Ticino, 04 febbraio 2021

Richiedente l'asilo arriva a Chiasso, dopo soli 4 giorni viene condannato per furto

Il men che si possa dire è che non ha perso tempo. Dopo soli quattro giorni di permanenza in Svizzera, un cittadino algerino è riuscito a farsi condannare a 45 giorni di detenzione per furto e danneggiamento. Nonostante questo esordio, egli è andato fino al Tribunale amministrativo federale (TAF) per far valere il suo presunto diritto a restare in Svizzera. Invano, come si legge nella sentenza di pubblicazione odierna.

Il cittadino algerino aveva presentato una domanda d’asilo lo scorso 29 luglio al centro di registrazione di Chiasso. Dalla sentenza si evince che l’uomo è finito in carcere in tempi record e già il 2 agosto è stato condannato tramite decreto d’accusa a 45 giorni non sospesi.

In seguito l’esame della sua domanda d’asilo era ripreso. Ma gli esami dattiloscopici avevano permesso di determinare che l’uomo aveva già presentato una precedente domanda d’asilo in Belgio, il 15 ottobre 2019. Come da regolamento Dublino, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha quindi chiesto alle autorità belghe la ripresa a carico del cittadino algerino. Il Belgio ha accettato ma il diretto interessato si è opposto.
/>
Egli ha presentato ricorso al TAF tramite l’avvocato Michael Adamczyk, sostenendo che “in Belgio vi sarebbe il pericolo di non poter ottenere un alloggio”, che “la quarantena che l’interessato dovrebbe osservare dopo la registrazione (in Belgio, n.d.r.) porrebbe problemi alla luce della sua politossicomania, che costituirebbe altresì fattore di rischio per il Covid-19 assieme alle carie dentali” e che “in caso di trasferimento il ricorrente potrebbe non riuscire a continuare il trattamento a base di Pregabalin, finendo per sovradosare l’assunzione di droghe”.

Ma i giudici del TAF hanno liquidato il ricorso, evidenziando come “il Belgio disponga di strutture sanitarie equiparabili a quelle svizzere” e che “nulla indica poi che le autorità di detto paese rifiuterebbero di prestargli assistenza”.

Oltre al ricorso i giudici hanno respinto pure la richiesta di assistenza giudiziaria, visto che le allegazioni ricorsuali erano “sprovviste di probabilità di esito favorevole”. Prima di andarsene, il cittadino algerino è quindi chiamato a pagare 750 franchi di spese giudiziarie.

Guarda anche 

Ubriaco, alla guida di una porsche colpisce una lamborghini e si dà alla fuga

Un conducente 58enne di Svitto ha suscitato scalpore a Lucerna in una notte d'estate dello scorso luglio. Sebbene avesse bevuto, si è messo al volante della su...
21.02.2024
Svizzera

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera,...
16.02.2024
Svizzera

Viene truffata due volte e finisce per essere condannata per riciclaggio

Una donna residente in Vallese è riuscita a farsi truffare due volte dalla stessa persona e, se ciò non fosse abbastanza, è finita per essere condann...
16.02.2024
Svizzera

Vuole spostare l'auto di pochi centrimetri mentre è ubriaca, si ritrova con 10'000 franchi di multa

È una vicenda quantomeno singolare, per non dire sfortunata, quella avvenuta a una donna di Lucerna un sabato pomeriggio nell'estate del 2022. La donna si era ...
13.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto