciata riapertura delle terrazze dei ristoranti è, certamente, un gesto doveroso. In effetti, le terrazze avrebbero dovuto rimanere sempre aperte, non essendo fonte di contagio (ed infatti l’apertura degli impianti sciistici, terrazze dei ristoranti comprese, non ha provocato un aumento delle infezioni da Covid). Ma è insufficiente!

Lega dei Ticinesi


Guarda anche 

L'UFSP annuncia un primo "caso probabile" della variante Omicron in Svizzera, nuove restrizioni per i viaggiatori

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha annunciato domenica la scoperta di un "primo caso probabile" della variante di Coronavirus Omicron...
29.11.2021
Svizzera

Impreditore no vax prova a curarsi da solo: morto in casa

TRIESTE (Italia) – Aveva avuto il covid e stava cercando di combatterlo da solo a casa, convinto che le cure domiciliari fossero sufficienti, ma dopo l’aggrav...
22.11.2021
Magazine

Allo stadio? Solo col vaccino!

ROMA (Italia) – I casi di covid stanno aumentando in tutta Europa, anche nel nostro Cantone. E l’Italia ha deciso di non restare a guardare, anche nell’...
18.11.2021
Sport

12enne si oppone al padre no vax: “Dice cose insensate”. Il Tribrunale gli dà ragione: potrà fare il vaccino

MILANO (Italia) – Una coppia di genitori separati è finita in tribunale perché in disaccordo sulla vaccinazione anti-covid del figlio 12enne. Da una p...
12.11.2021
Magazine