Mondo, 11 gennaio 2021

Libertà d'espressione, il social network "Parler" chiuso da Amazon e bandito da Apple e Google

Il popolare social network dei conservatori americani, Parler, è stato chiuso lunedì, il giorno dopo che Amazon ha tagliato l'accesso ai suoi server sulla scia di una vasta censura condotta dalle multinazionali della Silicon Valley nei confronti di utenti ritenuti „insiderabili“, a partire dal presidente Donald Trump.

Amazon aveva annunciato questo fine settimana che avrebbe sospeso il conto di Parler dalle 8:00 di lunedì, spiegando in una lettera al sito conservatore che aveva "recentemente osservato un persistente aumento di contenuti violenti".

I giganti della tecnologia Apple e Google avevano precedentemente rimosso il social network dalle loro piattaforme di download di applicazioni, dove proliferavano "minacce di violenza" e "attività illegali", hanno detto.

In un'intervista a Fox News di domenica, il cofondatore del sito, John Matz, ha ammesso che ci potrebbe volere del tempo per rimettere in funzione il sito. "Tutti i nostri partner, coloro che gestiscono gli sms, le e-mail, i nostri avvocati, ci hanno abbandonati lo stesso giorno", ha lamentato.

"Faremo tutto il possibile per tornare online il prima possibile, ma tutti i provider che
contattiamo ci dicono che non vogliono lavorare con noi se Apple o Google non approvano", ha detto. Ed è difficile trovare "da 300 a 500 server informatici in 24 ore".

Il signor Matz aveva accusato i giganti del web sabato scorso di aver intrapreso una "guerra contro la libertà di espressione". "NON vinceranno! Siamo l'ultima speranza del mondo per la libertà di espressione e la libera informazione", ha detto.

In seguito alla decisione di Twitter di cancellare definitivamente l'account di Donald Trump, Parler era ancora l'applicazione più scaricata sulla piattaforma Apple negli Stati Uniti sabato scorso.

Lanciato nel 2018, il social network funziona un po' come Twitter, con profili da seguire e "parlerys" al posto dei tweet. La libertà di espressione è il suo leitmotiv.

Con sede a Henderson, Nevada, Parler è stato lanciato da John Matz, un ingegnere informatico, e Rebekah Mercer, un importante donatore del Partito Repubblicano.

Già in pieno boom, l'applicazione aveva accolto nei giorni scorsi molti nuovi utenti, probabilmente arrabbiati dalla decisione di Twitter di bandire Donald Trump.

Guarda anche 

"Stupido figlio di p...", Joe Biden insulta un giornalista in diretta (VIDEO)

Ennesima gaffe o rischio calcolato? Lunedì 24 gennaio, Joe Biden ha pesantamente insultato un giornalista durante una conferenza stampa alla Casa Bianca. Interr...
25.01.2022
Mondo

Aiuti finanziari per una stampa che censura?

In vista della votazione del 13 febbraio sul pacchetto di aiuti finanziari a sostegno dei media, anche la stampa mainstream ticinese sembra essersi accorta dell’imp...
24.01.2022
Svizzera

Un "freedom day" svizzero in febbraio?

Ci sarà un "freedom day" in Svizzera nel mese di febbraio? Sarebbe perlomeno questa l'intezione dell'l'Unione svizzera dell'artigianat...
24.01.2022
Svizzera

Si fa rubare 26'000 franchi da due falsi poliziotti

Venerdì pomeriggio, una donna che vive a Sciaffusa ha ricevuto una telefonata da un presunto agente di polizia. Il poliziotto le disse che sua figlia era stata coi...
16.01.2022
Svizzera