Mondo, 20 gennaio 2021

L'ultimo giorno da presidente di Donald Trump, "tornerò, in un modo o nell'altro"

Nell'ultimo giorno del suo mandato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, parlando dalla base militare di Andrews, ha espresso la sua gratitudine dopo "quattro anni straordinari" trascorsi alla Casa Bianca.

Il miliardario repubblicano, che non darà il benvenuto al suo successore democratico Joe Biden, ha lasciato Washington mercoledì mattina alle 14.15, ora svizzera, prima di recarsi in Florida con il suo ultimo volo sull'Air Force One.

Il presidente uscente ha augurato al suo successore Joe Biden "buona fortuna" mercoledì della base militare di Andrew, poco prima di imbarcarsi per l'ultima volta sull'Air Force One e volare in Florida.

"Tornerò, in un modo o nell'altro", ha promesso il miliardario repubblicano, salutando una piccola folla di sostenitori che era venuta a salutarlo.

La Casa Bianca ha poi pubblicato un discorso di saluto di Donald Trump, in cui ripercorre i quattro anni trascorsi come presidente. Di seguito ve ne proponiamo una traduzione integrale:

Miei concittadini americani: Quattro anni fa, abbiamo lanciato un grande sforzo nazionale per ricostruire il nostro Paese, per rinnovarne lo spirito e per restituire ai cittadini la fedeltà di questo governo. In breve, abbiamo intrapreso una missione per rendere l'America di nuovo grande - per tutti gli americani.

Mentre concludo il mio mandato come 45° Presidente degli Stati Uniti, mi trovo davanti a voi veramente orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato insieme. Abbiamo fatto quello per cui siamo venuti qui - e molto di più.

Questa settimana inauguriamo una nuova amministrazione e preghiamo per il suo successo nel mantenere l'America sicura e prospera. Vi porgiamo i nostri migliori auguri, e vogliamo anche che abbiano fortuna - una parola molto importante.

Vorrei iniziare ringraziando solo alcune delle persone straordinarie che hanno reso possibile il nostro notevole viaggio.

Per prima cosa, permettetemi di esprimere la mia schiacciante gratitudine per l'amore e il sostegno della nostra spettacolare First Lady, Melania. Permettetemi anche di condividere il mio più profondo apprezzamento per mia figlia Ivanka, mio genero Jared, e per Barron, Don, Eric, Tiffany e Lara. Voi riempite il mio mondo di luce e di gioia.

Voglio anche ringraziare il Vice Presidente Mike Pence, la sua meravigliosa moglie Karen e tutta la famiglia Pence.

Grazie anche al mio Capo di Stato Maggiore, Mark Meadows; ai membri dello Staff e del Gabinetto della Casa Bianca e a tutte le persone incredibili della nostra amministrazione che hanno riversato il loro cuore e la loro anima per combattere per l'America.

Voglio anche prendermi un momento per ringraziare un gruppo di persone veramente eccezionale: i Servizi Segreti degli Stati Uniti. Io e la mia famiglia saremo per sempre in debito con voi. La mia profonda gratitudine va anche a tutti i membri dell'Ufficio Militare della Casa Bianca, alle squadre del Marine One e dell'Air Force One, a tutti i membri delle Forze Armate e alle forze dell'ordine statali e locali in tutto il nostro Paese.

Soprattutto, voglio ringraziare il popolo americano. Servire come vostro Presidente è stato un onore indescrivibile. Grazie per questo straordinario privilegio. Ed è proprio questo - un grande privilegio e un grande onore.

Non dobbiamo mai dimenticare che, mentre gli americani avranno sempre i nostri disaccordi, noi siamo una nazione di cittadini incredibili, dignitosi, fedeli e amanti della pace, che vogliono tutti che il nostro Paese prosperi e fiorisca e che abbia molto, molto successo e sia buono. Siamo una nazione davvero magnifica.

Tutti gli americani sono rimasti inorriditi dall'assalto al nostro Campidoglio. La violenza politica è un attacco a tutto ciò che amiamo come americani. Non potrà mai essere tollerata.

Ora più che mai, dobbiamo unirci attorno ai nostri valori condivisi e superare il rancore di parte, e forgiare il nostro destino comune.

