Svizzera, 05 dicembre 2020

In carcere, "Carlos" distrugge una cella "indistruttibile" del valore di 1,85 milioni di franchi

Il giovane multirecidivo conosciuto con lo pseudonimo "Carlos" fa nuovamente parlare di sè. Questa volta per aver distrutto una cella del costo di 1,85 milioni di franchi nel Pöschwies, nel canton Zurigo. Ironicamente, la cella era stata costruita apposta per carcerati violenti come Carlos ed era considerata "indistruttibile". È l'unica struttura di questo tipo in Svizzera, spiega il centro di detenzione al giornale "Schweiz am Wochenende", che riporta la notizia. Il 27 ottobre, il giovane era stato collocato in una delle due celle in questione. Ma, ben presto, divenne chiaro che non sono indistruttibili.

Il rapporto reso pubblico sabato ha rivelato che l'uomo di Zurigo ha sferrato colpi pesanti alle porte della sua cella. Sono stati così gravemente danneggiati che non possono più essere utilizzati.
L'avvocato di Carlos, che ora vuole chiamarsi col suo vero nome Brian, ha detto al giornale: "Quando Brian è arrivato nella cella speciale, ha visto una telecamera che filmava tutto quello che c'era dentro. Si sentiva come se lo prendessero in giro e lo tradissero".

La nuova unità è composta da due celle collegate ad un cortile esterno. Le porte possono essere aperte e chiuse a distanza. Alla domanda su come sia riuscito a distruggere la sua cella il primo giorno, l'istituto penitenziario non ha dato risposta.

Il giovane multirecidivo è stato nel frattempo ritrasferito in isolamento. Quando usciva per una passeggiata nel cortile esterno, era ogni volta accompagnato da otto persone, sei delle quali erano in tenuta antisommossa e con il giovane detenuto con le mani e piedi legati.

Guarda anche 

Detenuta trans: incinta le due compagne di cella

NEW JERSEY (USA) – In un carcere femminile nel New Jersey, una 27enne detenuta transgender, Demi Minor, ha avuto rapporti sessuali con altre due compagne di cella c...
24.07.2022
Magazine

Con la Porsche a più del doppio della velocità consentita, dovrà andare in carcere

Un automobilista zurighese è stato condannato a un anno e 7 mesi di carcere dal tribunale regionale del Giura bernese – Seeland. Di questi 19 mesi dovr&agrav...
11.05.2022
Svizzera

“Nella formazione ci sono tante cose da migliorare”

LUGANO - Carlos Lopes (1978) è nato a Lisbona, la bellissima capitale del Portogallo, e proprio in quella città ha cominciato a giocare a basket...
28.04.2022
Sport

Si licenzia per andare in prigione, ma la sua carcerazione viene rimandata all'ultimo momento

Un trentenne residente nel canton Vaud ha dovuto vivere una vera e propria odissea burocratica negli scorsi giorni. Condannato a una breve pena detentiva per ripetute ...
14.03.2022
Svizzera