Svizzera, 09 marzo 2021

Convertita all'Islam, ha lasciato la Svizzera perchè non può più portare il burqa

È nata e cresciuta a Lucerna. Ma non intende mettere mai più piede in Svizzera. Umm Rufayda, al secolo Valentina Weiss, è una cittadina elvetica sposatasi con un egiziano e convertitasi all’islam.

Durante la campagna che ha preceduto la votazione del 7 marzo sull’iniziativa contro la dissimulazione del volto, la donna si è battuta per difendere il suo diritto a indossare il niqab.

La maggioranza della popolazione ha però deciso altrimenti. E quindi ora Umm Rufayda ha deciso
di dire addio alla Svizzera.

“Ho pianto tanto dopo il voto, sono ancora in lacrime” ha detto la donna in un’intervista a Blick TV. “Io sono come sono. Il niqab fa parte di me. È estremamente doloroso ma non voglio tornare in un paese che non mi accetta per come sono”.

La donna, domiciliata a Zugo, era già volata in Egitto poco prima del voto. Ora intende quindi trasferirsi definitivamente nel paese africano, onde poter indossare liberamente il suo amato copricapo.

Guarda anche 

Un premio contro l’islamizzazione della Svizzera

*Comunicato "Il Guastafeste" E’ partita in questi giorni l’organizzazione della quarta edizione del premio nazionale denominato “Swiss Stop...
22.03.2021
Svizzera

Torna il solito Nekkaz: “A me tutte le multe per burqa, ne ho già pagate più di 1000”

Uscito dalle carceri algerine lo scorso 19 febbraio dopo 443 giorni di detenzione, l’imprenditore e politico Rachid Nekkaz è tornato a far sentire la sua voc...
11.03.2021
Svizzera

"Il Consiglio federale difenda la decisione degli svizzeri di vietare il burqa"

Dopo che l’Alto Commissariato per i diritti umani dell’Onu ha “deplorato profondamente” l’approvazione dell’iniziativa contro la dissi...
09.03.2021
Svizzera

"Un chiaro segnale contro l’islamizzazione della Svizzera"

*Comunicato stampa Giorgio Ghiringhelli Quando 10 anni fa ideai e lanciai l’iniziativa “antiburqa” in Ticino , dissi subito che l’obiettivo pri...
07.03.2021
Svizzera