Quattro anni fa, sono venuto a Washington come l'unico vero outsider che abbia mai vinto la presidenza. Non avevo trascorso la mia carriera di politico, ma di costruttore, guardando gli skyline aperti e immaginando infinite possibilità. Mi sono candidato alla presidenza perché sapevo che c'erano nuovi vertici per l'America che aspettavano solo di essere scalati. Sapevo che il potenziale per la nostra nazione era illimitato, a patto che mettessimo l'America al primo posto.

Così mi sono lasciato alle spalle la mia vita precedente e sono entrato in un'arena molto difficile, ma un'arena comunque, con ogni sorta di potenziale, se fatto correttamente. L'America mi aveva dato così tanto, e io volevo dare qualcosa in cambio.

Insieme a milioni di laboriosi patrioti in questa terra, abbiamo costruito il più grande movimento politico della storia del nostro Paese. 
Abbiamo anche costruito la più grande economia della storia del mondo. Si trattava di "America First" perché tutti noi volevamo far tornare grande l'America. Abbiamo ripristinato il principio che una nazione esiste per servire i suoi cittadini. Il nostro programma non riguardava la destra o la sinistra, non riguardava la destra o la sinistra, non riguardava i repubblicani o i democratici, ma il bene di una nazione, e questo significa l'intera nazione.

Con il sostegno e le preghiere del popolo americano, abbiamo ottenuto più di quanto si potesse pensare. Nessuno pensava che potessimo avvicinarci.

Abbiamo approvato il più grande pacchetto di tagli fiscali e riforme della storia americana. Abbiamo tagliato più regolamenti per la soppressione di posti di lavoro di quanto qualsiasi amministrazione avesse mai fatto prima. Abbiamo risolto i nostri accordi commerciali falliti, ci siamo ritirati dall'orribile Trans-Pacific Partnership e dall'impossibile Accordo sul clima di Parigi, abbiamo rinegoziato l'accordo unilaterale con la Corea del Sud, e abbiamo sostituito il NAFTA con il rivoluzionario USMCA - cioè Messico e Canada - un accordo che ha funzionato molto, molto bene.

Inoltre, e cosa molto importante, abbiamo imposto alla Cina tariffe storiche e monumentali; abbiamo fatto un nuovo grande accordo con la Cina. Ma prima ancora che l'inchiostro fosse asciutto, noi e il mondo intero siamo stati colpiti dal virus cinese. I nostri rapporti commerciali stavano cambiando rapidamente, miliardi e miliardi di dollari si riversavano negli Stati Uniti, ma il virus ci ha costretti ad andare in una direzione diversa.

Il mondo intero ne ha sofferto, ma l'America ha superato economicamente gli altri paesi a causa della nostra incredibile economia e dell'economia che abbiamo costruito. Senza le fondamenta e i piedi, non avrebbe funzionato in questo modo. Non avremmo avuto alcuni dei migliori numeri che abbiamo mai avuto.

Abbiamo anche sbloccato le nostre risorse energetiche e siamo diventati di gran lunga il primo produttore mondiale di petrolio e gas naturale. Alimentati da queste politiche, abbiamo costruito la più grande economia della storia del mondo. Abbiamo riacceso la creazione di posti di lavoro in America e abbiamo raggiunto il record di bassa disoccupazione per gli afroamericani, gli ispano-americani, gli asiatici, le donne - quasi tutti.

I redditi sono saliti alle stelle, i salari sono aumentati, il sogno americano è stato ripristinato e milioni di persone sono state sollevate dalla povertà in pochi anni. È stato un miracolo. Il mercato azionario ha stabilito un record dopo l'altro, con 148 massimi borsistici in questo breve periodo di tempo, e ha incrementato i pensionamenti e le pensioni dei cittadini laboriosi di tutta la nostra nazione. 401(k) sono a un livello mai raggiunto prima. Non abbiamo mai visto numeri come quelli che abbiamo visto, e questo prima della pandemia e dopo la pandemia.

Abbiamo ricostruito la base produttiva americana, abbiamo aperto migliaia di nuove fabbriche e abbiamo riportato la bella frase: "Made in USA".

Per migliorare la vita delle famiglie lavoratrici, abbiamo raddoppiato il credito d'imposta per i bambini e abbiamo firmato la più grande espansione mai realizzata di finanziamenti per la cura e lo sviluppo dei bambini. Ci siamo uniti al settore privato per garantire l'impegno a formare più di 16 milioni di lavoratori americani per i posti di lavoro di domani.

