Ticino, 04 gennaio 2021

La gioia di AdiCasi: "Iniziato il percorso verso la normalità"

Con la consegna delle prime 1'690 dosi del vaccino Pfizer-BionTech in una quindicina di case per anziani ha preso via questa mattina la campagna di vaccinazione contro il COVID-19 nel nostro cantone.

"Un momento molto atteso che non ha mancato di strappare diversi sorrisi a residenti e collaboratori delle strutture coinvolte, che vedono concretizzarsi una speranza che solo qualche mese fa poteva sembrare un miraggio", fa sapere l'Associazione dei direttori delle Case per anziani della Svizzera Italiana.

"Le prime vaccinazioni – recita la nota – si sono svolte senza inconvenienti, con i collaboratori delle case anziani preposti alla gestione e somministrazione del vaccino impegnati ad attenersi scrupolosamente al protocollo preparato dall’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera Italiana dell’EOC con la collaborazione dell’Ufficio del farmacista cantonale. Per controllare la situazione è stato predisposto un sistema di monitoraggio di eventuali reazioni avverse che prevede, tra le varie misure, che ciascun vaccinato resti precauzionalmente sotto osservazione per almeno 15 minuti dopo la somministrazione, come per tutte le vaccinazioni".

E ancora: "Dopo le consegne odierne, entro il 7 gennaio verranno distribuite ulteriori 2'755 dosi che raggiungeranno circa 40 strutture, per arrivare nei giorni successivi a completare la somministrazione dei 7'735 vaccini destinati a residenti e collaboratori nelle case per anziani. A quel punto il 90% dei residenti e circa il 60% dei collaboratori avranno ricevuto la prima dose. Tassi di adesione ritenuti ottimi -per i residenti- e buoni -per i collaboratori-; anche se, su quest’ultimo fronte, la speranza delle direzioni delle strutture ticinesi è che sia solo un punto di partenza, con ulteriori collaboratori che aderiranno con l’avanzare delle somministrazioni".

"Con l’avvio della campagna vaccinale cresce anche la comprensibile voglia di residenti, famigliari e collaboratori di poter tornare ad abbracciarsi, incontrarsi e fare la vita di comunità che era la norma in epoca pre-pandemica. Tuttavia, è ancora presto per lasciare le misure di protezione che conosciamo (mascherine, distanziamento fisico e lavaggio frequente delle mani). Prima, infatti, c’è da completare la campagna, somministrando la seconda dose, tra qualche settimana. Di certo oggi è iniziato il percorso verso un graduale ritorno alla normalità. La luce in fondo al tunnel non è mai stata così vicina"

Guarda anche 

Coronavirus, le disposizioni cantonali in Ticino sino al 28 febbraio

Dopo le decisioni del Consiglio federale, il Consiglio di Stato ha proceduto oggi a confermare le disposizioni cantonali in vigore per il periodo fra il 18 gennaio e il 2...
15.01.2021
Ticino

Da domani stop alle visite nelle case per anziani

L'hanno definita una delle decisioni più difficile da prendere di tutta la loro vita. E ora si trovano costretti a prenderla di nuovo, pur consapevoli dopo la ...
15.01.2021
Ticino

Tre dipendenti de La Posta all'ospedale con sintomi di intossicazione

La Polizia cantonale comunica che oggi verso le 11 presso il Centro logistico de La Posta in via Industrie a Cadenazzo vi è stato un infortunio sul lavoro. Tre dip...
15.01.2021
Ticino

Rapine ai distributori di Brusino Arsizio: estradato dall’Italia uno degli autori

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che è stato estradato uno degli autori delle tre rapine ai distributori di benzina di Brusino Arsizio av...
15.01.2021
Ticino