Ticino, 07 marzo 2021

30 anni di Lega, tra pragmatismo e difesa dei nostri valori

Per tanto tempo giornalisti, avversari e profeti di sventura hanno fatto il funerale anticipato alla Lega. Fin dalla sua nascita si è infatti preannunciata l'imminente fine del nostro Movimento, con sorrisini e battutine: “Durerà lo spazio di un mattino”. Invece la LEGA ha da poco festeggiato 30 anni e gode di ottima salute. È giusto ribadirlo oggi in memoria di chi, insieme a Flavio Maspoli e Mauro Malandra, l'ha fondata.

Il bisogno in Ticino di una forza politica che sa stare dalla parte dei cittadini senza nessun tipo di sudditanza nei confronti dei poteri economici, mediatici e politici, è ancora forte e presente. A mio modo di vedere il nostro compito principale – e cerchiamo di farlo al meglio delle nostre possibilità anche se non siamo perfetti – è sempre lo stesso: ascoltare i bisogni dei cittadini e cercare soluzioni pragmatiche, senza filtri ideologici o pregiudizi. Dobbiamo quindi continuare ad impegnarci nel recepire le richieste della gente e delle  imprese; aiutare chi sta cercando di mandare avanti la propria attività, la propria famiglia e il nostro Paese nonostante la crisi pandemica e il forte carico fiscale. La LEGA deve rimanere una forza che difende le famiglie e le piccole medie imprese ticinesi, soprattutto in questa delicatissima fase.

Dobbiamo inoltre batterci per i posti di lavoro dei ticinesi e dei residenti. Troppi anni sono passati dalla non-applicazione della votazione del 9 febbraio 2014. Dobbiamo far capire a Berna che il Ticino deve essere indennizzato in maniera cospicua per tutti gli oneri che dobbiamo sopportare a causa dei bilaterali e in particolare della libera circolazione. È inaccettabile dover ancora versare quasi 100 milioni all'anno di ristorni all’Italia ed è altrettanto insopportabile il fatto che il Ticino riceva solo le briciole dalla perequazione intercantonale. Bisogna rifare i calcoli!

La LEGA negli ultimi 13 anni – da quando ho l’onore di seguire da vicino il Movimento – ha avuto una forte ascesa in molti comuni ticinesi. Basti pensare che dal 2008 abbiamo quasi quadruplicato la nostra presenza nei municipi. Ma questo, sia ben chiaro, non significa che i nostri candidati negli esecutivi e nei legislativi comunali – che ringrazio di cuore per essersi messi a disposizione – possano dormire sugli allori. Anzi, i risultati del passato devono essere un pungolo per continuare a combattere a difesa dei cittadini ticinesi e dei nostri valori. Alla faccia di chi, oggi come allora, profetizza la nostra fine.

Boris Bignasca
Capogruppo LEGA in Gran Consiglio

Guarda anche 

Bignasca chiede di vedere i conti delle Commissioni paritetiche: "No, sono top secret"

Le Commissioni paritetiche dispongono di ingenti mezzi finanziari, grazie alle trattenute dalle buste paga di lavoratrici e lavoratori e ai contributi obbligatori versati...
29.05.2021
Ticino

Boris Bignasca e Fabio Schnellmann i più votati del Consiglio comunale di Lugano

A Lugano il consigliere comunale rieletto con il maggior numero di voti è Boris Bignasca. Il leghista è stato brillantemente confermato con 7'225 voti p...
20.04.2021
Ticino

Ritrovare la giusta carica e serrare i ranghi

Cari Amici leghisti Da inizio mese ho assunto con molto piacere ed entusiasmo il compito di Segretario operativo del nostro Movimento. Il mio primissimo obiettivo &...
27.09.2020
Opinioni

"Il governo conti i danni provocati dalla libera circolazione"

Quantificare i danni provocati dalla libera circolazione in Ticino. È quello che chiede il gruppo parlamentare della Lega dei ticinesi in un'interrogazione di ...
08.09.2020
Ticino