Quando la nostra nazione è stata colpita dalla terribile pandemia, abbiamo prodotto non uno, ma due vaccini con una velocità da record, e altri ne seguiranno presto. Dicevano che non si poteva fare, ma ce l'abbiamo fatta. Lo chiamano "miracolo medico", ed è così che lo chiamano adesso: un "miracolo medico".

Un'altra amministrazione avrebbe impiegato 3, 4, 5, forse anche fino a 10 anni per sviluppare un vaccino. Noi l'abbiamo fatto in nove mesi.

Ci addoloriamo per ogni vita persa, e ci impegniamo nella loro memoria a spazzare via una volta per tutte questa orribile pandemia.

Quando il virus ha avuto il suo brutale impatto sull'economia mondiale, abbiamo lanciato la più rapida ripresa economica che il nostro Paese abbia mai visto. Abbiamo superato quasi 4 trilioni di dollari di aiuti economici, abbiamo salvato o sostenuto oltre 50 milioni di posti di lavoro e dimezzato il tasso di disoccupazione. Sono numeri che il nostro Paese non ha mai visto prima.

Abbiamo creato scelta e trasparenza nell'assistenza sanitaria, abbiamo tenuto testa alle grandi aziende farmaceutiche in tanti modi, ma soprattutto nel nostro sforzo di aggiungere clausole di nazione favorita, che ci daranno i prezzi dei farmaci da prescrizione più bassi del mondo.
Abbiamo superato VA Choice, VA Accountability, Right to Try e la riforma della giustizia penale.
Abbiamo confermato tre nuovi giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti. Abbiamo nominato quasi 300 giudici federali per interpretare la nostra Costituzione come scritta.

Per anni, il popolo americano ha supplicato Washington di rendere finalmente sicuri i confini della nazione. Sono lieto di dire che abbiamo risposto a questa richiesta e abbiamo raggiunto il confine più sicuro della storia degli Stati Uniti. Abbiamo dato ai nostri coraggiosi agenti di frontiera e agli eroici ufficiali dell'ICE gli strumenti
di cui hanno bisogno per fare il loro lavoro meglio di quanto abbiano mai fatto prima, e per far rispettare le nostre leggi e mantenere l'America al sicuro.
Lasciamo con orgoglio la prossima amministrazione con le più forti e robuste misure di sicurezza di frontiera mai messe in atto. Questo include accordi storici con Messico, Guatemala, Honduras ed El Salvador, insieme a più di 450 miglia di nuovo potente muro.

Abbiamo ripristinato la forza americana in patria e la leadership americana all'estero. Il mondo ci rispetta di nuovo. Vi prego di non perdere questo rispetto.

Abbiamo rivendicato la nostra sovranità difendendo l'America alle Nazioni Unite e ritirandoci dagli accordi globali unilaterali che non sono mai serviti ai nostri interessi. E i Paesi della NATO ora pagano centinaia di miliardi di dollari in più rispetto a quando sono arrivato io, pochi anni fa. È stato molto ingiusto. Stavamo pagando il costo per il mondo. Ora il mondo ci sta aiutando.

E forse la cosa più importante di tutte, con quasi tremila miliardi di dollari, abbiamo ricostruito completamente l'esercito americano - tutto fatto negli Stati Uniti. Abbiamo lanciato il primo nuovo ramo delle Forze Armate degli Stati Uniti in 75 anni: la Forza Spaziale. E la scorsa primavera sono stato al Kennedy Space Center in Florida e ho visto gli astronauti americani tornare nello spazio con i razzi americani per la prima volta dopo molti, molti anni.
Abbiamo rivitalizzato le nostre alleanze e abbiamo radunato le nazioni del mondo per tenere testa alla Cina come mai prima d'ora.

Abbiamo cancellato il califfato dell'ISIS e messo fine alla miserabile vita del suo fondatore e leader, al Baghdadi. Abbiamo tenuto testa all'oppressivo regime iraniano e abbiamo ucciso il miglior terrorista del mondo, il macellaio iraniano Qasem Soleimani.
Abbiamo riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e abbiamo riconosciuto la sovranità israeliana sulle alture del Golan.

