Svizzera, 11 dicembre 2020

Proprietario di appartamento e auto di lusso ma è in assistenza, lo arrestano mentre parte in vacanza

Non era una vita di stenti quella che viveva un 49enne francese residente nel canton Vaud: un patrimonio di mezzo milione di franchi, un appartamento di quattro locali e mezzo, una carta di credito "gold" e belle automobili tra cui una Porsche Cayenne. Ma, nonostante la vita agiata, l'uomo tra 2011 e il 2016, è riuscito ad ottenere 156'000 franchi di prestazioni assistenziali (chiamate "reddito di inserimento" nel canton Vaud o IR). Come riporta il portale "20 minutes", la truffa si è conclusa il primo gennaio scorso, quando era stato arrestato all'aeroporto mentre si recava in Egitto. Invece di una vacanza in Africa, aveva trascorso 59 giorni in prigione.

Nel frattempo l'inchiesta della polizia ha appurato che i sospetti erano fondati: il 49enne, fra l'altro anche riluttante a pagare gli alimenti per il figlio, aveva mentito ai servizi sociali. Per la sua domanda di IR, il titolare di un permesso C aveva affermato di vivere in un piccolo appartamento, che ha dichiarato di aver pagato 1'300 franchi fittizi a un locatore inesistente. In realtà, viveva in case private e lavorava anche in rifugi nel Vallese, dove veniva anche pagato.

Aveva anche affittato un grande appartamento e subaffittato le camere.
Le stanze erano a volte occupate da sei persone, che lo pagavano tra i 700 e i 1'400 franchi al mese. Questo affare gli avrebbe fruttato quasi 300'000 franchi.

Al termine dell'inchiesta, l'uomo è stato denunciato per frode professionale, falsificazione di documenti e violazione degli obblighi alimentari. Aveva accettato una condanna negoziata di 24 mesi di carcere, di cui 10 da scontare. L'imputato avrebbe dovuto confermare questo accordo questa settimana davanti al tribunale di Nyon con una procedura semplificata. Tuttavia, non si è presentato all'udienza, senza dare alcuna spiegazione. 

Il 49enne, che non ha più dato sue notizie, potrebbe essere tornato in Francia. Tuttavia, l'accordo concluso con il pubblico ministero non può essere applicato nella sua forma attuale: deve essere ratificato oralmente dinanzi ai tribunali e la presenza dell'imputato è obbligatoria. Non essendosi presentato all'udienza, il suo fascicolo torna al pubblico ministero prima di essere rinviato al Tribunale, con il rischio di una condanna più pesante. Questo viaggio di ritorno è a spese dell'imputato. La somma sequestrata nei suoi conti sarà utilizzata per rimborsare le spese del Cantone.

Guarda anche 

Finta innamorata arrestata in stazione a Zurigo

Una 33enne rumena è finita in manette, poiché sospettata di aver ingannato un 78enne ed essersi fatta consegnare da lui oltre 160mila franchi. Come si le...
19.06.2021
Svizzera

Accoltellamento nella cucina di un ristorante, arrestato un italiano

Un 43enne portoghese è stato gravemente ferito a colpi di coltello, giovedì sera attorno alle 20.30 a Paudex (VD). Al momento dei fatti, spiega la polizia c...
19.06.2021
Svizzera

Lugano: due italiani condannati ed espulsi per “la più grande truffa ai crediti Covid”

Un imprenditore e un dentista, entrambi cittadini italiani, sono stati condannati ieri dalla Corte delle assise criminali di Lugano per quella che è stata definita...
17.06.2021
Ticino

Ada Marra chiede che le persone in assistenza non debbano più rimborsare gli aiuti ricevuti

"Per combattere la povertà, alcuni criteri di accesso all'assistenza sociale devono essere rivisti. La consigliera nazionale socialista Ada Marra ha prese...
11.06.2021
Svizzera