Sport, 10 gennaio 2021

Lugano bastonato e con le ossa “rotte”

Due brutte sconfitte rimediate a Ginevra fanno sorgere qualche dubbio in merito ai bianconeri che dovranno anche fare i conti con la brutta botta subita da Riva

LUGANO – Dopo le brillanti vittorie con cui aveva aperto l’anno, a Davos e in casa col Langnau, il Lugano era atteso a una vera e propria prova di forza negli scorsi giorni, dovendo affrontare per due volte, sempre in trasferta e nell’arco di 24 ore, il Ginevra. Una squadra sempre rognosa, fisica ma anche tecnica, viste le presenze di Omark, di Winnik e di quel satanasso di Tommernes, di gran lunga lo straniero più forte del nostro campionato e cercato dagli stessi bianconeri quando stava per sbarcare in Svizzera.
 
Ebbene, il ghiaccio de Les Vernets ha parlato e ha detto che questo Lugano fatica, e non poco, contro squadre di questo tipo. I bianconeri, nonostante i due vantaggi trovati giovedì e il 2-0 trovato venerdì dopo pochi minuti, non sono mai riusciti davvero a contenere il forechecking altissimo, asfissiante e fisico delle Aquile: Heed, Loeffel e tutto il reparto arretrato ha faticato non solo alle assi ma anche a creare una ripartenza degna di questo nome, mentre Arcobello e compagni in attacco, nonostante l’ennesimo gol di Bodker (finalmente!) e le due firme di Lajunen (evviva!) hanno davvero creato poco.
 
Certo, qualche attenuante la si può trovare, ma i 120’ disputati in terra ginevrina hanno evidenziato i limiti mentali, caratteriali, fisici e difensivi del complesso di Pelletier che piano piano si è sempre sciolto, dando l’impressione che l’allungo definitivo dei padroni di casa fosse dietro l’angolo.
 
Il Lugano da Ginevra torna, inoltre, con la grande paura per Elia Riva: il terribile check di Riat alla balaustra dopo meno di 1’ di partita venerdì è assolutamente da condannare, da punire, da cerchiare in rosso. Se quell’intervento non dovesse portare a una sospensione di almeno 5-6 partite (se non di più) allora saremmo di fronte all’ennesimo scandalo del nostro campionato. Perché, diciamola tutta, certi interventi sono inaccettabili e da punire severamente, almeno con una sospensione che dovrebbe durare tutto il tempo necessario a Elia Riva per tornare a disposizione di Pelletier!
 
Per fortuna il difensore si è alzato dal ghiaccio, ha mosso gli arti ed è sempre rimasto cosciente e ora dovremo capire quali conseguenze ha subìto e quanto tempo dovrà restare lontano dalle competizioni, ma le immagini iniziali – comprese quelle dal vivo – hanno fatto davvero temere il peggio.

Guarda anche 

Lugano, Odgaard ai saluti: “Uno dei migliori che abbia allenato”

LUGANO – Sfogliando il sito ufficiale dell’FC Lugano, si può notare come il nome di Jens Odgaard, faccia ancora capolino nell’elenco dei giocator...
15.01.2021
Sport

Lugano, quando una sconfitta fa ben sperare…

ZURIGO – Ci sono vittorie dalle quali si salvano soltanto i punti ottenuti, sconfitte che fanno preoccupare e passi falsi – dal punto di vista del risultato &...
13.01.2021
Sport

Tra cerotti e infortuni il Lugano ritrova la grinta

LUGANO – Dopo i due violenti schiaffi subiti giovedì e venerdì dal Ginevra, la giornata di ieri in casa Lugano era segnata col circolino rosso: la sfi...
11.01.2021
Sport

Grande con le grandi, minuscolo con le piccole: chi lo capisce l’Ambrì`?

AMBRÌ – Si fa davvero fatica ad analizzare la settimana vissuta dall’Ambrì. Dopo aver aperto l’anno con la manita interna al lanciatissimo...
10.01.2021
Sport