Come risultato della nostra audace diplomazia e del nostro realismo di principio, abbiamo raggiunto una serie di storici accordi di pace in Medio Oriente. Nessuno credeva che potesse accadere. Gli accordi di Abramo hanno aperto le porte a un futuro di pace e armonia, non di violenza e spargimento di sangue. È l'alba di un nuovo Medio Oriente, e noi stiamo riportando a casa i nostri soldati.
Sono particolarmente orgoglioso di essere il primo Presidente da decenni a questa parte che non ha iniziato nuove guerre.

Soprattutto, abbiamo riaffermato la sacra idea che, in America, il governo risponde al popolo. La nostra luce guida, la nostra Stella Polare, la nostra incrollabile convinzione è stata che siamo qui per servire i nobili cittadini americani di ogni giorno. La nostra fedeltà non è agli interessi speciali, alle società o alle entità globali, ma ai nostri figli, ai nostri cittadini e alla nostra stessa nazione.
Come Presidente, la mia priorità assoluta, la mia preoccupazione costante, è sempre stata il miglior interesse dei lavoratori americani e delle famiglie americane. Non ho cercato la strada più facile, ma di gran lunga la più difficile. Non ho cercato la via che avrebbe ricevuto meno critiche. Ho affrontato le battaglie più dure, le lotte più dure, le scelte più difficili perché è questo che mi avete eletto a fare. Le vostre esigenze sono state il mio primo e ultimo obiettivo incrollabile.

Questa, spero, sarà la nostra più grande eredità: Insieme, rimettiamo il popolo americano al comando del nostro Paese. Abbiamo ripristinato l'autogoverno. Abbiamo ripristinato l'idea che in America nessuno è dimenticato, perché tutti contano e tutti hanno voce. Abbiamo combattuto per il principio che ogni cittadino ha diritto a pari dignità, pari trattamento e pari diritti, perché siamo tutti fatti uguali da Dio.

Ognuno ha diritto ad essere trattato con rispetto, a far sentire la propria voce e a far ascoltare il proprio governo. Voi siete leali al vostro Paese, e la mia amministrazione vi è sempre stata fedele.
Abbiamo lavorato per costruire un Paese in cui ogni cittadino potesse trovare un ottimo lavoro e sostenere le sue meravigliose famiglie. Abbiamo combattuto per le comunità dove ogni americano potesse essere al sicuro e per le scuole dove ogni bambino potesse imparare. Abbiamo promosso una cultura in cui le nostre leggi fossero rispettate, i nostri eroi onorati, la nostra storia preservata e i cittadini rispettosi della legge non sono mai dati per scontati. 

Gli americani dovrebbero trarre grande soddisfazione da tutto ciò che abbiamo realizzato insieme. È incredibile.

Ora, lasciando la Casa Bianca, ho riflettuto sui pericoli che minacciano l'inestimabile eredità che tutti noi condividiamo. In quanto nazione più potente del mondo, l'America si trova ad affrontare minacce e sfide costanti dall'estero. Ma il pericolo più grande che dobbiamo affrontare è una perdita di fiducia in noi stessi, una perdita di fiducia nella nostra grandezza nazionale. Una nazione è forte solo quanto il suo spirito. Siamo dinamici solo quanto il nostro orgoglio. Siamo dinamici solo quanto la fede che batte nel cuore del nostro popolo.

Nessuna nazione può prosperare a lungo se perde la fiducia nei propri valori, nella propria storia e nei propri eroi, perché queste sono le fonti stesse della nostra unità e della nostra vitalità.

Ciò che ha sempre permesso all'America di prevalere e trionfare sulle grandi sfide del passato è stata una convinzione inflessibile e spudorata nella nobiltà del nostro Paese e nel suo scopo unico nella storia. Non dobbiamo mai perdere questa convinzione. Non dobbiamo mai abbandonare il nostro credo nell'America.

La chiave della grandezza nazionale sta nel sostenere e instillare la nostra identità nazionale condivisa. Ciò significa concentrarsi su ciò che abbiamo in comune: l'eredità che tutti noi condividiamo.

Al centro di questa eredità c'è anche una forte convinzione della libertà di espressione, della libertà di parola e del dibattito aperto. Solo se dimentichiamo chi siamo e come siamo arrivati qui, potremo mai permettere che la censura politica e le liste nere si svolgano in America. Non è nemmeno pensabile. Chiudere il dibattito libero e aperto viola i nostri valori fondamentali e le tradizioni più durevoli.

In America, non insistiamo sul conformismo assoluto, né facciamo rispettare rigide ortodossie e codici di parola punitivi. Semplicemente non lo facciamo. L'America non è una timida nazione di anime addomesticate che hanno bisogno di essere protette e protette da coloro con cui non siamo d'accordo.
Noi non siamo così. Non sarà mai quello che siamo.

Per quasi 250 anni, di fronte a ogni sfida, gli americani hanno sempre richiamato il nostro ineguagliabile coraggio, la nostra fiducia e la nostra feroce indipendenza. Questi sono i tratti miracolosi che un tempo hanno portato milioni di cittadini comuni ad attraversare un continente selvaggio e a ritagliarsi una nuova vita nel grande Occidente. È stato lo stesso profondo amore per la nostra libertà donata da Dio che ha portato i nostri soldati in battaglia e i nostri astronauti nello spazio.

Ripensando agli ultimi quattro anni, un'immagine si innalza nella mia mente sopra tutte le altre. Ogni volta che ho viaggiato lungo tutto il percorso del corteo, c'erano migliaia e migliaia di persone. Uscivano con le loro famiglie per potersi alzare in piedi al nostro passaggio e sventolare con orgoglio la nostra grande bandiera americana. Non ha mai mancato di commuovermi profondamente. Sapevo che non erano usciti solo per mostrarmi il loro sostegno, ma anche per mostrarmi il loro sostegno e l'amore per il nostro Paese.

Questa è una repubblica di cittadini orgogliosi che sono uniti dalla nostra comune convinzione che l'America è la più grande nazione di tutta la storia. Siamo e dobbiamo sempre essere una terra di speranza, di luce e di gloria per tutto il mondo. Questa è l'eredità preziosa che dobbiamo salvaguardare ad ogni singolo passo.

Negli ultimi quattro anni ho lavorato per fare proprio questo. Da una grande sala di leader musulmani a Riyadh a una grande piazza di polacchi a Varsavia; dal pavimento dell'Assemblea coreana al podio dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite; e dalla Città Proibita di Pechino all'ombra del Monte Rushmore, ho combattuto per te, ho combattuto per la tua famiglia, ho combattuto per il nostro Paese. Soprattutto, ho combattuto per l'America e per tutto ciò che essa rappresenta - e questo è sicuro, forte, orgoglioso e libero.

Ora, mentre mi preparo a consegnare il potere a una nuova amministrazione a mezzogiorno di mercoledì, voglio che sappiate che il movimento che abbiamo iniziato è solo all'inizio. Non c'è mai stato niente di simile. La convinzione che una nazione debba servire i suoi cittadini non si affievolirà, ma si rafforzerà di giorno in giorno.

Finché il popolo americano avrà nel cuore un profondo e devoto amore per la patria, allora non c'è nulla che questa nazione non possa realizzare. Le nostre comunità fioriranno. Il nostro popolo sarà prospero. Le nostre tradizioni saranno custodite. La nostra fede sarà forte. E il nostro futuro sarà più luminoso che mai.

Me ne vado da questo luogo maestoso con un cuore leale e gioioso, uno spirito ottimista e una fiducia suprema che per il nostro Paese e per i nostri figli il meglio deve ancora venire.

Grazie e addio. Dio vi benedica. Dio benedica gli Stati Uniti d'America.
 
 
 
 

Guarda anche 

Facebook rimuove un'intervista a Donald Trump, "non potete far sentire la sua voce"

Facebook ha rimosso una video intervista rilasciata da Donald Trump martedì 30 marzo, citando la sua sospensione dalla piattaforma dopo l'assalto del 6 gennaio...
01.04.2021
Mondo

Il ritorno di Trump, "nel 2024 potrei batterli per la terza volta"

Nel suo primo discorso da quando ha lasciato l'incarico l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato aspramente il suo successore Joe Biden accenna...
01.03.2021
Mondo

Donald Trump assolto dal Senato, fallisce anche il secondo impeachment

L'ex presidente americano Donald Trump è stato assolto sabato dal Senato degli Stati Uniti dall'accusa di "incitamento all'insurrezione" in s...
14.02.2021
Svizzera

Twitter rimuove permanentemente Donald Trump, "nuovo attacco alla libertà d'espressione"

Il presidente americano Donald Trump si è ritrovato questa mattina privato del suo canale di comunicazione preferito, Twitter. Il social network ha infatti annunci...
09.01.2021
Mondo